Approfondimenti

Così i giovani cileni hanno portato la rivoluzione dalla piazza alle urne

Cile

“Cile Despertò” è stato lo slogan dell’estallido social, l’esplosione sociale, iniziato nell’autunno del 2019 in Cile. “Il Cile si è svegliato”. E l’ha fatto partendo un gruppo di studenti che il 18 ottobre 2019, appena usciti da scuola, hanno saltato i tornelli della metropolitana della stazione Centrale di Santiago per protestare contro l’aumento del prezzo del biglietto.
Il problema non era la metropolitana, ma l’intero sistema, fatto di grande disuguaglianze sociali ed economiche. I giovani si sono mobilitati riempendo le piazze per mesi, senza tregua. Le nuove generazioni hanno affrontato la violenta repressione della polizia senza la paura e il peso della storia e dei ricordi che tormentavano, invece, le generazioni dei loro genitori, profondamente segnati dalla dittatura di Pinochet.

La persistenza, l’energia e la voglia di cambiare dei giovani cileni, sono riuscite in un anno a portare la rivoluzione dalle piazze alle urne. Il 25 ottobre 2020 il popolo cileno ha votato per cambiare la costituzione.
Il referendum ha rappresentato un momento storico per il paese e anche in questa occasione i giovani sono stati fondamentali.
La popolazione under 40, in Cile, rappresenta circa il 41% del totale, ed ha sempre avuto un tasso di estensione al voto molto alto. Sempre, tranne che in occasione del referendum costituzionale.
Il 25 ottobre 2020, i votanti tra i ragazzi dai 18 ai 25 anni sono aumentati del 20% rispetto alle presidenziali del 2017. I dati divisi per età del voto di questo week end, per eleggere i 155 membri dell’assemblea costituzionale che scriverà la nuova costituzione del paese, non sono ancora disponibili, ma la vittoria degli indipendenti, sui grandi partiti dell’estabilishment, fa pensare che ancora una volta i giovani cileni abbiano guidato il cambiamento.

I giovani intervistati nei giorni del voto, hanno chiarito che una cambiamento per il paese non
può arrivare dalla stessa vecchia generazione che ha guidato il Cile fino ad ora, e per questo i ragazzi e le ragazze non possono e non devono astenersi dal voto. Né quello appena passato, né i futuri.
Scrivere la costituzione, per i giovani, significa scrivere il futuro del paese che riguarderà
le nuove generazioni prima di chiunque altro. La sera della vittoria del si al referendum costituzionale, la parole sulla bocca di tutti era “renace”, rinasce.
Il Cile, quella notte, aveva scelto di cambiare, di risorgere non dalle ceneri del passato, madalla forza delle nuove generazioni.

FOTO| Santiago, Chile, inizio della conta dei voti per l’elezione della nuova assemblea costituente

  • Autore articolo
    Martina Stefanoni
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 27/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 28/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/10/21 delle 19:49

    Metroregione di mer 27/10/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 28/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    The weekly report di gio 28/10/21

    The weekly report di gio 28/10/21

    The Weekly Report - 28/10/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 27/10/21

    Jazz Ahead di mer 27/10/21

    Jazz Ahead - 28/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 27/10/21

    News Della Notte di mer 27/10/21

    News della notte - 28/10/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 27/10/21

    Gimme Shelter di mer 27/10/21

    Gimme Shelter - 28/10/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 27/10/21

    Parliamo della crisi su tutti i mercati di risorse fossili con Simone Tagliapietra del Bruegel Think tank, del centenario della…

    Il giusto clima - 28/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 27/10/21

    Quel che resta del giorno di mer 27/10/21

    Quel che resta del giorno - 28/10/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/10/21

    1-Portogallo: verso l’implosione della coalizione progressista che governa il paese da sei anni. Socialisti e il blocco delle sinistre radicali…

    Esteri - 28/10/2021

  • PlayStop

    The Game di mer 27/10/21

    The Game di mer 27/10/21

    The Game - 28/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 27/10/21

    Muoviti muoviti di mer 27/10/21

    Muoviti muoviti - 28/10/2021

  • PlayStop

    Roberto Codazzi, Donne favolose

    ROBERTO CODAZZI - DONNE FAVOLOSE - presentato da DISMA PESTALOZZA

    Note dell’autore - 27/10/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mer 27/10/21

    Di tutto un boh di mer 27/10/21

    Di tutto un boh - 28/10/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 27/10/21

    Si parla con Chiara De Gregorio e Teresa Raimondi, ricercatrici dell'Università di Torino e co autrici dello studio sul senso…

    Considera l’armadillo - 28/10/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 27/10/21

    Jack di mer 27/10/21

    Jack - 28/10/2021

  • PlayStop

    Provini

    quando otteniamo l'approvazione delle autorità preposte per il combattimento tra galli metaforici, eseguiamo un casting semifallimentare per le nostre fiction,…

    Poveri ma belli - 28/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 27/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina di mer 27/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina - 28/10/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 27/10/21

    Cult di mer 27/10/21

    Cult - 28/10/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di mer 27/10/21

    Tutto scorre di mer 27/10/21

    Tutto scorre - 28/10/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 27/10/21

    Prisma di mer 27/10/21

    Prisma - 28/10/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 27/10/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 27/10/21

    Il demone del tardi - 28/10/2021

Adesso in diretta