Approfondimenti

Chi voterà il 6 e il 7 febbraio?

Mancano meno di due settimane alle primarie del centrosinistra di Milano, e i sondaggi registrano ancora un consistente vantaggio di Giuseppe Sala su Francesca Balzani e Pierfrancesco Majorino. Cinque anni fa gli istituti di sondaggio segnalavano un sostanziale testa a testa tra Giuliano Pisapia e Stefano Boeri, e più staccato Valerio Onida.

Il commissario unico a Expo è in discesa rispetto all’inizio, ma con ancora un ampio margine: all’inizio era attorno al 60 per cento dei consensi, ora è al 50.

Ci sono alcuni elementi di riflessione in questo ampio uso dei sondaggi. Il primo è la proliferazione di indagini: come sappiamo, i committenti possono influenzare l’esito, non a caso nelle norme della famigerata par condicio è stato codificato il loro uso.

Il campione di persone intervistate è sull’elettorato del centrosinistra – e non su chi si reca alle primarie – una differenza sostanziale, che diminuisce l’attendibilità. Andare volontariamente alle urne per scegliere un candidato è cosa diversa da recarsi a un seggio per votare il sindaco.

In questo momento ci sono due candidati che fanno incontri più partecipati – Balzani e Majorino – con la prima in crescita e capace di intaccare l’elettorato di Sala, mentre il secondo ha dalla sua sostenitori molto motivati e galvanizzati dalla vittoria del primo dibattito a quattro. In questo elettorato c’è anche una parte attiva che si asterrà, perché pensa che la divisione tra i due candidati più di sinistra agevoli la vittoria dell’amministratore di Expo.

Sala non sembra riuscire a motivare alla partecipazione, ma può contare su una fama personale consistente che lo rende votabile da un elettorato di opinione ed è sostenuto da un bel pezzo del Partito democratico.

Proprio per questo in tutti i comitati c’è tensione, anche per la singola apparizione mediatica, perché la sfida è innanzitutto portare al voto i milanesi il 6 e 7 febbraio. E nessuno sa da chi è composto il popolo delle primarie milanesi, probabilmente molto diverso da quello del novembre 2000.

  • Autore articolo
    Fabio Fimiani
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 29/06/2022

    1-Attentati di Parigi. Un processo per la Storia e una lezione di umanità. Oggi la lettura della sentenza. Lo speciale…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 29/06/2022

    1) Stati Uniti con una piede nella recessione. Nel primo trimestre 2022 il pil americano è calato dell’1,6%, dopo il…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 29/06/2022

    Dove si affronta ancora il problema dell'emergenza climatica con il Dott. Andrea Merlone, Metrologo e Climatologo dell’INRiM, l’Istituto Nazionale di…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 29/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 29/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 29/06/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/06/2022

    Marta Blumi Tripodi ci racconta il live di Alicia Keys al Forum di Assago

    Jack - 29/06/2022

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Giorgio Macellari, La vita si sconta morendo. L'arte del vivere e del morire bene

    GIORGIO MACELLARI – LA VITA SI SCONTA MORENDO. L’ARTE DEL VIVERE E DEL MORIRE BENE – presentato da MARCO DI…

    Note dell’autore - 29/06/2022

  • PlayStop

    La volta che sono arrivato uno

    quando Dismacchione è fuori gioco ed è sostituito da Giulia che lavora da subito per il suo fanclub, mantre elogiamo…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30, “Vapore d'estate” con oltre 100 appuntamenti culturali…

    Cult - 29/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    LA SICCITA' E L'INERZIA DEL GOVERNO Stefano Iannacone giornalista de Il Domani Angelo Bonelli portavoce dei Verdi Serena Giacomin Fisica…

    Prisma - 29/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

Adesso in diretta