Sante parole

Guapo o resultón? (un post che non parla di Mario Draghi)

Noi italiani siamo giustamente abituati ad avere un’altissima considerazione della nostra lingua: la lingua di Dante e di Leopardi, amiamo dire (e di Andrea Zanzotto e Luciano Erba, aggiungerei io), una lingua la cui musicalità ed espressività balzano agli occhi, o meglio alle orecchie.

C’è però un aspetto di cui forse non siamo così consapevoli, ed è la relativa imprecisione dell’italiano: ne avevo già accennato qualche anno fa nella postfazione a un romanzo che avevo tradotto (“una lingua dal lessico piuttosto impreciso e niente affatto frugale nella sintassi”, avevo scritto – e mi scuso per l’inelegante autocitazione) e in un paio di occasioni sono stato bonariamente sgridato per averlo scritto. Ma siccome ho la testa dura, provo a spiegare meglio ciò che intendevo, facendo qualche confronto con il “cugino primo” dell’italiano, il castigliano, o spagnolo che dir si voglia.

Qualsiasi ispanofono che inizi a masticare un po’ di italiano si stupisce dell’assenza della distinzione, fondamentale nella sua lingua, tra ser e estar: noi per lo più traduciamo entrambi con il verbo essere, ma mentre ser si riferisce a una condizioni intrinseca o durevole, estar è qualcosa di legato al momento preciso in cui si parla. Per esempio: una persona es blanca quando è di etnia caucasica, está blanca quando non è abbronzata (da questo punto di vista il fatto che si dica estar muerto e non ser muerto sembra una contraddizione, ma in realtà forse lascia intravedere il retaggio cattolico della morte come condizione temporanea in attesa dell’Apocalisse, con buona pace di chi ha una visione atea della morte come condizione definitiva).

Un’altra sottile “imprecisione” dell’italiano, che colpisce le persone di madrelingua spagnola, è che mentre noi diciamo sempre dover fare qualcosa, gli spagnoli usano deber se chi parla riconosce che il “dovere” dipende esclusivamente da lui, oppure tener que se il “dovere” dipende dalla situazione esterna: suona complicato – e nella vita di tutti i giorni non sempre la regola è applicata rigorosamente – ma per capirlo basta pensare alla differenza tra “Hai già trent’anni, devi trovarti un lavoro” (deber) e “Siamo senza un soldo, devi trovarti un lavoro” (tener que).

Ci sono poi le “imprecisioni” lessicali: l’italiano usa lo stesso termine nipote per indicare due diversi gradi di parentela, una distinzione evidente non solo in castigliano (il sobrino è il figlio di un fratello e il nieto è il figlio di un figlio), ma anche in tutte le altre lingue che conosco.

Concludo questa carrellata con un paio di parole che in italiano non esistono e che in spagnolo trovo irresistibili: la prima è l’aggettivo enamoradizo, che indica una persona di cui noi diremmo “ha l’innamoramento facile”; la seconda è resultón –termine analogo, ma non esattamente sinonimo del più noto guapo– che il dizionario della Real Academia Española (una specie di mix tra l’Accademia della Crusca e la Treccani) definisce semplicemente come persona “che piace per il suo aspetto gradevole”; nell’uso comune però indica una persona che da lontano sembra bellissima, ma da vicino non è poi ’sto granché.
Resta solo un dubbio: Mario Draghi è guapo o resultón?

  • Fabio Cremonesi

    Studi di storia dell'arte medievale, un passato da operaio presso uno spedizioniere, dirigente in una multinazionale delle telecomunicazioni, editore e promotore editoriale, oggi mi dedico alla traduzione a tempo pieno. Le mie lingue di lavoro sono tedesco, inglese e spagnolo (occasionalmente anche portoghese e catalano). Con Le nostre anime di notte di Kent Haruf ho vinto il premio Corriere della Sera-La Lettura per la miglior traduzione del 2017.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 05/02/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 02/05/2023

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 05/02/2023

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 02/05/2023

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 05/02/2023

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 02/05/2023

  • PlayStop

    News della notte di domenica 05/02/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 02/05/2023

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 05/02/2023

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 02/05/2023

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 05/02/2023

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 02/05/2023

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 05/02/2023

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 02/05/2023

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 05/02/2023

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 02/05/2023

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 05/02/2023

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 02/05/2023

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 05/02/2023

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 02/05/2023

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 05/02/2023

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 02/05/2023

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 05/02/2023

    I concerti della settimana e una breve monografia sugli artisti in tour

    Canta che ti passa - 02/05/2023

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 05/02/2023

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 02/05/2023

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 05/02/2023

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 02/05/2023

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 05/02/2023

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 02/05/2023

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 05/02/2023

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 02/05/2023

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 05/02/2023

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 02/05/2023

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 05/02/2023

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del…

    Apertura musicale classica - 02/05/2023

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 04/02/2023

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 02/04/2023

  • PlayStop

    Guida nella Jungla di sabato 04/02/2023

    GnJ Guida nella Jungla è nata da un’idea di Paolo Minella e Luca Boselli nella seconda metà dei ’90. Da…

    Guida nella Jungla - 02/04/2023

  • PlayStop

    News della notte di sabato 04/02/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 02/04/2023

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 04/02/2023

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro twitter: @SkepticAfro

    AfroRaffa - 02/04/2023

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 04/02/2023

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 02/04/2023

Adesso in diretta