Mia cara Olympe

Verso il 25 novembre, la responsabilità delle parole

Antefatto: la Stampa, dopo il triplice femminicidio di Roma, ha pubblicato un articolo a firma, anzi a pseudonimo, di Patrizio Bati, scrittore che racconta di essere stato una ventina di volte nell’appartamento delle due donne cinesi, peraltro ancora senza nome, in qualità di cliente.
A mio avviso, (quasi) tutto ciò che non bisogna fare quando si scrive di un femminicidio e quando questo ha per teatro un contesto di prostituzione: con il vestito dell’insider nell’ambiente che dovrebbe dare ‘esclusività’ al racconto  (e già su questo punto c’è molto da dire e riflettere) un esercizio di modestissima scrittura e troppi e pesanti stereotipi – la pelle ambrata e gli occhi a mandorla, le ombre cinesi, le finestre chiuse, la Roma che mai hanno visto e non vedranno. Immediata, sotto forma di proteste e mail bombing,  è arrivata la reazione di tante (anche stavolta, uomini non pervenuti) di cui il giornale ha dato conto con una doppia pagina in cui, oltre a pubblicare alcuni dei messaggi, molti dei quali vengono dal mondo di chi lavora contro la violenza sulle donne, difende e spiega la propria scelta. In sintesi con due motivazioni: non stiamo normalizzando o tantomeno giustificando ma raccontando, la prima delle due motivazioni; il racconto di Bati disturba perché è la banalità del male a darci fastidio, la seconda.

Alla vigilia del 25 novembre, giornata mondiale contro la violenza delle donne, rimbalza con forza il tema della responsabilità, che afferisce ai media, delle parole e del racconto della violenza. C’è una domanda chiave: c’è qualcosa nel racconto di Bati che non sapevamo, non potevamo immaginare della vita di queste vittime, qualcosa che dà a chi legge conoscenza e consapevolezza? No, nulla aggiunge e molto toglie, quel racconto, e non perché ci fa scoprire la banalità del male ma perché sceglie le tinte più sbagliate – dall’estetizzazione un po’ pruriginosa all’infimo gusto dei ‘rigagnoli di sperma’ che scorrono nel Tevere e che avrebbero dovuto, almeno quelli, far  suonare un campanello d’allarme a chi quell’articolo ha letto prima della pubblicazione – e mai fa neanche lontanamente cenno alla questione centrale della domanda maschile di prostituzione di cui l’autore è peraltro parte. E non basta dire che si tratta del racconto di uno scrittore (Bati, pseudonimo pare ispirato al nome del serial killer di ‘American Psycho’, è autore del romanzo ‘Noi felici pochi’ , la cui sinossi ci informa che tutte le persone di cui si parla nelle scene di violenza descritte sono state realmente aggredite e malmenate); non basta perché resta in capo al giornale la responsabilità delle parole, tanto più pesante proprio perché insistono su una delicatissima vicenda.

Qualche dato per capire di più di un mondo complesso e articolato che mette insieme le donne vittime di tratta e sfruttate e quelle che in autonomia si prostituiscono. Detto che le vite di queste donne e dunque le violenze che subiscono restano, assai più di quelle di altre, lontano dai riflettori non solo dei media ma anche degli apparati dello Stato, tra il 1988 e il 2018 in Italia vi sono stati 485 omicidi di prostitute, dettagliano Paola Degani e Gianfranco Della Valle che, nel 2020, hanno dedicato uno studio ai femminicidi delle  prostitute. Ricordando studi epidemiologici americani secondo i quali il rischio di essere uccise è 18 volte più alto per loro rispetto alle altre donne (altre ricerche danno stime molto più pesanti), scrivono: “Se le uccisioni che hanno come vittime le donne rimangono ‘irrisolte’ solo nel 10% dei casi in assenza di un autore di tali crimini, negli omicidi/femminicidi di prostitute circa il 45% dei responsabili resta ignoto. Una percentuale davvero alta che non rende giustizia a queste donne e nemmeno alla società riproducendo, anche se in modo silenzioso e difficilmente dimostrabile, un’odiosa discriminazione tra donne ‘per bene’ e donne ‘poco meritevoli del rispetto’ della pubblica opinione”.

Di questo (e molto altro) parliamo o meglio dovremmo parlare, non di ombre cinesi, non di ciglia lunghe e pantofoline. Ed è frustrante, e non rende un buon servizio a chi legge, pensare che tutto ciò che in convegni e aule universitarie viene raccomandato in tema di un veritiero racconto della violenza contro le donne resti poi lì confinato.

 

  • Assunta Sarlo

    Calabromilanese, femminista, da decenni giornalista, scrivo e faccio giornali (finché ci sono). In curriculum Ansa, il manifesto, Diario, il mensile E, oggi Prima Comunicazione, Io Donna e il magazine culturale cultweek.com. Un paio di libri: ‘Dove batte il cuore delle donne? Voto e partecipazione politica in Italia’ con Francesca Zajczyk, e ‘Ciao amore ciao. Storie di ragazzi con la valigia e di genitori a distanza’. Di questioni di genere mi occupo per lavoro e per attivismo. Sono grata e affezionata a molte donne, Olympe de Gouges cui è dedicato questo blog è una di loro.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 26/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 27/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 25/11/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 27/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sabato 26/11/2022

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 27/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di sabato 26/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/11/2022

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 26/11/2022

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 26/11/2022

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 27/11/2022

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 26/11/2022

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 27/11/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 26/11/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 27/11/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 26/11/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 27/11/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 26/11/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 27/11/2022

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 26/11/2022

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 27/11/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 26/11/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 27/11/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 26/11/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 26/11/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 27/11/2022

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 26/11/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 27/11/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 25/11/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 27/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 25/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 27/11/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 25/11/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 27/11/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 25/11/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 27/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 25/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 27/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 25/11/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 27/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 25/11/2022

    (47 - 238) Dove si scopre che per fare il Vice Ministro degli Esteri non è così importante conoscere, almeno…

    Muoviti muoviti - 27/11/2022

Adesso in diretta