La nave di Penelope

La maturità “one shot”

Non hanno il dizionario sotto braccio ma la mascherina a coprire metà viso. Eppure gli occhi sono gli stessi di quelli di tutte le generazioni di maturandi: preoccupati e vigili. Come di un animale che sta attento ai segnali, con i muscoli tesi, pronto a scattare. Perché l’Esame di Stato è il momento in cui tutta l’adrenalina si concentra per poi lanciare lontano il macigno che negli ultimi giorni ha gravato sulle spalle degli studenti.

Questa volta lo scatto è più rapido che mai: un’ora per raccontare alla commissione il lavoro di cinque anni. Non una prova di resistenza, come la maturità tradizionale, ma uno scatto da velocista. Le sinapsi devono muoversi rapidamente, bisogna dare il meglio in poco tempo. Una maturità “one shot”, in un colpo solo.

Eravamo abituati a un rito di passaggio sofferto, con più prove, un’agonia che durava giorni. Giorni che però permettevano di elaborare quello che stava succedendo, fino alla catarsi finale e a rendersi conto che si chiudeva una fase della vita per aprirne un’altra. Quest’anno la scuola è finita, è iniziata la maturità e per molti si è già conclusa. Come l’anno scorso, del resto, ma con un altro spirito.

Se nel 2020 il maxi orale aveva la veste della maturità tradita, quest’anno è il simbolo del riscatto per gli studenti che, in molte regioni d’Italia, sono rimasti a casa quasi un anno e mezzo. Un anno e mezzo dietro a uno schermo, in Dad, con tutte le difficoltà del caso. Ma non ci stanno a dire che è una Maturità semplificata. Non dopo tutti questi mesi lontani da scuola.

Non ci sta neanche il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, che cerca di valorizzare il maxi orale 2.0. “Maxi orale”, un termine che non ama. Come non ama il termine “tesina” riferito all’elaborato finale da cui i maturandi faranno partire la discussione, e che Bianchi definisce, in maniera accademica e per conferirgli maggiore dignità, “tesi”.

E se la pandemia ha tolto la lunga agonia delle prove, dei dizionari e delle calcolatrici, ha ridotto anche i riti scaramantici. Anche se, quest’anno, complice l’abbassamento della curva pandemica e le vaccinazioni, in tanti non hanno rinunciato alla notte prima degli esami, a cantare la celebre canzone di Antonello Venditti tutti insieme, agli abbracci e ad abbassare la mascherina, per mostrare finalmente il sorriso di chi è sopravvissuto anche alla Dad ed è pronto a riappropriarsi della propria vita e del mondo.

  • Claudia Zanella

    Sono nata a Milano nel 1987. Ma è più il tempo che ho passato in viaggio, che all’ombra della Madonnina. Sono laureata in Filosofia e ho sempre una citazione di Nietzsche nel taschino. Mi piacciono tante cose ma, se devo scegliere tra le mie passioni quali sono quelle che più parlano di me, direi: la Spagna, il rock e il giornalismo. Dopo averci vissuto, Madrid è la mia città d’elezione; il rock scandisce il mio ritmo di vita e venero le mie chitarre come oggetti magici; infine, fare la giornalista soddisfa il mio impulso alla Jessica Fletcher di voler sempre vedere chiaro e poi raccontare. Ho lavorato per cinque anni per La Repubblica, come cronista e responsabile del settore “Educazione e scuola” a Milano. Cofondatrice del progetto di storytelling su Milano ai tempi del coronavirus: “Orange is the new Milano”. Sono approdata a Radio Popolare nel 2019, occupandomi di un po’ di tutto, ma mantenendo sempre un occhio vigile sul mondo della scuola.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 30/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/11/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 30/11/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/11/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 30/11/2022

    Pubblica, mezz’ora al giorno di incontri sull’attualità e le idee con Raffaele Liguori

    Pubblica - 30/11/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 30/11/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/11/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di mercoledì 30/11/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 30/11/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 30/11/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 30/11/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mercoledì 30/11/2022

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 30/11/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di mercoledì 30/11/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/11/2022

  • PlayStop

    Avenida Brasil di martedì 29/11/2022

    La trasmissione di musica brasiliana di Radio Popolare in onda dal 1995! Da nord a sud, da est ad ovest;…

    Avenida Brasil - 30/11/2022

  • PlayStop

    News della notte di martedì 29/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/11/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 29/11/2022

    Dal 13 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantaduesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 30/11/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 29/11/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 30/11/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 29/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 30/11/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 29/11/2022

    1-Riscaldamento globale. Alle grandi industrie l’ Unione Europa ha regalato 100 Miliardi di euro in permessi di inquinare. Dal rapporto…

    Esteri - 30/11/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 29/11/2022

    (49 - 240) Dove si scopre che per il ponte sullo stretto ci potrebbe essere il problema uccelli mentre per…

    Muoviti muoviti - 30/11/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 29/11/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 30/11/2022

  • PlayStop

    The Weekly Report di martedì 29/11/2022

    La data italiana dei Blur, la festa mondiale del synth-pop, il ritorno di Morrissey e il ricordo di Wilko Johnson…

    The Weekly Report - 30/11/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 29/11/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 30/11/2022

Adesso in diretta