Approfondimenti

Artista condannato a morte per ateismo

Un poeta e artista palestinese è stato condannato a morte in Arabia Saudita “per aver rinunciato all’Islam”.

Asharf Fayadh, presente con le sue opere anche alla Biennale di Venezia, ha trenta giorni per fare appello contro la sentenza. L’artista non ha avuto rappresentanza legale durante il processo.

Fayadh ha 35 anni ed è parte dell’organizzazione Edge of Arabia. Nel maggio del 2014 era stato condannato a quattro anni di prigione e 800 frustate da un tribunale di Abha, nel sud-ovest del Paese. Dopo il suo appello, e un nuovo processo, l’artista è stato condannato a morte.

Una campagna per la liberazione di Fayadh è in corso da mesi. Secondo i suoi sostenitori, è stato arrestato per aver postato online un video girato nella città di Abha che mostra un uomo frustato in pubblico dalla mutaween, la polizia religiosa. Ad aggravare ulteriormente la sua situazione, ci sarebbe anche il fatto che Fayadh è palestinese, se pure nato in Arabia Saudita, oggetto quindi di discriminazione e persecuzione.

L’artista è stato arrestato una prima volta nell’agosto 2013, per aver bestemmiato contro Allah e il profeta Maometto e pubblicato poesie che promuovono l’ateismo. Dopo essere stato liberato su cauzione, è tornato in prigione e gli sono stati confiscati i documenti – ciò che ha determinato l’assenza di un avvocato difensore nell’ultimo processo.

Fayadh si è giustificato dicendo che la sua opera “riguarda il suo essere un rifugiato palestinese… e una serie di questioni culturali e filosofiche. Ma gli estremisti religiosi l’hanno dipinta come distruttiva contro Dio”. L’accusa ufficiale nei suoi confronti è di condotta blasfema, promozione dell’ateismo tra i giovani e relazioni illecite con diverse donne.

Durante il processo, l’artista ha negato l’accusa di blasfemia e detto di essere “un musulmano credente”. Fayadh ha anche dovuto giustificare la presenza di foto di donne sul suo cellulare. “Sono delle colleghe artiste, e le foto sono state fatte durante la settimana dell’arte di Jeddah”.

L’Arabia Saudita è da tempo al centro delle proteste della comunità internazionale per le violazioni dei diritti umani e civili. Tra gli episodi che hanno suscitato più indignazione, la condanna e le frustate pubbliche per Raif Badawi, un blogger laico, e la condanna a morte per Ali al-Nimr, che ha condotto proteste pubbliche prima dei 18 anni.

  • Autore articolo
    Roberto Mandel
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 29/06/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 29/06/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/06/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 29/06/2022

    1-Attentati di Parigi. Un processo per la Storia e una lezione di umanità. Oggi la lettura della sentenza. Lo speciale…

    Esteri - 29/06/2022

  • PlayStop

    The Game di mercoledì 29/06/2022

    1) Stati Uniti con una piede nella recessione. Nel primo trimestre 2022 il pil americano è calato dell’1,6%, dopo il…

    The Game - 29/06/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 29/06/2022

    Dove si affronta ancora il problema dell'emergenza climatica con il Dott. Andrea Merlone, Metrologo e Climatologo dell’INRiM, l’Istituto Nazionale di…

    Muoviti muoviti - 29/06/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 29/06/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 29/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    L'acqua per l'agricoltura è finita in pianura

    Ancora dieci giorni d'acqua per l'agricoltura poi nel bacino del Po si dovrà dare la poca acqua rimasta agli usi…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 29/06/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 29/06/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 29/06/2022

    Marta Blumi Tripodi ci racconta il live di Alicia Keys al Forum di Assago

    Jack - 29/06/2022

  • PlayStop

    La carovana per la pace Stop The War Now ad Odessa

    Questa mattina a Prisma, Lorenza Ghidini e Roberto Maggioni hanno intervistato Gianpiero Cofano, segretario dell'associazione Papa Giovanni XXIII, che con…

    Clip - 29/06/2022

  • PlayStop

    Giorgio Macellari, La vita si sconta morendo. L'arte del vivere e del morire bene

    GIORGIO MACELLARI – LA VITA SI SCONTA MORENDO. L’ARTE DEL VIVERE E DEL MORIRE BENE – presentato da MARCO DI…

    Note dell’autore - 29/06/2022

  • PlayStop

    La volta che sono arrivato uno

    quando Dismacchione è fuori gioco ed è sostituito da Giulia che lavora da subito per il suo fanclub, mantre elogiamo…

    Poveri ma belli - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 12:49

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 29/06/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30, “Vapore d'estate” con oltre 100 appuntamenti culturali…

    Cult - 29/06/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 29/06/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 29/06/2022

  • PlayStop

    Prisma di mercoledì 29/06/2022

    LA SICCITA' E L'INERZIA DEL GOVERNO Stefano Iannacone giornalista de Il Domani Angelo Bonelli portavoce dei Verdi Serena Giacomin Fisica…

    Prisma - 29/06/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 29/06/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 29/06/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mercoledì 29/06/2022 delle 7:48

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 29/06/2022

Adesso in diretta