La nave di Penelope

Quello che non vuole Pro Vita è che si abbattano le discriminazioni

Non è ancora nato il governo e Pro Vita cerca già di metterci le mani, spaventato da chi potrebbe essere il nuovo ministro dell’Istruzione e dai tentacoli della “lobby gay”. Facciamo un passo indietro in questa surreale vicenda.

In una nota, l’associazione attacca il lavoro della ministra alle Pari opportunità, Elena Bonetti, e il governo Draghi che hanno approvato la “Strategia Nazionale Lgbt+ 2022-25 per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere”, un documento che segue quello dell’Ue approvato nel 2020 che si dà degli obiettivi e ipotizza delle azioni da realizzare nei prossimi anni per abbattere le discriminazioni e favorire l’inclusione.

“Un regalo in extremis alla lobby gay”, ha commentato, invece, Pro Vita nella nota. L’associazione scrive: “Ci aspettiamo che il Governo Meloni vagli con attenzione questo documento e trattenga solo ciò che è effettivamente finalizzato al contrasto di discriminazioni sociali, stralciando qualsiasi riferimento all’ambito scolastico”.

Nel documento (qui consultabile) se si cerca la parola “scuola” si nota che le uniche azioni che vengono messe in campo sono per arginare i fenomeni di bullismo e cyberbullismo e l’obiettivo è “prevenire e contrastare la discriminazione di giovani Lgbt+ nelle scuole di ogni ordine e grado, mediante percorsi di educazione al rispetto delle differenze, percorsi di formazione per i dirigenti scolastici, i docenti, il personale Ata e diffusione di buone prassi”.

Quindi, “stralciando qualsiasi riferimento all’ambito scolastico”, Pro Vita intende eliminare le azioni che contrastano le discriminazioni e il bullismo, di fatto. O si è avventato a priori sul documento senza averlo letto?

Per chiedere una rottura con le politiche finora adottate (o meglio, con quanto le scuole stanno facendo autonomamente, visto l’impenetrabile silenzio del ministero sull’argomento), si appella a Giorgia Meloni, in quanto probabile prossima presidente del Consiglio, per assicurarsi che “il prossimo ministro dell’Istruzione sia una persona non solo dotata di visione e competenze d’area, ma politicamente schierata contro abusi come la ‘carriera alias’ e i ‘bagni gender’ che proliferano nelle scuole”.

Per cui, qualsiasi strumento sia utilizzato per far vivere più serenamente la scuola a una persona trans e che non comporti un coming out forzato – si pensi a come si può sentire Marco, una persona in transizione che non ha potuto ancora cambiare il nome anagrafico (un processo lungo e complicato), se durante l’appello in classe, davanti a 30 persone, viene chiamato Maria, perché gli viene negato di utilizzare un’identità alias – è considerato “un abuso” da parte di Pro Vita. Quindi meglio continuare a discriminare le persone, a farle bullizzare, a metterle a disagio davanti a tutti. Ma non è finita.

Nella stessa nota Pro Vita chiede che la futura presidente del Consiglio non prenda in considerazione il nome di Anna Maria Bernini (Forza Italia), circolato nei giorni precedenti, per guidare “il Miur” (una sigla, questa utilizzata dall’associazione, che tra l’altro non esiste più, vista la separazione dei ministeri di Istruzione e Università all’epoca di Lucia Azzolina e Gaetano Manfredi). Il motivo? Mancanza di interesse o competenze specifiche verso il mondo scolastico? No. L’unica motivazione è che la senatrice azzurra, si legge nella nota, è stata “più volte legittimamente orientata verso l’accoglienza delle istanze del mondo Lgbt”.

Per cui ricordate che non importa se a vostro figlio insegnano bene l’inglese o la matematica, l’importante è che il ministro che arriva stia attento a nascondergli l’esistenza del mondo Lgbt.

E se lo viene a sapere lo stesso perché il suo compagno di banco si è preso una cotta per un altro? O gli piace mettersi vestiti considerati femminili? O si fa chiamare “Francesca”, anche se sul registro c’è scritto “Luca”? Allora a quel punto, l’importante è negare la realtà, meglio che a scuola non si sappia, così l’apparenza è salva. Al massimo il suo compagno di banco verrà preso di mira, si porterà dietro qualche trauma psicologico, ma questo è forse un problema? Sicuramente, penserà Pro Vita, questo ragazzino sarà un lobbista di domani, della potente lobby gay.

