Approfondimenti

40 milioni di americani senza copertura sanitaria

Negli Stati Uniti la nuova proposta di legge sulla sanità, voluta da Trump e dai repubblicani, ha sollevato aspre polemiche all’interno della società civile. Se dovesse diventare legge lo scenario previsto è deprimente: drastiche riduzioni del pacchetto di protezioni sanitarie introdotte dall’Obamacare e un considerevole aumento di persone senza assicurazione. E sarebbero le persone a basso reddito a pagarne le conseguenze.

Ne abbiamo parlato con il dottor Adam Gaffney, segretario dell’organizzazione “Medici per un servizio sanitario nazionale” negli Stati Uniti una delle maggiori realtà che si batte per estendere il servizio sanitario pubblico.

“La nuova proposta di legge approvata alla Camera dei Rappresentanti, se dovesse passare anche al Senato e dovesse essere firmata dal Presidente – cosa che ritengo improbabile a meno che la proposta non venga modificata significativamente – ma, se dovesse passare, avrebbe un effetto davvero nocivo sul sistema sanitario americano.

Il risultato sarebbe la perdita enorme di protezioni che l’Obamacare assicura per persone a basso reddito o per persone che rimangono senza assicurazione. In generale, la nuova proposta di legge ridurrebbe il numero di assicurati di circa 24 milioni nell’arco di dieci anni secondo le più recenti valutazioni”.

Quali sono i pilastri della nuova proposta di legge?

“Il primo pilastro è la riduzione dei contributi al Medicaid – Medicaid è un programma federale che assicura una copertura sanitaria a persone a basso reddito e attualmente copre più di 70 milioni di americani. Con la nuova normativa i contributi verrebbero drasticamente ridotti per più di 800 milioni di dollari all’anno per oltre dieci anni. Più di 40 milioni di persone perderebbero la copertura sanitaria durante l’applicazione del programma.

Il secondo pilastro consiste nella modifica delle sovvenzioni introdotte dall’Obamacare. Attraverso queste sovvenzioni è possibile comprare assicurazioni private a un costo molto ridotto. Nella nuova normativa le sovvenzioni non scompaiono, ma sarebbero meno adeguate: riuscirebbero a coprire una minima parte dei costi delle assicurazioni private e sarebbero anche molto più regressive.

Il terzo pilastro riguarda la riduzione fiscale. Centinaia di milioni di dollari finirebbero nelle tasche di americani con un reddito alto. Le tasse pagate da americani con più di 200 mila dollari di reddito annuale verrebbero ridotte di circa 300 milioni di dollari nell’arco di dieci anni.

Il quarto pilastro è stato appena introdotto. Si tratta di una misura che lascia agli Stati la libertà di applicare o meno alcune delle protezioni previste dall’Obamacare. Più precisamente, l’Obamacare stabiliva che le compagnie assicurative non potessero emettere parcelle differenti sulla base dello stato di salute o dei problemi medici specifici di ogni richiedente.

L’Obamacare stabiliva inoltre che le compagnie assicurative coprissero i cosiddetti dieci essenziali fondi sanitari, tra cui cure per la maternità, il servizio dei medici di base, cure ospedaliere e così via. Se le compagnie assicurative non avessero più questi obblighi, potrebbero far pagare premi assicurativi maggiori a seconda delle condizioni, ad esempio se una persona ha alcuni problemi di salute, come per esempio cancro o diabete”.

Lei fa parte dell’organizzazione “Medici per un servizio sanitario nazionale” che si batte da anni per l’introduzione di un sistema sanitario pubblico nazionale. In cosa consiste e quali sarebbero i suoi benefici?

“Sì, esatto. Io, insieme a molte altre persone, mi batto per un sistema sanitario per tutti. Secondo uno degli ultimi sondaggi circa il 58 per cento degli americani è favorevole a questo sistema sanitario, che garantirebbe a ognuno negli Stati Uniti una copertura sanitaria.

