Approfondimenti

600 sindaci a Milano con Liliana Segre per dire no all’odio

600 sindaci a Milano con Liliana Segre

Una manifestazione così, a Milano e non solo, non si era mai vista.

Centinaia di rappresentanti istituzionali, la maggior parte di centrosinistra, ma anche civici, del Movimento 5 Stelle, pure di centrodestra, da Nord e da Sud, con le loro fasce tricolori, mischiati a tantissimi cittadine e cittadini, hanno risposto all’appello del sindaco di Milano Giuseppe Sala e a quello di Pesaro Matteo Ricci, per dire NO all’odio montante.

Mezz’ora prima dell’orario deciso per l’appuntamento, in piazza dei Mercanti si vedevano già decine di fasce tricolori. Al momento della partenza del corteo, erano centinaia. Insieme a tantissimi cittadini e cittadine, accorsi dalla città, dall’area metropolitana, dalla regione, per schierarsi al fianco della senatrice a vita Liliana Segre.

Ne è venuta fuori una scorta civile, collettiva, che metaforicamente, e non solo, si è stretta attorno a Liliana Segre. In galleria Vittorio Emanuele non si riusciva a camminare, da quanta gente c’era.

All’arrivo di Liliana Segre sono rimbombati sotto le volte gli applausi dei tantissimi presenti. Sindaci in fascia tricolore cantavano “Bella Ciao”. In piazza della Scala non si riusciva quasi a entrare, per le tantissime persone già lì ad attendere la marcia. Sul palco, lo slogan “L’Odio non ha futuro”.

Poi le parole di Liliana Segre. Parole semplici, sentite. Pochi fogli, che tremavano tra le mani della senatrice a vita. Parole d’amore, contro l’odio e l’indifferenza. Ha ringraziato i sindaci, figli con le fasce tricolori che rappresentano l’Italia migliore secondo Segre, insieme ai privati cittadini che l’hanno abbracciata.

Una prima risposta all’odio è arrivata. Forte e gentile allo stesso tempo. Con una promessa collettiva: se il clima non dovesse cambiare, si tornerà ancora in piazza.

Foto dalla pagina ufficiale del sindaco di Pesaro Matteo Ricci su Facebook.

  • Autore articolo
    Alessandro Braga
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 02/07/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 07/02/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 01/07/2022 delle 19:51

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 07/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good Times di sabato 02/07/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 07/02/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 02/07/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 07/02/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 01/07/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 07/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 01/07/2022

    1-La lezione di Odessa. L’Ucraina è diventata il teatro della nuova guerra fredda e alla fine muoiono i civili. L’attacco…

    Esteri - 07/01/2022

  • PlayStop

    Lezioni antimafia: Alberto Guariso e Gianfranco Schiavone

    Nono e ultimo incontro di “Lezioni di antimafia”. Gli ospiti sono Alberto Guariso, avvocato ASGI (Associazione Studi Giuridici Immigrazione) e…

    Lezioni di antimafia - 01/07/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 01/07/2022

    Dove non si saluta solo l'ultima puntata di "Muoviti, muoviti" ma anche un po' tutte le ultime puntate di oggi…

    Muoviti muoviti - 07/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 01/07/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 07/01/2022

  • PlayStop

    L'Europa in casa nostra di venerdì 01/07/2022

    Una delle principali sfide che l’Unione europea sta affrontando oggi è legata a questa domanda: come portare lo spirito e…

    L’Europa in casa nostra - 07/01/2022

  • PlayStop

    Jack di venerdì 01/07/2022

    Lo spinotto musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 07/01/2022

  • PlayStop

    Gianluca Alzati, Volevo fare la corridora. La vita, la passione, le battaglie della campionessa di ciclismo Morena Tartagni

    GIANLUCA ALZATI – VOLEVO FARE LA CORRIDORA. LA VITA, LA PASSIONE, LE BATTAGLIE DELLA CAMPIONESSA DI CICLISMO MORENA TARTAGLI –…

    Note dell’autore - 07/01/2022

  • PlayStop

    I risparmi de Maria Cazzetta

    quando chiediamo agli ascoltatori dei loro vani tentativi di risparmiare piccole cifre per poi finire a spenderne di maggiori, tra…

    Poveri ma belli - 07/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di venerdì 01/07/2022 delle 12:46

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 07/01/2022

  • PlayStop

    Cult di venerdì 01/07/2022

    a Welcome to Socotra i Cantieri Teatrali Koreja propongono „Alessandro „, La mostra „Luna Park dell‘anima, Coney Island“ di Maurizio…

    Cult - 07/01/2022

  • PlayStop

    37e2 di venerdì 01/07/2022

    I conflitti d’interesse in medicina; la vita di una persona disabile a Sesto S. Giovanni; cosa sta accadendo nelle RSA;…

    37 e 2 - 07/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 01/07/2022

  • PlayStop

    Prisma di venerdì 01/07/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 10.30. Il venerdì dalle…

    Prisma - 07/01/2022

Adesso in diretta