Sante parole

Le lingue che ho vissuto

appunti per un'autobiografia mediterranea

Maria Silvia è nata a Ginevra, poi con la famiglia si è spostata a Napoli, ha vissuto a Milano per decenni e ormai da qualche anno si è trasferita per lavoro a Palma di Maiorca. Siamo amici da almeno trent’anni e, leggendo questo blog, le è venuta voglia di raccontarmi le lingue della sua vita. Con il suo consenso, condivido qui le sue riflessioni.

Mentre passa il tempo, ecco qua alcune piccole osservazioni totalmente personali sul tema della traduzione.
1) Quando impari una lingua da vecchio – come me intorno ai cinquant’anni – non puoi fare a meno di tradurre dalle tue strutture. Invecchiando apprendi meglio grazie a similitudini che a differenze. Le differenze sono maggiormente indigeste, le uguaglianze vanno giù leggere. Cosi rimesti conoscenze di fronte all’emergenza. Desideri esprimerti con la stessa accuratezza che impieghi nella tua lingua materna – così si chiama la lingua che ti hanno passato e che hai studiato. Che cosa sia la lingua materna è risposta delicata e non del tutto facile: richiede un’ascia che tagli cordoni ombelicali e ribalti le viscere; una lingua materna è un’etichetta facile solo nella compilazione del curriculum, documento che nessuno legge perché troppo significativo e nessuno ha voglia di prendersi tanta responsabilità. Cosi la mia lingua materna… quando giunsi al nord Italia avevo un pesante accento del sud e strutture del pensiero della stessa regione. Nonostante mi avessero sempre detto di parlare Italiano, senza saperlo, io parlavo un dialetto: una lingua che non ce l’aveva fatta ad uscire dai confini della propria innegabile autostima. Canzoni, teatro non bastavano a fronteggiare i certami e i dettami di secoli precedenti in cui l’Italiano, quello della Divina Commedia – che infatti risulta essere un viaggio all’inferno e ritorno – si era imposto come lingua nazionale, e quindi come “tua” lingua. Poi te ne vai e la tua lingua la lasci in parentesi. Poi studi il castigliano e il catalano e cerchi di esprimerti in lingue che scopri essere sempre state nella tua vita, camuffate nei dialetti del tuo paese, eredità pesanti.

2) L’Italiano come lingua piace in giro per il mondo; in più di un’occasione ne ho sentito decantare le doti sonore e melodiose. Tuttavia se devi fare la spesa alle Baleari hai due opzioni: il maldigerito – da parte della gente del posto – castigliano o una versione localissima del catalano. Ora il catalano: avevo una grande amica che di cognome faceva Catalano, ma all’epoca – tra gli anni Novanta e l’anno 2000 – neanche ci pensavo alle possibili connessioni di un cognome. Per altro credo che questa amica avesse parenti siciliani, giusto per complicare le cose. Ma un catalano in Sicilia che mai ci fa… Al di là dei motivi storici che sono sotto gli occhi di chi ha voglia di scoprirli, la ragione più semplice è che ci muoviamo da un posto all’altro e difficilmente moriamo nel letto in cui siamo nati.

3) Ho imparato l’ Italiano a forza di reprimende. Se fai il classico in Italia – io l’ho fatto negli anni Ottanta del secolo scorso – nulla passa inosservato. Credo fosse ancora molto forte la necessità di definire una lingua nazionale, fuori da dialetti e inflessioni a quei tempi. Grammatica e sintassi eran croce e croce della tua vita da studente. Delizia della vita da adulto solo se ti affezioni al piacere della parola e superi il dramma del votaccio nel tema di Italiano. Che credo abbia perso il suo senso come esercizio, come le prove di dizione per abituarti alle vocali aperte o chiuse, e agli accenti tonici. Poi per necessità arriva lo studio del catalano e ti rendi conto che se avessi fatto le primarie in Catalogna avresti potuto utilizzare molto più proficuamente la lingua materna, il dialetto napoletano. I vari stong malat, stong ccha sarebbero passati assolutamente inosservati, anzi colti. Tanto tra estic e stong c’è la solita metatesi qualitativa di stampo ionico, se non ricordo male del greco classico delle colonie. La variante significativa è il tratto passeggero dello stato, qualunque esso sia, che l’Italiano come lingua non ammette e mal digerisce. Come se uno stato potesse difficilmente cambiare e afferisse a identità troppo incistate per mutare.

  • Fabio Cremonesi

    Studi di storia dell'arte medievale, un passato da operaio presso uno spedizioniere, dirigente in una multinazionale delle telecomunicazioni, editore e promotore editoriale, oggi mi dedico alla traduzione a tempo pieno. Le mie lingue di lavoro sono tedesco, inglese e spagnolo (occasionalmente anche portoghese e catalano). Con Le nostre anime di notte di Kent Haruf ho vinto il premio Corriere della Sera-La Lettura per la miglior traduzione del 2017.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 09/12/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/09/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 10/12/2022

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 12/10/2022

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 09/12/2022

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 12/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 09/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/09/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 09/12/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 12/09/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 09/12/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 12/09/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 09/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/09/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 09/12/2022

    1- Francia, al via la convenzione cittadina per parlare dell’accompagnamento al fine vita. Fino al 19 marzo prossimo, 170 cittadini…

    Esteri - 12/09/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 09/12/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 12/09/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 09/12/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 12/09/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 09/12/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 12/09/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 09/12/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 12/09/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 09/12/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 12/09/2022

  • PlayStop

    Il cavatappi umano

    quando andiamo a controllare il livello di vendita del nostro best seller alla fiera di editoria indipendente di Roma, riascoltiamo…

    Poveri ma belli - 12/09/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 09/12/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: la giovane compagnia napoletana Puteca Celidonia con…

    Cult - 12/09/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 09/12/2022

    Se non è febbre, quasi. 37 e 2 è la trasmissione dedicata ai temi dell’invalidità e della non autosufficienza. Dalle…

    37 e 2 - 12/09/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 09/12/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 12/09/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 09/12/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 12/09/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 09/12/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 12/09/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 09/12/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 12/09/2022

Adesso in diretta