Ma questo, in realtà, ha delle ripercussioni anche grandi nella vita delle persone. Traumi, disturbi psichiatrici, tentativi di suicidio. Giusto per dare un dato, secondo “Estimating the risk of attempted suicide among sexual minority youths: a systematic review and meta-analysis”, pubblicata su Jama Pediatrics nel 2018 e che considera un campione di quasi 2 milioni e mezzo di ragazzi eterosessuali e oltre 113mila appartenenti a “minoranze sessuali” tra i 12 e i 20 anni, i tentativi di suicidio tra gli adolescenti omosessuali superano di tre volte e mezzo quelli dei loro coetanei eterosessuali. Si arriva a 5,9 volte per i transgender.

Tra le cause, secondo i ricercatori, la visione che il mondo ha di loro, le difficoltà di riconoscimento all’interno della famiglia e dell’ambiente scolastico e dei gruppi di appartenenza.

Forse Pro Vita, se vuole continuare a portare questo nome, dovrebbe meditare su questi dati e ragionare sulle cause prima di proporre ai ministeri di intervenire per bloccare i tentativi delle scuole di essere più inclusive e, come sempre, più avanti della politica.

  • Claudia Zanella

    Sono nata a Milano nel 1987. Ma è più il tempo che ho passato in viaggio, che all’ombra della Madonnina. Sono laureata in Filosofia e ho sempre una citazione di Nietzsche nel taschino. Mi piacciono tante cose ma, se devo scegliere tra le mie passioni quali sono quelle che più parlano di me, direi: la Spagna, il rock e il giornalismo. Dopo averci vissuto, Madrid è la mia città d’elezione; il rock scandisce il mio ritmo di vita e venero le mie chitarre come oggetti magici; infine, fare la giornalista soddisfa il mio impulso alla Jessica Fletcher di voler sempre vedere chiaro e poi raccontare. Ho lavorato per cinque anni per La Repubblica, come cronista e responsabile del settore “Educazione e scuola” a Milano. Cofondatrice del progetto di storytelling su Milano ai tempi del coronavirus: “Orange is the new Milano”. Sono approdata a Radio Popolare nel 2019, occupandomi di un po’ di tutto, ma mantenendo sempre un occhio vigile sul mondo della scuola.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 02/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 02/12/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/02/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 02/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/02/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 02/12/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 12/02/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 02/12/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 12/02/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di venerdì 02/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/02/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 02/12/2022

    1-Ucraina. La Russia chiede ai membri della nato di riconoscere i territori annessi prima dei colloqui pace. Ma la partita…

    Esteri - 12/02/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 02/12/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 12/02/2022

  • PlayStop

    Il negozio online etico

    Con Gabriele Conti, Astrid Serughetti e Simona Romaniello

    Di tutto un boh - 12/02/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 02/12/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 12/02/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 02/12/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 12/02/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di venerdì 02/12/2022

    Ospite Barbara Capponi in arte Babas a parlare del suo libro Come addomesticare un umano, illustrato da Andrea Ferolla, prefazione…

    Considera l’armadillo - 12/02/2022

  • PlayStop

    Dal banco dei formaggi a una cattedra universitaria

    quando andiamo in scena dal Banco di Garabombo con numerosi ospiti e un banco-frigo caseario a dettarci i tempi

    Poveri ma belli - 12/02/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 02/12/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: Marco Baliani parla con Pasolini in „Corpo…

    Cult - 12/02/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 02/12/2022

    Oggi cominciamo con un’intervista speciale su come vengono organizzate le liste d’attesa a Multimedica, un’azienda privata convenzionata con il SS…

    37 e 2 - 12/02/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 02/12/2022

    LA STRAGE DEI CICLISTI Marco Scarponi, fratello del ciclista Michele Scarponi e presidente della fondazione a lui intitolata Claudio Magliulo…

    Prisma - 02/12/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di venerdì 02/12/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 12/02/2022

  • PlayStop

    Il giorno delle locuste di venerdì 02/12/2022

    Le locuste arrivano come orde, mangiano tutto quello che trovano sul loro cammino e lasciano solo desertificazione e povertà. Gianmarco…

    Il giorno delle locuste - 12/02/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di venerdì 02/12/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 12/02/2022

Adesso in diretta