Approfondimenti

92 lavoratori rischiano il licenziamento alla Suominen di Mozzate

Suominen

Un semplice gazebo fuori dal cancello, la portineria a disposizione per ripararsi un po’ dal freddo, alle spalle un capannone con le luci accese nel buio, ma avvolto nel silenzio. Alla Suominen Nonwovens di Mozzate, al confine tra le province di Como e Varese, i macchinari sono fermi da prima di Natale.

La proprietà finlandese di questa multinazionale è molto nota nel settore tessile di materiale igienico-sanitario. Ha stabilimenti in Italia, Spagna e Stati Uniti, in tutto oltre 700 dipendenti, certificazioni internazionali di produzione di qualità. Lo scorso 10 gennaio, ha annunciato che i 92 operai e impiegati del sito produttivo di Mozzate saranno licenziati.

Per una linea di produzione era già stata richiesta la cassa integrazione nei mesi scorsi. Non sono andati persi grandi clienti. Gli aumenti dei costi dell’energia, il mercato che ogni tanto andava a rilento erano le cause con cui ogni volta si motivava la scelta di lasciare a casa lavoratori e lavoratrici. Poi la decisione della procedura collettiva di licenziamento, attesa a partire dal 26 gennaio.

La beffa è che mentre a Mozzate si chiude, a 50 chilometri di distanza, la stessa produzione di un altro stabilimento Suominen va avanti a Cressa, nel novarese. Gli impiegati di Mozzate seguivano la direzione anche di quel sito. Gli operai raccontano che là un macchinario fermo da anni è stato riavviato, addirittura si chiedono gli straordinari. La reazione di lavoratori e sindacati è stata di far partire un presidio a oltranza davanti all’ingresso della fabbrica. Si danno il cambio dalla mattina presto fino alle sei di sera, soprattutto grazie al contributo degli iscritti alla sigla AL Cobas.

Di notte, è stato garantito loro che non saranno spostati macchinari e quindi tornano a casa, ma qualcuno per sicurezza un giro a controllare lo fa lo stesso. Il sindacato di base, già la scorsa primavera, aveva capito che qualcosa non andava per il verso giusto e aveva indetto i primi scioperi. Ai lavoratori ora verranno proposti dei ricollocamenti a Cressa? Verranno offerti degli incentivi all’esodo? Al momento, non si sa. Il presidio andrà avanti almeno fino a quando non ci sarà più chiarezza da parte dell’azienda.

Di fronte a una nuova multinazionale che chiude, senza alcuno scrupolo per la responsabilità sociale, il pensiero degli operai va agli altri casi simili che ci sono stati nelle vicinanze. La Henkel di Lomazzo, presenza storica nella provincia di Como, era distante appena 15 minuti da qui. Nel 2021 ha chiuso, 80 lavoratori licenziati. Tra gli operai della Suominen qualcuno cerca di dirsi: “Non può andare a finire nello stesso modo”:

  • Autore articolo
    Luca Parena
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 30/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 30/01/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 30/01/2023 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 30/01/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di lunedì 30/01/2023

    Cult è condotto da Ira Rubini e realizzato dalla redazione culturale di Radio Popolare. Cult è cinema, arti visive, musica,…

    Cult - 30/01/2023

  • PlayStop

    Storie di Giusti: Fernanda Wittgens

    Nel ventennale della creazione del Giardino dei Giusti di Milano, Fondazione Gariwo ci propone sei ritratti di Giusti che sono…

    Clip - 30/01/2023

  • PlayStop

    Tutto scorre di lunedì 30/01/2023

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 30/01/2023

  • PlayStop

    Note dell’autore di lunedì 30/01/2023

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 30/01/2023

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 30/01/2023

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 30/01/2023

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 30/01/2023

    Cancellare i diritti con il consenso popolare: la tripla crisi epocale - guerra, clima, pandemia - lo rende possibile. Rights…

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 30/01/2023

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 30/01/2023

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 30/01/2023

  • PlayStop

    Reggae Radio Station di domenica 29/01/2023

    A ritmo di Reggae Reggae Radio Station accompagna discretamente l’ascoltatore in un viaggio attraverso le svariate sonorità della Reggae Music…

    Reggae Radio Station - 30/01/2023

  • PlayStop

    Prospettive Musicali di domenica 29/01/2023

    Prospettive musicali dà risalto a una serie di espressioni musicali che trovano generalmente poco spazio nelle programmazioni radiofoniche mainstream. Non…

    Prospettive Musicali - 30/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di domenica 29/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 30/01/2023

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 29/01/2023

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 30/01/2023

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 29/01/2023

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 30/01/2023

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 29/01/2023

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 30/01/2023

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 29/01/2023

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 30/01/2023

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 29/01/2023

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 30/01/2023

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 29/01/2023

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 30/01/2023

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 29/01/2023

    Giocare col fuoco: storie, canzoni, poesie di e con Fabrizio Coppola Un contenitore di musica e letteratura senza alcuna preclusione…

    Giocare col fuoco - 30/01/2023

Adesso in diretta