Approfondimenti

COVID-19 in Francia: al via il coprifuoco in altre 38 province

parigi - covid francia

Quasi 42mila nuovi casi di COVID e 163 morti registrati in Francia tra mercoledì e giovedì, altre 38 province in cui da stasera a mezzanotte entrerà in vigore il coprifuoco sanitario e i reparti delle terapie intensive tornati ai livelli di metà marzo. La seconda ondata di COVID in Francia non accenna a fermarsi nonostante le misure restrittive sempre più stringenti: in tutto, sono ormai 46 milioni i francesi che dovranno rimanere in casa tra le 9 e le 6 del mattino.

La situazione è particolarmente critica nella metà sud-est del Paese, con la fascia ovest e il centro ancora relativamente risparmiati dall’epidemia. La regione Alvernia-Rodano-Alpi, quella di Lione, per intendersi, è una delle più colpite: in rianimazione non ci sono più letti e alcuni pazienti sono stati trasferiti verso Bordeaux e Poitier. Quello che colpisce è che nelle ultime settimane l’epidemia si è diffusa non solo nelle metropoli, ma anche nelle zone rurali e nelle piccole città.

Secondo le ipotesi degli esperti, uno dei motivi per cui il COVID-19 è arrivato anche nelle province meno popolose della Francia è che si assiste a una stanchezza generale nei confronti delle misure sanitarie di base, come il fatto di mettere le mascherine anche in famiglia, lavarsi le mani o mantenere le distanze. Inoltre, la Francia ha da anni un problema molto serio: i deserti sanitari. In pratica in queste zone meno urbanizzate ci sono anche meno medici ed è più difficile accedere alle strutture ospedaliere o ai centri di depistaggio, cosa che può rallentare l’azione sulle catene di contagio.

In un contesto così preoccupante, la città che ha più fatto parlare di sé in questi giorni è però Saint-Etienne. Inserita tra le prime otto metropoli dov’è scattato il coprifuoco il 17 ottobre, questa vecchia città deindustrializzata costruita sui colli a sud-ovest di Lione, è in assoluto la più colpita dal COVID-19 di Francia. Qui i contagi settimanali superano gli 800 ogni 100 mila abitanti e il tasso di positività dei tamponi è del 20%. Praticamente il doppio di Parigi. La prefettura punta il dito sugli studenti, a inizio ottobre una festa con 150 ragazzi e senza nessun rispetto delle norme sanitarie aveva scioccato la città. Ma gli esperti ricordano, riprendendo una ricerca sulla prima ondata pubblicata il 9 ottobre dall’Istituto nazionale della Salute, che il virus circola di più nelle zone in cui la popolazione è precaria, dove le famiglie numerose vivono in case in cui è difficile isolare i malati. Una situazione diffusa a Saint-Etienne, dove un quarto degli abitanti vive sotto la soglia di povertà.

Il fatto che tra i primi ospedali a dover trasferire dei pazienti COVID ci siano anche quelli di Roubaix e Tourcoing, due città del nord della Francia a forte tasso di povertà, deindustrializzazione e densità di popolazione, non fa che confermare ancora una volta quanto il coronavirus sia una malattia socialmente iniqua.

  • Autore articolo
    Luisa Nannipieri
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di ven 04/12/20

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/04/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 07:16

    Metroregione di ven 04/12/20 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 12/04/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 04/12/20

    Uno di Due di ven 04/12/20

    1D2 - 12/04/2020

  • PlayStop

    Jack di ven 04/12/20

    Jack di ven 04/12/20

    Jack - 12/04/2020

  • PlayStop

    Stay Human di ven 04/12/20

    Stay Human di ven 04/12/20

    Stay human - 12/04/2020

  • PlayStop

    Memos di ven 04/12/20

    Covid-19, tra vaccini e cause profonde. Utilizzare i primi, senza rimuovere le seconde. L’arrivo più o meno certificato dei primi…

    Memos - 12/04/2020

  • PlayStop

    Massimo Filippi ed Enrico Bonacelli, Divenire invertebrato

    MASSIMO FILIPPI ED ENRICO BONACELLI - DIVENIRE INVERTEBRATO - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 12/04/2020

  • PlayStop

    Cult di ven 04/12/20

    Cult di ven 04/12/20

    Cult - 12/04/2020

  • PlayStop

    C'e' Luce di ven 04/12/20

    Agnese Bertello, facilitatrice, esperta di progettazione partecipata, dibattito pubblico e processi deliberativi, ci spiega come lavora la convenzione dei cittadini…

    C’è luce - 12/04/2020

  • PlayStop

    Prisma di ven 04/12/20

    Prisma di ven 04/12/20

    Prisma - 12/04/2020

  • PlayStop

    Il Giorno Delle Locuste di ven 04/12/20

    Il Giorno Delle Locuste di ven 04/12/20

    Il giorno delle locuste - 12/04/2020

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di ven 04/12/20

    Il demone del tardi - copertina di ven 04/12/20

    Il demone del tardi - 12/04/2020

  • PlayStop

    Fino alle otto di ven 04/12/20

    Fino alle otto di ven 04/12/20

    Fino alle otto - 12/04/2020

  • PlayStop

    Rotoclassica di gio 03/12/20

    Rotoclassica di gio 03/12/20

    Rotoclassica - 12/04/2020

  • PlayStop

    A casa con voi di gio 03/12/20

    con Alessandro Diegoli. - punto con metro..- il panettone equo e solidale del Garabombo..- Margherita Redaelli da Bruxelles..- Marco Schiaffino…

    A casa con voi - 12/03/2020

  • PlayStop

    Esteri di gio 03/12/20

    Esteri di gio 03/12/20

    Esteri - 12/03/2020

Adesso in diretta