Mia cara Olympe

Primo maggio: serve il pane, servono le rose

Io il lavoro l’ho perso diverse volte. E ogni volta, oltre che un problema, è stato un lutto. Non saprei come altro chiamarlo, se non così. Un lutto: da realizzare in prima istanza e ricordo molto bene il momento degli scatoloni e della restituzione delle chiavi, da elaborare poi, quando ti ritrovi a casa tu che a casa non ci sei mai stata, le giornate si spalancano, il telefono suona di rado e sembra di non avere nulla in mano. Non la voglio fare lunga: ho perso il lavoro la prima volta a 28 anni, quando in tanti oggi non hanno ancora cominciato e io lavoravo già da anni , in un momento in cui il lavoro c’era e se si perdeva, si ritrovava. Andò così. La seconda e la terza volta sono state più dure, più doloroso e non esente da conflitti vedere chiudere giornali molto amati e sui quali si era investito tantissimo, sapendo che fuori, beh, era ormai tutta un’altra storia per il mio mestiere. Quella che dura tuttora, peraltro.
Al netto del fatto – e  proprio perché consapevole di quanto dirimente sia questo elemento  – che la fine del lavoro non sia stata per me un fatto di immediata sopravvivenza anche se ovviamente causa di assai minori entrate, ogni volta la perdita mi ha investito con forza e mi ha chiesto di farci i conti. È questo che voglio ricordare, oggi primo maggio di pandemia, anno che ha visto tanti e soprattutto tante donne perdere il lavoro. Perderlo, sacrificarlo ai compiti di cura, o non cercarlo più, definitivamente scoraggiate. Vorrei dire di quell’eccedenza  preziosa che il lavoro – soprattutto quello delle donne, ed è intuitivo capire perché – porta con sé: e mi spingo a dire, a costo di vedermi rimproverata, non soltanto se è un lavoro scelto o amato. Di che cosa è fatta questa eccedenza ciascuna di noi lo sa e ciascuna potrebbe descriverla: c’è l’autonomia, c’è il denaro, c’è lo spazio pubblico, c’è il ruolo nel mondo e nel proprio nucleo di affetti,  l’essere utile, c’è, per chi lo è, non sentirsi solo la mamma di o la moglie di. E c’è, sì, il piacere di farlo, il tuo lavoro.
Il racconto del lavoro ne deve tenere conto: provate a chiedere a chi vi sta accanto cosa ama del suo lavoro, cosa  lo/la rende soddisfatta o, al contrario, fa arrabbiare o  accumulare frustrazione. Cosa vorrebbe fare e come vorrebbe lavorare. Scoprirete, nel dettaglio delle vite al lavoro, cose inedite, personali e molto interessanti, che esorbitano dalla casellina in cui ciascuno di noi, da lavoratore o lavoratrice, è racchiuso.
Nel momento in cui il lavoro si immiserisce, viene consegnato all’algoritmo o, peggio, scompare, salvare la creatività, la singolarità, quel pezzo in più che ciascuno di noi mette nel suo lavoro mi sembra necessario.  Non perché non veda quanto lavoro senza diritti,  quanto lavoro sfruttato ci sia intorno a me, ma perché – abuso di uno slogan vecchio ma quanto mai giusto e opportuno adesso – ci serve il pane, ci servono le rose.

 

  • Assunta Sarlo

    Calabromilanese, femminista, da decenni giornalista, scrivo e faccio giornali (finché ci sono). In curriculum Ansa, il manifesto, Diario, il mensile E, oggi Prima Comunicazione, Io Donna e il magazine culturale cultweek.com. Un paio di libri: ‘Dove batte il cuore delle donne? Voto e partecipazione politica in Italia’ con Francesca Zajczyk, e ‘Ciao amore ciao. Storie di ragazzi con la valigia e di genitori a distanza’. Di questioni di genere mi occupo per lavoro e per attivismo. Sono grata e affezionata a molte donne, Olympe de Gouges cui è dedicato questo blog è una di loro.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di dom 26/09/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 26/09/2021

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di dom 26/09/21

    Gli speciali di Radio Popolare di dom 26/09/21

    Gli speciali - 26/09/2021

  • PlayStop

    Apertura classica di dom 26/09/21

    Apertura classica di dom 26/09/21

    Apertura musicale classica - 26/09/2021

  • PlayStop

    Slide Pistons di sab 25/09/21

    Slide Pistons di sab 25/09/21

    Slide Pistons – Jam Session - 26/09/2021

  • PlayStop

    Snippet di sab 25/09/21

    Snippet di sab 25/09/21

    Snippet - 26/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di sab 25/09/21

    News Della Notte di sab 25/09/21

    News della notte - 26/09/2021

  • PlayStop

    Avenida Brasil di sab 25/09/21

    Avenida Brasil di sab 25/09/21

    Avenida Brasil - 26/09/2021

  • PlayStop

    Pop Up di sab 25/09/21

    Pop Up di sab 25/09/21

    Pop Up Live - 26/09/2021

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 25/09/21

    I Girasoli di sab 25/09/21

    I girasoli - 26/09/2021

  • PlayStop

    Stay Human di sab 25/09/21

    Stay Human di sab 25/09/21

    Stay human - 26/09/2021

  • PlayStop

    Senti un po' di sab 25/09/21

    Senti un po' di sab 25/09/21

    Senti un po’ - 26/09/2021

  • PlayStop

    DOC di sab 25/09/21

    DOC di sab 25/09/21

    DOC – Tratti da una storia vera - 26/09/2021

  • PlayStop

    Ollearo.con di sab 25/09/21

    Ollearo.con di sab 25/09/21

    Ollearo.con - 26/09/2021

  • PlayStop

    Good times di sab 25/09/21

    Fabrizio Rosselli presenta il suo spettacolo Bakéké, in scena a Tendenza clown, festival di circo contemporaneo al Franco Parenti; Paolo Cognetti…

    Good Times - 26/09/2021

  • PlayStop

    Itaca di sab 25/09/21

    Itaca di sab 25/09/21

    Itaca - 26/09/2021

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 25/09/21

    Itaca Rassegna di sab 25/09/21

    Itaca – Rassegna Stampa - 26/09/2021

  • PlayStop

    Piovono radio di sab 25/09/21

    Piovono radio di sab 25/09/21

    Piovono radio - 26/09/2021

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 25/09/21

    Mash-Up di sab 25/09/21

    Mash-Up - 26/09/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 24/09/21

    Doppia Acca di ven 24/09/21

    Doppia Acca - 26/09/2021

Adesso in diretta