Approfondimenti

M5S, tutti contro tutti. “Ora più condivisione”

“Ora che la macchina è partita può procedere da sola e spedita.” Così, ufficialmente, vengono spiegate le ragioni dello scioglimento del “mini Direttorio”. Ma a parte che i fatti hanno già smentito questa realtà, con l’allontanamento dell’ultimo assessore, e una Giunta che non sembra voler mai partire, l’abbandono del Direttorio romano non sembra proprio un passo distensivo, quanto invece la dimostrazione che le tensioni nel Movimento Cinque Stelle non sono state sanate dal comizio di Grillo a Nettuno.

I parlamentari che dovevano fare da anello di congiunzione tra Direttorio nazionale e Comune di Roma si sono trovati invece a stare tra l’incudine e il martello, prendendole da tutte le parti, con i sospetti di aver volontariamente diffuso la mail per indebolire l’astro nascente Di Maio, gli errori della macchina comunicativa, e il ritorno sulla scena di Roberta Lombardi di cui sono note le incomprensioni con Virginia Raggi.

Tanti motivi per lasciare, spostando onori e oneri sulla sindaca della Capitale, che avrà un sistema di controllo in meno, ma gli occhi puntati invece di Grillo e del Direttorio romano, che ancora oggi si sono incontrati per tre ore in un albergo di Roma. Ma Grillo, nonostante sia stato a Roma tutta la giornata, non ha visto la sindaca.

“Basta autolesionismo – avrebbe detto Grillo – barra dritta e pedalare”: insomma, ha chiesto ai suoi di non fare più errori e di ricominciare, tanto più che c’è da portare avanti la campagna per il No al referendum.

Il caso Di Maio potrebbe chiudersi qui, le scuse e le giustificazioni del Vicepresidente della Camera sono apparse quasi imbarazzanti rispetto all’ intervento all’ attacco di Di Battista e quindi si è già messo in moto il gioco del nuovo candidato in pectore, ora che la stella di Di Maio è calata. Il rischio di nuove rivalità e competizioni nel Direttorio è presente e Grillo ne è consapevole. E non solo lui.

Tra i parlamentari, c’è chi critica questo sistema così chiuso di gestione e di potere. La vicenda di Roma ha fatto emergere tutte le debolezze e il ritorno di Grillo lo conferma. C’è chi chiede ora un allargamento del Direttorio, ma anche chi torna a chiedere l’avvio di quel sistema operativo Rousseau, quella rete voluta da Casaleggio, per la condivisione e le scelte del movimento. Un maggior controllo a partire da Milano, dalla Casaleggio Associati, ricordando dice ancora qualcuno che “siamo in Parlamento solo per due mandati, non si deve pensare a chi andrà a Palazzo Chigi, ma il modo migliore di lavorare è l’apertura e la condivisione.”

  • Autore articolo
    Anna Bredice
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/05/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 28/05/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di sabato 28/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/05/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/05/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 28/05/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/05/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 28/05/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/05/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/05/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 28/05/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/05/2022

    Peace, brass and love: la festa della Banda degli ottoni a scoppio; l’intervista di Ira Rubini a Davide Enia; la…

    Good Times - 28/05/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/05/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/05/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 28/05/2022

  • PlayStop

    Mash-Up di sabato 28/05/2022

    A Lunenburg, in primavera, Ilona Staller e Immanuel Kant studiano insieme come muovere le dita nelle variazioni Goldberg, ascoltando Fela…

    Mash-Up - 28/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 28/05/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 27/05/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 28/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 10 – Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Life After Death – Una realtà inaccettabile

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 7 – Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Our Side Till We Die – Conflitto Tra Coste

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 27/05/2022

    1- Egitto. Lo sciopero della fame di Alaa Abdel Fattah, una sfida lanciata al Presidente Al Sisi. Da 56 giorni…

    Esteri - 28/05/2022

  • PlayStop

    Lezioni di antimafia di venerdì 27/05/2022

    “Giustizia, Diritti e Memoria” È il titolo del nuovo e sesto ciclo di lezioni di antimafia che inizia martedì 15…

    Lezioni di antimafia - 28/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 27/05/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 28/05/2022

  • PlayStop

    Ep. 2 – All Eyez On Me – Chi era Tupac Amaru Shakur

    All Eyez On Me – Chi era 2Pac Amaru Shakur

    Who shot ya - 28/05/2022

  • PlayStop

    I premi dell'Operazione Primavera - Scuola di Arte Applicata

    La Scuola di Arte Applicata di Milano mette a disposizione tre corsi online per una persona, relativi alla tecnica di…

    Clip - 27/05/2022

Adesso in diretta