Sante parole

“Una lingua è un dialetto con un esercito e una bandiera”

Negli ultimi decenni in Europa l’idea di Stato-nazione come l’abbiamo conosciuta dal primo Ottocento (o dal Romanticismo, se preferite) in poi, è stata messa in discussione dalle spinte concomitanti e divergenti dell’europeismo e dell’autonomismo (spinte che spesso hanno portato alla nascita di un altro “-ismo”, il sovranismo, ma questa è un’altra storia).
Uno degli strumenti principali nella costruzione di identità autonomistiche spesso fai-da-te è quello della lingua: quante volte ci siamo sentiti dire “il [aggiungere il nome di un dialetto a piacere] è una lingua, non un dialetto”?
Peccato che, malgrado quasi due secoli di sforzi, i linguisti non siano ancora arrivati a una definizione univoca e condivisa della distinzione tra lingua e dialetto, al punto che Max Weinreich, un sociolinguista specializzato nello studio dello yiddish, provocatoriamente arrivò ad affermare che “Una lingua è un dialetto con un esercito ed una marina” (“e una bandiera”, nella versione modificata dal linguista inglese Randolph Quirk).
Il criterio comunemente accettato è che la lingua è stata sottoposta a un processo di standardizzazione, mentre un dialetto generalmente no. Questo peraltro è un criterio per così dire “non naturale” (ok, ok, l’ho detto male), dipendente da una decisione “a posteriori” di natura politica: prendiamo delle persone che presumiamo competenti, paghiamo loro uno stipendio e chiudiamole in una stanza per decidere se in un’ipotetica lingua bergamasca standard, quella che in italiano è la roncola si debba chiamare fölsch (come ad Averara, in alta Val Brembana) oppure podét (San Giovanni Bianco, 14 km più a sud) o pigazza (Sedrina, 30 km più a sud) o ancora scorláss (Calusco, 55  km più a sud)*.
Questa opera di normalizzazione è stata compiuta per esempio con il catalano e con il basco (standardizzando quelle che erano i sei dialetti baschi e un’infinità di varianti locali), spesso utilizzando criteri più politici che linguistici, per esempio adottando sempre la grafia più distante da quella del castigliano (il gràcies catalano si pronuncia esattamente come il gracias castigliano, tanto per dirne una).
Ovviamente la questione dei dialetti e dei regionalismi è una delle croci-e-delizie del mestiere del traduttore: nella Holt di Kent Haruf i personaggi più umili dicono of anziché have, l’argentina Mariana Enriquez nel suo ultimo romanzo (Nuestra parte de noche, ancora inedito in Italia) gioca a più riprese con il modo di parlare (“da telenovela messicana”) di un inglese che evidentemente non ha imparato lo spagnolo in Argentina. Come si rende per un lettore italiano la coloritura locale di un pescatore di Vigo che parla di un ollomol, un pesce che in castigliano si chiama besugo e in italiano occhione (ma anche pezzogna in Campania, e in Liguria, guarda un po’, besugo)? Per fortuna i traduttori, che sono gente pedante ma anche pragmatica, hanno almeno creato Fishbase, un glossario paneuropeo dei nomi dei pesci!

*disclaimer: nessun bergamasco è stato maltrattato per scrivere questo post. E io non sono un linguista, tantomeno un dialettologo; sono solo un tuttologo dell’internet e questo è un copia-e-incolla dal profilo Facebook di una persona che non mi pare di conoscere personalmente, quindi se questa cosa della roncola non fosse corretta, siate indulgenti: il concetto comunque mi pare comunque chiaro.

  • Fabio Cremonesi

    Studi di storia dell'arte medievale, un passato da operaio presso uno spedizioniere, dirigente in una multinazionale delle telecomunicazioni, editore e promotore editoriale, oggi mi dedico alla traduzione a tempo pieno. Le mie lingue di lavoro sono tedesco, inglese e spagnolo (occasionalmente anche portoghese e catalano). Con Le nostre anime di notte di Kent Haruf ho vinto il premio Corriere della Sera-La Lettura per la miglior traduzione del 2017.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lun 18/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lun 18/10/21 delle 19:49

    Metroregione di lun 18/10/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 19/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 18/10/21

    Jazz Anthology di lun 18/10/21

    Jazz Anthology - 19/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 18/10/21

    News Della Notte di lun 18/10/21

    News della notte - 19/10/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 18/10/21

    La pillola va giu di lun 18/10/21

    La Pillola va giù - 19/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lun 18/10/21

    Quel che resta del giorno di lun 18/10/21

    Quel che resta del giorno - 19/10/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 18/10/21

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 18/10/21

    Gli speciali - 19/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di lun 18/10/21

    Puntata al seguito dell'esito del voto di ballottaggio alle Amministrative. Si parte con il Comune più piccolo, Rondanina in provincia…

    Muoviti muoviti - 19/10/2021

  • PlayStop

    Droghe, animali e tarocchi

    come ogni lunedì Andrea Bellati risponde ai boh della scienza mentre Jennifer Radlovic ci racconta le origini dei tarocchi per…

    Di tutto un boh - 19/10/2021

  • PlayStop

    Franco Cerri intervistato da Claudio Agostoni nel 2016

    Nel 2016, in occasione dei suoi 90 anni, Franco Cerri ripercorre le tappe della sua carriera intervistato da Claudio Agostoni

    Clip -

  • PlayStop

    Franco Cerri intervistato da Claudio Agostoni nel 2016

    Nel 2016, in occasione dei suoi 90 anni, Franco Cerri ripercorre le tappe della sua carriera intervistato da Claudio Agostoni

    Clip - 19/10/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 18/10/21

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 18/10/21

    Gli speciali - 19/10/2021

  • PlayStop

    Mike Latoste

    quando assistiamo alla genesi di Dismacchione, cavalchiamo fino alle isole Key e rimembriamo episodi di pezzenteria a base di marchi…

    Poveri ma belli - 19/10/2021

  • PlayStop

    Emma Dante, E vissero tutte felici e contente

    EMMA DANTE - E VISSERO TUTTE FELICI E CONTENTE – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 18/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di lun 18/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina di lun 18/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina - 19/10/2021

  • PlayStop

    Cult di lun 18/10/21

    ira rubini, cult, giulio prandi, ghislieri, petite messe rossini, festa del cinema 21, barbara sorrentini, tiziana ricci, palazzo reale milano,…

    Cult - 19/10/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di lun 18/10/21

    Tutto scorre di lun 18/10/21

    Tutto scorre - 19/10/2021

  • PlayStop

    Prisma di lun 18/10/21

    Prisma di lun 18/10/21

    Prisma - 19/10/2021

  • PlayStop

    Guarda che lune di lun 18/10/21

    Guarda che lune di lun 18/10/21

    Guarda che Lune - 19/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di lun 18/10/21 delle 07:48

    Seconda pagina di lun 18/10/21 delle 07:48

    Seconda pagina - 19/10/2021

Adesso in diretta