Il puntaspilli

Mafia a Foggia, un borghese nemico dello Stato

La Direzione Nazionale Antimafia l’ha definita “il nemico numero uno dello Stato”. Molta stampa l’ha chiamata “quarta mafia”, quando in realtà, a sentire i più sagaci procuratori antimafia pugliesi, si tratterebbe della quinta dopo Cosa Nostra, Camorra, ’Ndrangheta e Sacra Corona Unita. La Puglia, diversamente dalle altre regioni del Sud, arriva tardi ma arriva con due mafie evolute. L’ultima in ordine di apparizione è quel coacervo di sistemi che va sotto il nome di “mafia foggiana”. A comporre il complicato puzzle della mafia di Capitanata sono tre grandi consorterie che da tempo provano a riunirsi in un direttorio senza vertice.

La consorteria del Gargano (la cui faida tra i Li Bergolis di Monte Sant’Angelo e i Romito di Manfredonia ha prodotto la strage di San Marco in Lamis e qualcosa come oltre duecento morti senza un colpevole, nonché lo scioglimento per mafia del Comune di Manfredonia), quella di Cerignola (che ha portato anche qui allo scioglimento per mafia del Comune) e quella della città di Foggia (che ha portato l’attuale governo a inviare la commissione di accesso per verificare se anche questo Comune vada sciolto per ingerenze mafiose). Le fondazioni di queste mafie risalgono alla seconda metà degli anni settanta e sono avvolte da un velo di mistero. Certa è la nascita della mafia del capoluogo del Tavoliere, la “società foggiana”, che deve i suoi natali al battesimo officiato da Raffaele Cutolo in un albergo del posto.

Dopo una prima, perdente impostazione camorristico napoletana, anche le mafie foggiane si adeguano e sposano l’impostazione ndranghetista che già fungeva da modello nel Salento e in qualche luogo del barese. Pochi conoscono, a dire il vero, l’impronta calabrese sulle mafie pugliesi. Il primo mafioso vero di Puglia, il tranese Salvatore Annacondia detto Manomozza, si è formato alla scuola dei calabresi di Milano, città dove il tranese esportava esplosivi per i marsigliesi di seconda generazione. Dopo la sua affiliazione ai calabresi, è stato lui a benedire la costituzione della Sacra Corona Unita di Giuseppe Rogoli, lui a investire sul boss barese Savino Parisi, lui a influenzare il foggiano Giosuè Rizzi barbaramente ucciso nella strage del Bacardi, dal nome del centralissimo locale teatro della mattanza.

Dopo Rizzi, le batterie foggiane si sono moltiplicate e sono entrate spesso in guerra: Sinesi, Francavilla, Lanza, Trisciuoglio, Prencipe, Tolonese, questi i nomi delle famiglie più potenti. Nomi ai quali andrebbero appiccicati quelli dei politici, degli imprenditori, dei professionisti e dei funzionari pubblici e privati che compongono quella che Cafiero De Raho ha chiamato “borghesia mafiosa”. È grazie a questo intreccio ‘ndranghetista tra sistema criminale, sistema politico e sistema imprenditoriale – a cui si aggiunge quello massonico del latifondo contro cui lottava Peppino Di Vittorio – che si è strutturata storicamente la quinta mafia. Senza questo intreccio di interessi la Capitanata non avrebbe, adesso, la mafia più feroce e soffocante della penisola.

  • Leonardo Palmisano

    Bari 1974, autore e presidente della cooperativa di LegaCoop Radici Future Produzioni. Colomba d'oro per la Pace e premio Livatino contro le mafie. Per Fandango Libri ha pubblicato la trilogia dello sfruttamento (Ghetto Italia, Mafia caporale e Ascia nera), e ha iniziato la serie di gialli dedicata al bandito Mazzacani (Tutto torna, Nessuno uccide la morte, Chi troppo vuole). Dirige il festival antimafia LegalItria. Editorialista per il Corriere del Mezzogiorno e altre testate.

ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 08/12/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 12/08/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 07/12/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 12/07/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 09/12/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 12/09/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 08/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/08/2022

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 08/12/2022

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da…

    Musiche dal mondo - 12/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 08/12/2022 delle 20:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 12/08/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 08/12/2022 - ore 17:39

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/08/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 08/12/2022 - ore 16:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/08/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 08/12/2022 - ore 15:39

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/08/2022

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 08/12/2022 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che…

    Conduzione musicale - 12/08/2022

  • PlayStop

    10 Pezzi di giovedì 08/12/2022

    Una colonna sonora per il sabato pomeriggio, 45 minuti di musica con cui attraversare il repertorio di grandi artisti che…

    10 Pezzi - 12/08/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 08/12/2022 - ore 12:30

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/08/2022

  • PlayStop

    Microfono aperto di giovedì 08/12/2022

    Vita, politica, storie, dibattito, confronto, scontro. La formula: un tema, un conduttore, degli ospiti e voi. Dalla notizia del momento…

    Microfono aperto - 12/08/2022

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di giovedì 08/12/2022

    Scaletta: Frederic Chopin - Concerto pf n° 2 fa- op. 21 - II: Larghetto (Nelson Freire, Gürzenich-Orchester Köln, Lionel Bringuier)…

    Apertura musicale classica - 12/08/2022

  • PlayStop

    Mono 12 - Fibonacci Pop - 08/12/2022

    Cosa hanno in comune i Beach Boys, Olivia Rodrigo e un matematico vissuto più di 800 anni fa?

    Mono - 12/08/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 07/12/2022

    Jazz Ahead 192 1. Preludio, Archivio Futuro, Archivio Futuro, La Tempesta Records, 2022 2. Voices (Of The Past) Tom Skinner,…

    Jazz Ahead - 12/07/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 07/12/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 12/07/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 07/12/2022 - ore 21:32

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 12/07/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 07/12/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 12/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 07/12/2022

    (55 - 246) Dove si assiste ad un'edizione speciale di Muoviti Muoviti per la prima della Scala con collegamenti dentro…

    Muoviti muoviti - 12/07/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 07/12/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 12/07/2022

Adesso in diretta