Approfondimenti

12 mesi di Azzolina in tre parole: tardi, reclutamento e passione

Lucia Azzolina

Tardi. È una delle tre parole chiave per descrivere il primo anno della Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina. Si è organizzata tardi per la preparazione del ritorno tra i banchi a settembre. Ha preferito concentrarsi sulla chiusura dell’anno. Risultato: gli studenti hanno saputo a fine maggio come sarebbe stato il loro esame di maturità e il mondo della scuola ha passato tutta l’estate, metro alla mano, a sistemare banchi e a organizzare orari e misure di sicurezza, sempre in attesa di linee guida definitive.

Seconda parola: reclutamento. Azzolina ha creato un nuovo sistema di graduatorie provinciali per le supplenze. Ottime intenzioni: sgravare il lavoro delle segreterie. Ma non ha fatto i conti con i problemi tecnici della piattaforma informatica che le gestisce e la mancanza di organico di alcuni uffici scolastici. Risultato: migliaia di cattedre vacanti per mesi.

E poi il concorso. Gli insegnanti servono, ha ragione. Ma in quali condizioni è stato organizzato? In piena pandemia, senza prove suppletive, con lo spostamento di docenti in città diverse da quella di residenza.

Bersagliata da tutti, le sono state addossate anche colpe non sue. Come quella per l’insufficienza dei mezzi pubblici o del tracciamento che non funziona. Tante le critiche da destra e da sinistra, a volte anche a ragione, sul suo operato. Meno costruttive quelle alla sua persona. Giovane e donna, in molti hanno pensato di poterla offendere anche solo per il suo aspetto fisico o il rossetto che usa, ormai suo segno distintivo in ogni sua immagine. Ma non si è fatta intimorire.

E qui si arriva alla terza parola chiave: passione. Determinata a riportare gli studenti a scuola e a cercare le risorse per mettere finalmente la scuola al centro, Azzolina non si è arresa davanti a niente. Colloqui serrati con gli altri ministri, il CTS, i sindacati, i presidi, le Regioni. La battaglia della scuola in presenza è ancora in corso. Ma ha ottenuto risultati in quella per i fondi. È riuscita a ottenere oltre 4 miliardi per gestire l’emergenza.

E poi altri 3,7 miliardi nella Legge di bilancio, contro i 2 del suo predecessore. Risorse per l’edilizia, per i progetti didattici, per l’assunzione di personale, per la digitalizzazione. Tante voci si sono alzate in questi mesi dal mondo della scuola dicendo che non è abbastanza. Ma, davvero, pensano che in meno di un anno si possa sanare una situazione che va avanti da decenni, in cui la scuola scende sempre di più nella classifica delle priorità dello stato?

  • Autore articolo
    Claudia Zanella
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli
POTREBBE PIACERTI ANCHETutte le trasmissioni

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 21/01/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 21/01/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 21/01/21 delle 19:48

    Metroregione di gio 21/01/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 21/01/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di gio 21/01/21

    1- Strage in un mercato di Baghad. In Iraq torna l’incubo degli attentati kamikaze. ( Laura Silvia Battaglia) ..2-Stati uniti.…

    Esteri - 21/01/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di gio 21/01/21

    Sunday Blues di gio 21/01/21

    Sunday Blues - 21/01/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di gio 21/01/21

    Uno di Due di gio 21/01/21

    1D2 - 21/01/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 21/01/21

    Considera l'armadillo gio 21/01/21

    Considera l’armadillo - 21/01/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 21/01/21

    PFM, Massive Attack, Stormzy, Katy Perry, Intervista a Leo Pari a cura di Margherita De Valle

    Jack - 21/01/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 21/01/21

    Stay Human di gio 21/01/21

    Stay human - 21/01/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 21/01/21

    Conversazione sul Pci. Cent’anni fa nasceva il Partito Comunista d’Italia e trent’anni fa il Pci decideva di sciogliersi. Una storia…

    Memos - 21/01/2021

  • PlayStop

    Armando Massarenti, La pandemia dei dati. Ecco il vaccino

    ARMANDO MASSARENTI - LA PANDEMIA DEI DATI. ECCO IL VACCINO - presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 21/01/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 21/01/21

    Cult di gio 21/01/21

    Cult - 21/01/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 21/01/21

    Calmierizzazione dei prezzi dei tamponi e dei test sierologici; tamponi esportati nella scorsa primavera negli USA; le vostre domande; la…

    37 e 2 - 21/01/2021

  • PlayStop

    Prisma di gio 21/01/21

    La crisi di governo: reggerà questa maggioranza? Con il vicedirettore del Foglio Salvatore Merlo e Daniela Preziosi del Domani. Renziani…

    Prisma - 21/01/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 21/01/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 21/01/21

    Rassegna stampa internazionale - 21/01/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 21/01/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 21/01/21

    Il demone del tardi - 21/01/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 21/01/21

    Fino alle otto di gio 21/01/21

    Fino alle otto - 21/01/2021

Adesso in diretta