Perché, non dimentichiamo che anche oggi, con l’Obamacare, 28 milioni di persone sono senza copertura. Il sistema sanitario nazionale eliminerebbe il pacchetto di costi extra che al momento è ancora in atto. Persone che vanno in ospedale o anche dal medico e hanno una copertura sanitaria devono comunque pagare a caro prezzo costi aggiuntivi, come costi di servizio, ticket e franchigie. Tutto questo sparirebbero con il servizio sanitario nazionale.

Potremmo garantire a tutti una copertura sanitaria, ci sarebbero enormi vantaggi economici e in questo processo potremmo salvare molte vite umane”.

  • Autore articolo
    Adele Alberti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 24/05/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 25/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di martedì 24/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 25/05/2022

  • PlayStop

    L'altro martedì di martedì 24/05/2022

    Dal 14 settembre dalle ore 22.00 alle 22.30 alla sua quarantunesima edizione L’Altro Martedì, la trasmissione LGBT+ di Radio Popolare…

    L’Altro Martedì - 25/05/2022

  • PlayStop

    Doppio Click di martedì 24/05/2022

    Doppio Click è la trasmissione di Radio Popolare dedicata ai temi di attualità legati al mondo di Internet e delle…

    Doppio Click - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di martedì 24/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    - Guerra In Ucraina. La Russia comincia ad ammettere in modo implicito le sue difficoltà sul campo. - Cina. ”'sparare…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di martedì 24/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 25/05/2022

  • PlayStop

    The Game di martedì 24/05/2022

    1) “La pandemia ha avuto effetti di rilevanza storica, che vanno al di là di quelli sanitari, ovviamente importanti”. Parla…

    The Game - 25/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 24/05/2022

    Dove ci si getta sull'attualità raccontando, con ascoltatori e ascoltatrici, la grandinata che sta colpendo il nord di Milano. Poi…

    Muoviti muoviti - 25/05/2022

  • PlayStop

    Intervista a Emilio Isgrò di Tiziana Ricci

    Ricordiamoci cosa significa la cancellatura per Emilio Isgrò: non significa annullare, nascondere, togliere di mezzo, bensì esaltare un testo, proteggerlo,…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 24/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 25/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 24/05/2022

    Si parla con Chiara Caprio di Animal Equality Italia delle novità in Europa su benessere animale, ma anche di Regione…

    Considera l’armadillo - 25/05/2022

  • PlayStop

    Jack di martedì 24/05/2022

    Ospite telefonico la Bandakadabra per parlare di Musicamobile Monza

    Jack - 25/05/2022

  • PlayStop

    Marco Colombo, Il bosco delle maschere. La vita segreta del tasso

    MARCO COLOMBO - IL BOSCO DELLE MASCHERE. LA VITA SEGRETA DEL TASSO – presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 25/05/2022

  • PlayStop

    Lea Ypi - Libera. Diventare grandi alla fine della storia

    Negli studi di Radio Popolare, la docente, saggista, filosofa e scrittrice Lea Ypi, racconta a Cult di Ira Rubini, la…

    Clip - 24/05/2022

  • PlayStop

    La Pillola va giù di lunedì 23/05/2022

    Questa puntata è realizzata con bambine e bambini dell'IC Confalonieri nell'ambito del progetto Be Resilient Be Sustainable realizzato in collaborazione…

    La Pillola va giù - 25/05/2022

  • PlayStop

    Contrabbando di meteoriti

    quando andiamo a controllare se ad Amsterdam i tour di Zucchero procede secondo i piani, voliamo in Uruguay sulle tracce…

    Poveri ma belli - 25/05/2022

  • PlayStop

    Cult di martedì 24/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare in onda alle 11.30: il Festival di Cannes, la rassegna Nuove…

    Cult - 25/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 24/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 25/05/2022

  • PlayStop

    Prisma di martedì 24/05/2022

    Parliamo della guerra in Ucraina con Emanuele Valenti e la professoressa Giordana Pulcini, Lorenzo Cremonesi ci presenterà il suo libro…

    Prisma - 25/05/2022

Adesso in diretta