Palazzeide

Salvini e il gioco della Liberazione

Matteo Salvini, si sa, non ha mai avuto un buon rapporto con il 25 aprile.
Il capo della Lega si ostina a chiamare il giorno della Liberazione dal nazifascismo il “giorno della Libertà”, termine neutrale, antistorico, non ha connotazioni politiche e va bene su tutto.
Infatti il 25 aprile si fa sempre trovare un po’ lontano da Milano, ad esempio qualche anno fa era a Corleone, a dire che quel giorno preferiva festeggiare la liberazione dalla mafia.
Eppure ieri in tutti i messaggi social, nei quali si capiva che non vedeva l’ora di intestarsi la vittoria delle riaperture, poi qualcuno deve avergli detto di non strafare, infatti poi ha aggiunto “non è una vittoria mia ma del buon senso”, ecco in quei messaggi social ha abbondato nelle espressioni “un aprile di liberazione”.
Sapendo bene che il 26 viene dopo il 25, Salvini gioca con la liberazione, che per lui è quella dei commercianti, ristoratori, e tutti i suoi possibili futuri elettori a cominciare già dalle elezioni di ottobre.
La liberazione, quella che poi ha portato alla democrazia per lui è in secondo piano, l’ha sempre sfuggita, non è mai stata fondamentale, anche perché ha sempre un po’ strizzato l’occhio a chi va a Predappio in corteo a rendere omaggio al ventennio fascista.
Se il 26 aprile viene dopo un giorno a me molto caro, l’anno scorso le riaperture di negozi, bar e ristoranti sono arrivate il giorno del mio compleanno, il 18 maggio. A parte questa coincidenza, ciò che mi colpisce è la similitudine di parole, dichiarazioni, rassicurazioni, raccomandazioni, promesse di un’uscita a breve dalla pandemia e del ritorno alla vita normale.
Sono andata a rivedermi le dichiarazioni di allora, le parole sono spesso uguali.
Eppure ad ottobre siamo finiti di nuovo nel tunnel.
E allora penso che il rischio ragionato, che segna la svolta di questo 26 aprile, debba accompagnarsi anche ad un altro sostantivo, “corsa”, la corsa, ma fortissima, della campagna vaccinale, che deve andare più forte delle riaperture, deve staccare in velocità ristoratori, commercianti, tutti noi che comprensibilmente vorremmo tornare al cinema o in piscina, e correre veloce verso la meta, perché è l’unica cosa che segna la differenza tra oggi e ieri.
L’anno scorso i vaccini non c’erano, quest’anno sì. E per avere la certezza che ad ottobre non ci ritroveremo di nuovo a casa, i vaccini devono arrivare in estate a mettere al sicuro i più deboli, e poi tutti noi.
Il rischio ragionato è anche il rischio che deve essere sempre minore, sempre meno presente di finire contagiati e in ospedale.

  • Anna Bredice

    A Roma con il cuore, una figlia e la testa, a due passi dai tetti belli di Garbatella e dal Gazometro di Ostiense, atmosfere tra Ozpetek e il caffè sospeso di Casetta Rossa. A Milano con gli affetti, la famiglia e la radio della vita. Seguo la politica per Radio Popolare da tanti anni, con impegno, partecipazione, a volte rabbia e passione.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 12/05/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 05/12/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 12/05/21 delle 19:49

    Metroregione di mer 12/05/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 05/12/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mer 12/05/21

    1- Le operazioni militari a Gaza continueranno. L’annuncio del governo israeliano a poche ore dall’arrivo dell’emissario di Joe Biden. Nello…

    Esteri - 05/12/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 12/05/21

    Sunday Blues di mer 12/05/21

    Sunday Blues - 05/12/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di mer 12/05/21

    Uno di Due di mer 12/05/21

    1D2 - 05/12/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 12/05/21

    Ospite della puntata Zibba intervistato da Matteo Villaci

    Jack - 05/12/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 12/05/21

    Si parla con Isabella Pratesi, direttrice Conservazione WWF Italia della campagna di sms solidali 45585 SOS Leone per combattere il…

    Considera l’armadillo - 05/12/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 12/05/21

    Stay Human di mer 12/05/21

    Stay human - 05/12/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 12/05/21

    Democrazia europea cercasi. Il 9 maggio scorso, festa dell’Europa, c’è stato il lancio della “Conferenza per il futuro dell’Europa”. Un’assemblea…

    Memos - 05/12/2021

  • PlayStop

    Roberto Escobar, Il mondo di Woody

    ROBERTO ESCOBAR - IL MONDO DI WOODY - presentato da BARBARA SORRENTINI

    Note dell’autore - 05/12/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 12/05/21

    ira rubini, cult, ruben jais, la verdi dal vivo, tatiana oleaer, nuovi incorci 21, scuola di teatro paolo grassi milano,…

    Cult - 05/12/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 12/05/21

    ATT su iPhone: tutti bloccano il tracciamento; aggiornamento privacy di Whatsapp; Signal trolla Facebook; anche Google Play migliora la privacy;…

    Doppio Click - 05/12/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 12/05/21

    Aggiornamenti da Gaza e un'analisi della situazione tra Israele e Palestina con Davide Lerner. Riunione Stato Regioni su riaperture, ne…

    Prisma - 05/12/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 12/05/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 12/05/21

    Rassegna stampa internazionale - 05/12/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 12/05/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 12/05/21

    Il demone del tardi - 05/12/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di mer 12/05/21

    Fino alle otto di mer 12/05/21

    Fino alle otto - 05/12/2021

Adesso in diretta