La storia

 

La storia di (e attraverso) Radio Popolare

1975 La vigilia di Natale viene registrata al tribunale di Milano la testata Radio Popolare.

1976 Si forma la Cooperativa di Radio Popolare con rappresentanti di varie forze politiche e sindacali della sinistra (Fim, Fiom, Uil, sinistra Psi, Lc, Mls poi Pdup, Ao ed altri). I redattori ne sono soci. Gli ascoltatori lo diventano acquistando una tessera. La radio comincia a trasmettere sulle frequenze di Radio Milano Centrale di cui assorbe una parte dei redattori. La sede è in corso Buenos Aires. Lo studio di trasmissione viene chiamato “metrocubo”. Il progetto è di Piero Scaramucci, che assume la direzione della radio. Il 7 dicembre Radio Popolare diventa famosa con la radiocronaca della contestazione alla prima della Scala: quindici redattori chiamano in continuazione dai telefoni pubblici; Camilla Cederna (in incognito) fa la cronaca dall’interno del teatro. Per la morte di Mao Rp manda in onda una corrispondenza dalla Cina di Edoarda Masi.

1977 Si struttura il palinsesto: dieci notiziari al giorno, la rubrica sindacale verso sera, il microfono aperto al mattino, le notturne di autocoscienza. Sull’onda del movimento giovanile e studentesco prende vita la “Rubrica giovani”. Censurato dalla Rai, Dario Fo risponde agli ascoltatori in collegamento artigianale con decine di radio di tutta Italia. “Nascono” Gino e Michele con “Passati col rosso”. Le donne di Rp organizzano una grande festa al Palalido dove verranno amplificate le corrispondenze degli incidenti di Roma e Bologna. In autunno trasloco nella palazzina di via Pasteur. Scaramucci torna in Rai, nuovo direttore è Nini Briglia.

1978 Telefonano i fascisti in una notturna sulla violenza dopo l’uccisione di due missini a Roma. Si apre un grande dibattito nella sinistra: si devono lasciar parlare i fascisti? In marzo la radio è il punto di riferimento per la grande risposta popolare all’assassinio di Fausto e Iaio, due ragazzi del Leoncavallo.

1979 Briglia lascia Rp per la carta stampata, inizia la direzione di Biagio Longo. L’8 aprile Antonio Stella inaugura “Le testate degli altri”, la rassegna stampa: per mesi pagherà i giornali di tasca propria. Cronache dalle fabbriche in lotta contro i licenziamenti tra cui l’appassionata diretta dell’assemblea Unidal.