Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR di dom 19/01 delle ore 10:30

    GR di dom 19/01 delle ore 10:30

    Giornale Radio - 19/01/2020

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di dom 19/01

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/01/2020

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 17/01 delle 19:47

    Metroregione di ven 17/01 delle 19:47

    Rassegna Stampa - 19/01/2020

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sab 18/01/2020

    ep. 162 “Water get no enemy” vs “Quelli che benpensano”..Il sound afrobeat e il messaggio di Fela Kuti hanno influenzato…

    Snippet - 19/01/2020

  • PlayStop

    Varia umanita di dom 19/01

    Varia umanita di dom 19/01

    Varia umanità - 19/01/2020

  • PlayStop

    Chassis di dom 19/01 (seconda parte)

    Chassis di dom 19/01 (seconda parte)

    Chassis - 19/01/2020

  • PlayStop

    Chassis di dom 19/01 (prima parte)

    Chassis di dom 19/01 (prima parte)

    Chassis - 19/01/2020

  • PlayStop

    Chassis di dom 19/01

    Chassis di dom 19/01

    Chassis - 19/01/2020

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 19/01

    Favole al microfono di dom 19/01

    Favole al microfono - 19/01/2020

  • PlayStop

    Snippet di sab 18/01

    Snippet di sab 18/01

    Snippet - 19/01/2020

  • PlayStop

    The Box di sab 18/01

    The Box di sab 18/01

    The Box - 19/01/2020

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01 (seconda parte)

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01 (seconda parte)

    Il sabato del villaggio - 19/01/2020

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01 (prima parte)

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01 (prima parte)

    Il sabato del villaggio - 19/01/2020

  • PlayStop

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01

    Il Sabato del Villaggio di sab 18/01

    Il sabato del villaggio - 19/01/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 18/01 (terza parte)

    Pop Up di sab 18/01 (terza parte)

    Pop Up Live - 19/01/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 18/01 (prima parte)

    Pop Up di sab 18/01 (prima parte)

    Pop Up Live - 19/01/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 18/01 (seconda parte)

    Pop Up di sab 18/01 (seconda parte)

    Pop Up Live - 19/01/2020

  • PlayStop

    Pop Up di sab 18/01

    Pop Up di sab 18/01

    Pop Up Live - 19/01/2020

  • PlayStop

    Il Suggeritore di sab 18/01

    Il Suggeritore di sab 18/01

    Il suggeritore - 19/01/2020

  • PlayStop

    Ten ten Chart di sab 18/01

    Ten ten Chart di sab 18/01

    Ten ten chart - 19/01/2020

  • PlayStop

    Mind the Gap di sab 18/01

    Mind the Gap di sab 18/01

    Mind the gap - 19/01/2020

  • PlayStop

    Passatel di sab 18/01

    Passatel di sab 18/01

    Passatel - 19/01/2020

  • PlayStop

    Sidecar di sab 18/01

    Sidecar di sab 18/01

    Sidecar - 19/01/2020

Adesso in diretta

Approfondimenti

Addio a Neil Peart, uno dei più grandi batteristi della storia del rock

Neil Peart

È morto Neil Peart e con lui si sta estinguendo sempre più la notevole pletora di grandi batteristi rock che gli anni dei settanta ci hanno regalato.

Personaggio lontano dallo stardom e dai comportamenti tipici di certe rock band da stadio, Peart ha calcato le scene per 40 anni macinando dischi (19, per la precisione), sempre con lo stesso gruppo, il trio canadese dei Rush, con un inconfondibile ed educato garbo, fino al suo ritiro ufficiale di qualche anno fa.

Austero e compunto, Neil Peart era anche l’autore creativo dietro a praticamente tutte le liriche del suo gruppo.

I testi riflettevano i suoi molteplici e sfaccettati interessi letterari (incluso uno sbandamento poi rinnegato per Ayn Rand) e gli valsero il nomingnolo di Professore, oltre tutto pare che furono proprio i suoi compagni di band a chiamarlo così.

Ritiratosi per motivi di salute nel 2015, Neil Peart si lascia alle spalle una storia personale difficile con la morte in successione dell’allora unica figlia e della prima moglie alla fine degli anni novanta. Segue un periodo di crisi che culmina in un infinito viaggio in motocicletta lungo la dorsale delle due Americhe, storia mirabilmente raccontata in un suo libro qualche anno dopo,

Il lavoro batteristico di Peart inizia dove finiva Keith Moon: meticoloso, tecnico ed estremamente versatile, Neil passava con disinvoltura da groove prettamente rock, a poliritmi progressivi, sonorità etniche, jazz e persino pad elettronici.

Non meraviglia che Peart fosse uno, che a stardom ampiamente raggiunto, cercasse sempre maestri di batteria capaci di insegnargli quel qualcosa in più che ha sempre portato sui palchi di tutto il mondo.

Possiamo dibattere a lungo sulla progressività di un gruppo come i Rush, quello che è certo che con lui scompare l’anima più eclettica, lirica, tecnicamente brillante e pertanto autenticamente progressive del gruppo.

  • Autore articolo
    Matthias Scheller
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni