Palazzeide

Renzi, sereno nel Bahrain

La premessa è che nessuno glielo impedisce e il viaggio, assicura, se lo è pagato con i propri soldi. Tra i divieti delle zone rosse e arancioni, gialle no perché per tutto aprile quel colore non riscalderà le nostre regioni, obbligati a non uscire dai propri comuni o ad andare a casa della nonna solo in due, inspiegabilmente ognuno di noi però può raggiungere un aeroporto e volare all’estero.
E quindi nessuna violazione delle regole anti Covid per Renzi, che con camicia un po’ sbottonata e pass al collo ha assistito al gran premio di Formula uno in Bahrain.
Ma una domanda però, come si suol dire, sorge spontanea: che sta succedendo a Matteo Renzi in questo periodo?
E’ come se improvvisamente volesse dimostrare provocatoriamente che dei giudizi, delle opinioni degli altri parlamentari e soprattutto dei suoi elettori e dell’opinione pubblica, non gli interessasse molto.
Si è battuto per i ristori, ora chiamati sostegni, per l’assegno unico alle famiglie e poi con grande tranquillità va a trascorrere il fine settimana in uno degli hotel più cari di Dubai.
Professori e studenti sono davanti a Montecitorio perché chiedono di tornare a scuola e lui che fa? Vola in Bahrain a vedere la corsa di Formula uno. Per non parlare del viaggio in Arabia saudita su cui pochi giorni fa ha avuto un’uscita alla ‘questo lo dice lei’: “Mohamed Bin Salman è un mio amico, e che sia il mandante dell’omicidio Kashoggi lo dite voi”.
Appare un po’ fuori tempo, fuori contesto. Sta lasciando a Salvini la conduzione della battaglia nel governo per la riapertura di bar e negozi a metà aprile, quando invece con Conte faceva il diavolo a quattro per questo obiettivo. Renzi sembra non essere riuscito a trovare una sua strada né di lotta né di governo con Draghi a Palazzo Chigi.
Del resto, l’assoluta centralità che i passi falsi di Conte e la sua stessa spregiudicatezza gli avevano regalato ora si è persa completamente. I numeri dei suoi parlamentari non sono più interessanti, anzi qualcuno al Senato se ne è pure tornato alla Casa madre, niente ago della bilancia quindi, Draghi non lo cita mai nelle sue conferenze stampa e questo deve essere un grande problema per il suo orgoglio.
Ma a pensar bene, c’è un altro fatto che deve aver messo in grande crisi Renzi: quella fotografia di Enrico Letta e Giuseppe Conte che dopo il loro incontro annunciano soddisfatti di andare verso nuove avventure è il colpo decisivo alle sue strategie machiavelliche. I due, che aveva senza molti scrupoli mandato via da Palazzo Chigi, sono tornati, cosa faranno dei loro partiti si vedrà nel tempo, ma guideranno forze politiche che hanno consensi a due cifre, e invece il due e basta è quello che Italia viva deve rassegnarsi ad avere nei sondaggi.
Il grande centro di cui vedeva se stesso come il principale manovratore si fa fatica a capire che destino avrà. Letta vuole creare una grande coalizione di centro sinistra e legittimamente vuole mettere il suo partito al centro, anche rispetto ai Cinque stelle.
Cosa resta a Renzi? Nemmeno un incontro con Letta, quest’ultimo ha visto tutti, da Calenda a Conte, ma nella sua agenda un incontro con chi gli ha preso con voracità la campanella a Palazzo Chigi ancora manca.
Lo vedrà, ma non ha fretta, tra i due, da quando Letta è tornato da Parigi, si è creata un po’ quella curiosità da soap opera: lo chiamerà, non lo chiamerà, capirà di aver sbagliato e giurerà di non tradirlo mai più?
Letta lo tiene un po’ sulla graticola, sapendo bene quanto gli fa male, infatti Renzi sulla graticola proprio non ci sa stare, allora parte e se ne va “serenamente” in Bahrain.

  • Anna Bredice

    A Roma con il cuore, una figlia e la testa, a due passi dai tetti belli di Garbatella e dal Gazometro di Ostiense, atmosfere tra Ozpetek e il caffè sospeso di Casetta Rossa. A Milano con gli affetti, la famiglia e la radio della vita. Seguo la politica per Radio Popolare da tanti anni, con impegno, partecipazione, a volte rabbia e passione.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 02/08/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 08/02/2021

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di lun 02/08/21

    Prisma di lun 02/08/21

    Prisma - 08/02/2021

  • PlayStop

    Radiosveglia del lun 02/08/21

    Radiosveglia del lun 02/08/21

    Radiosveglia - 08/02/2021

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di dom 01/08/21

    Reggae Radio Station di dom 01/08/21

    Reggae Radio Station - 08/02/2021

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di dom 01/08/21

    Prospettive Musicali di dom 01/08/21

    Prospettive Musicali - 08/01/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di dom 01/08/21

    News Della Notte di dom 01/08/21

    News della notte - 08/01/2021

  • PlayStop

    Sacca del Diavolo di dom 01/08/21

    Sacca del Diavolo di dom 01/08/21

    La sacca del diavolo - 08/01/2021

  • PlayStop

    Yes Weekend di dom 01/08/21

    Yes Weekend di dom 01/08/21

    Yes Weekend! - 08/01/2021

  • PlayStop

    Belle d'estate di dom 01/08/21

    Belle d'estate di dom 01/08/21

    Belle d’estate - 08/01/2021

  • PlayStop

    Italian Girl di dom 01/08/21

    Italian Girl di dom 01/08/21

    Italian Girl - 08/01/2021

  • PlayStop

    The writers di dom 01/08/21

    The writers di dom 01/08/21

    The writers - 08/01/2021

  • PlayStop

    Sergente Pepe di dom 01/08/21

    Sergente Pepe di dom 01/08/21

    Gli amici del Sergente Pepe - 08/01/2021

  • PlayStop

    Camera Sud del dom 01/08/21

    Camera Sud del dom 01/08/21

    Camera a sud - 08/01/2021

  • PlayStop

    Sing Sing Sing di dom 01/08/21

    Sing Sing Sing di dom 01/08/21

    Sing Sing Sing - 08/01/2021

  • PlayStop

    Onde Road di dom 01/08/21

    Onde Road di dom 01/08/21

    Onde Road - 08/01/2021

  • PlayStop

    Chassis di dom 01/08/21

    Chassis di dom 01/08/21

    Chassis - 08/01/2021

Adesso in diretta