Approfondimenti

Ciao Pietrone

Oggi mi tocca una parte così.

Di quelle che mi sarei voluto davvero risparmiare.

Mi tocca salutare Pietro.

Pietro Cheli.

Mi tocca salutarlo stando attento a non eccedere con le parole belle, consapevole che se potesse mi liquiderebbe via con un genovesissimo “Belìn, ma va a cagare”.

E allora ne parlerò anche un po’ male, come si può fare solo di un amico a cui si è voluto bene.

Pietro l’ho conosciuto da ascoltatore.

Perché lui ascoltava, ascoltava tutto.

Era come la Stasi.

Ascoltava tutto e non ti perdonava niente.

Ascoltava come leggeva, in modo onnivoro.

E non dimenticava nulla.

Sapeva tutto di tutti e tutto di tutto.

Era una gigantesca portinaia di quelle da romanzo popolare.

Era come Gelli, ma senza loggia e senza faldoni.

Tutto a memoria e niente secondi fini.

In testa aveva un archivio infinito, foderato di aneddoti e storie, tante quanto i libri che riempivano gli scaffali della sua casa.

Pietro divorava letteratura e divorava il cibo.

Il suo posto era la tavola.

Era vorace quanto generoso.

Generoso e spietato.

Perché sapeva distinguere perfettamente chi aveva talento e chi no, gli intelligenti dai cretini.

Era un critico. Non solo nella professione, anche nella vita.

Ed era manicheo.

Poteva accoglierti – ed era un privilegio – oppure liquidarti e chiuderti la carriera con una battuta sferzante.

Non era cattiveria.

Era autorevolezza.

La sua autorevolezza stava lì.

Nel saper prendere sempre una posizione netta sulle cose.

Mai pregiudiziale.

Perché aveva conoscenza e gli strumenti per valutare.

Che non è mica cosa da tutti.

Anzi, è un patrimonio di pochi.

Non c’era cerimoniale in Pietro.

Era trasparente e autentico.

Sapeva essere duro ed era fragilissimo.

Era un adulto bambino.

Una lucente contraddizione che teneva insieme Philip Roth e la battuta da caserma, Cracco e la porchetta, gli appunti partigiani e il Manchester United, il dionisiaco e il razionale, il cinismo e la tenerezza.

Lui, genovese fino al midollo, che al ristorante lasciava mance da Calboni, che contraddizione.

Era un ragazzino Pietro, dentro una figura gigante.

Che se n’è andato subito dopo i cinquant’anni.

Forse perché sapeva che era l’ultima età buona per rimanere ancora un po’ bambini.

  • Autore articolo
    Gianmarco Bachi
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 24/01/22

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 24/01/22 delle 19:48

    Metroregione di lun 24/01/22 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 24/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di lun 24/01/22

    1-Crisi Ucraina. La Nato rafforza i confini orientale e sfida apertamente la Russia...Ma basterebbe un piccolo errore di calcolo per…

    Esteri - 24/01/2022

  • PlayStop

    The Game di lun 24/01/22

    //Fallimenti delle aziende, ridotti nel 2020 sotto i livelli pre-Covid grazie ai ristori di stato. Lo sostiene una nota della…

    The Game - 24/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di lun 24/01/22

    Dove si parla di cose bianche dalla pasta, alla fumata, alla scheda. Poi si scopre l'esistenza di tale Elisabetta Belloni…

    Muoviti muoviti - 24/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di lun 24/01/22

    Di tutto un boh di lun 24/01/22

    Di tutto un boh - 24/01/2022

  • PlayStop

    Considera l'armadillo lun 24/01/22

    Si parla con Giuseppe Festa del suo ultimo libro Una trappola d'aria edito da Longanesi, un giallo ambientato alle Isole…

    Considera l’armadillo - 24/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di lun 24/01/22 delle 15:35

    Presi per il colle di lun 24/01/22 delle 15:35

    Presi per il Colle - 24/01/2022

  • PlayStop

    Jack di lun 24/01/22

    Jack di lun 24/01/22

    Jack - 24/01/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di lun 24/01/22

    Poveri ma belli di lun 24/01/22

    Poveri ma belli - 24/01/2022

  • PlayStop

    Presi per il colle di lun 24/01/22 delle 12:48

    Presi per il colle di lun 24/01/22 delle 12:48

    Presi per il Colle - 24/01/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di lun 24/01/22

    Tutto scorre di lun 24/01/22

    Tutto scorre - 24/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di lun 24/01/22

    Quirinale, ci siamo, ma cosa può succedere? Con il politologo Gianfranco Pasquino e Anna Bredice. Il racconto di Michele Usuelli,…

    Prisma - 24/01/2022

  • PlayStop

    Guarda che lune di lun 24/01/22

    Qurinale tre appunti. Cosa ci dice il Mein Kampf sulla comunicazione. Le città invase dalla pubblicità o l'incapacità di gestire…

    Guarda che Lune - 24/01/2022

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 23/01/22

    Reggae Radio Station di dom 23/01/22

    Reggae Radio Station - 24/01/2022

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 23/01/22

    in onda Alessandro Achilli. Musiche: Jaguar Jonze, Xtc, Sarah Vaughan, Annette Peacock, Zorn, Beresford, Ayers, Beefheart, Coxhill, Wyatt, Matching Mole,…

    Prospettive Musicali - 24/01/2022

  • PlayStop

    News Della Notte di dom 23/01/22

    News Della Notte di dom 23/01/22

    News della notte - 24/01/2022

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 23/01/22

    Sacca del Diavolo di dom 23/01/22

    La sacca del diavolo - 24/01/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di dom 23/01/22

    Sunday Blues di dom 23/01/22

    Sunday Blues - 24/01/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di dom 23/01/22

    Cat Power a cura di Niccolò Vecchia

    L’Artista della settimana - 24/01/2022

Adesso in diretta