Il puntaspilli

La Libia, l’Italia e gli spioni

La prima volta che ho scritto di Libia avevo poco più di vent’anni ed ero dottorando di ricerca nella Tunisia del dittatore Ben Alì. Allora, poco meno di oggi, la Libia era territorio di predazione della vita umana, per mano di contrabbandieri di corpi e di mercanzie al soldo della corrottissima polizia di Gheddafi. La stessa polizia passata, in seguito, a presidiare i campi di detenzione e gli interessi dei trafficanti di esseri umani. La stessa polizia che non disdegna di esercitare la propria ferocia comportandosi alla pari di un’organizzazione criminale. Già in quegli anni, quando mi capitò di incrociare tra Douz e il Sahara una comitiva di contrabbandieri libici nemici di Gheddafi, mi resi conto di quanto il destino della Libia fosse in qualche misura legato all’Italia. Non all’Italia mussoliniana, ma quella democratica e repubblicana. Già allora si sapeva che le mafie italiane collaboravano con la dogana, la marina e la politica libica, esportando cocaina, armi e savoir faire, importando denaro e esplosivi. Già allora si sapeva che vi erano spie italiane sul territorio libico. Per questo non mi stupisce che adesso si stia scoprendo che l’intelligence italiana abbia sottoposto a controllo e spionaggio un numero ancora imprecisato di giornalisti italiani interessati a raccogliere informazioni e a costruire contatti con fonti libiche. Come non mi stupisce che questo controllo sia partito quando aumentava la pressione sulle Ong operanti nel Mediterraneo, come non mi stupisce che questo controllo sia avvenuto con grande dispendio di risorse pubbliche. Ciò che mi stupisce è che questo spionaggio avvenga, a ragionarci su, per raccogliere informazioni che un sistema di intelligence dovrebbe saper raccogliere per conto proprio: mettendo in atto un ennesimo, chiaro esempio di cialtroneria italiana. Ciò che mi spaventa, invece, è che questo spionaggio produrrà una forte diffidenza verso i reporter italiani, indebolendo la possibilità di cercare la verità. Una verità che, nel caso della Libia, è un groviglio di interessi privati e pubblici. Interessi che vogliono controllare l’informazione italiana per screditarla come hanno fatto con le Ong. E questo è un uso improprio del mandato dei servizi di spionaggio che non favorisce il processo democratico libico.

  • Leonardo Palmisano

    Bari 1974, autore e presidente della cooperativa di LegaCoop Radici Future Produzioni. Colomba d'oro per la Pace e premio Livatino contro le mafie. Per Fandango Libri ha pubblicato la trilogia dello sfruttamento (Ghetto Italia, Mafia caporale e Ascia nera), e ha iniziato la serie di gialli dedicata al bandito Mazzacani (Tutto torna, Nessuno uccide la morte, Chi troppo vuole). Dirige il festival antimafia LegalItria. Editorialista per il Corriere del Mezzogiorno e altre testate.

ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 02/12/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 12/02/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 02/12/21 delle 07:15

    Metroregione di gio 02/12/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 12/02/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Grammenos Mastrojeni, Effetti farfalla

    GRAMMENOS MASTROJENI - EFFETTI FARFALLA – presentato da SARA MILANESE

    Note dell’autore - 12/02/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 02/12/21 delle 12:47

    Seconda pagina di gio 02/12/21 delle 12:47

    Seconda pagina - 12/02/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 02/12/21

    Cult di gio 02/12/21

    Cult - 12/02/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di gio 02/12/21

    Tutto scorre di gio 02/12/21

    Tutto scorre - 12/02/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 02/12/21

    Prisma di gio 02/12/21

    Prisma - 12/02/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 02/12/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 02/12/21

    Il demone del tardi - 12/02/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 02/12/21 delle 07:49

    Seconda pagina di gio 02/12/21 delle 07:49

    Seconda pagina - 12/02/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 02/12/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 02/12/21

    Rassegna stampa internazionale - 12/02/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 02/12/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 02/12/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 12/02/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di gio 02/12/21

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 12/02/2021

  • PlayStop

    The weekly report #7 - 1° dicembre 2021

    Dai Beatles a Zerocalcare, il viaggio musicale di Weekly Report parte dal cinema e dalle sue suggestioni. Oltre alle novità…

    The Weekly Report - 12/02/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 01/12/21

    Jazz Ahead 150: Playlist: 1. Subasya, SCOPE, A Week From Monday/2020, Rous Records, 2021..2. Simulated Umbresya, SCOPE, A Week From…

    Jazz Ahead - 01/12/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 01/12/21

    News Della Notte di mer 01/12/21

    News della notte - 12/01/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 01/12/21

    Puntata 52 - Alla ricerca di somiglianze armoniche di suoni, colori e forme tra architettura e rock ‘n’ roll. Gli…

    Gimme Shelter - 12/01/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 01/12/21

    La legge di bilancio secondo gli ambientalisti italiani: ne parliamo con Rossella Muroni di Facciamo Eco; Emanuele Bompan, giornalista e…

    Il giusto clima - 12/01/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 01/12/21

    Quel che resta del giorno di mer 01/12/21

    Quel che resta del giorno - 12/01/2021

  • PlayStop

    The Game di mer 01/12/21

    //Ocse, le previsioni dell’ultimo outlook: crescita sbilanciata, più vaccini anti-Covid per non fermare la ripresa. Ma nessun appello a sospendere…

    The Game - 12/01/2021

Adesso in diretta