I giorni dell'Ira

Un nuovo giorno dell’Ira: cos’è, cos’è che fa andare la filanda?

Cos’è, cos’è
Che fa andare la filanda
È chiara la faccenda
Son quelle come me

Giorni abbastanza convulsi determinano riflessioni sovrapposte. All’accelerazione vaccinale un po’ confusa, contrassegnata dalla divisa eccessiva del generale Figliuolo, si alternano le immagini di un 25 aprile pieno di bambini che a Milano reggono la bandiera arcobaleno fra il Piccolo Teatro e via Dante, o quelle dei comici che risalgono emozionati su un palco, sia pure in streaming. Ai nuovi naufragi nel Mediterraneo, tomba liquida dalle proporzioni ormai degne del mito greco, si affiancano saltimbanchi e tecnici di scena che vogliono essere finalmente riconosciuti dalla società.

Ma le voci che in questo periodo di serrata cronaca in diretta mi colpiscono di più sono quelle femminili, che annunciano, senza troppe cerimonie, che qualcosa è cambiato. Ma non abbastanza.

Lo dicono le socie di A.M.L.E.T.A. (un collettivo femminista intersezionale nato durante il lockdown e formato soprattutto da attrici) che snocciolano in una interessante mappatura alcuni dati impressionanti: solo il 21,6% degli spettacoli teatrali prodotti in Italia è firmato da donne; nessun teatro nazionale è diretto da donne e sono poche anche quelle che dirigono altri grandi teatri (6 su 25); le drammaturghe superano di poco il 20% rispetto ai colleghi; così anche le responsabili degli adattamenti; un po’ meglio va alle attrici, che tuttavia sono comunque meno degli attori, soprattutto nelle sale principali; oltretutto, sono fra le lavoratrici dello spettacolo più soggette a molestie e ricatti di natura sessuale, quasi sempre taciuti. Che bel quadretto, eh? Fateci caso, la prossima volta che andate a teatro.

Anche le fondatrici di AWI – Art Workers Italia sembrano rappresentare, con la loro utilissima associazione nata da un anno appena e volta all’assistenza e alla tutela delle lavoratrici e dei lavoratori del campo delle arti visive, una realtà tuttora incontrovertibile: spesso sono le donne, in genere pagate meno e meno tutelate, a mettere il dito nella piaga, a individuare concretamente un problema. Possibile che in Italia, il paese con il più vasto patrimonio artistico al mondo, nessuno abbia mai realmente pensato di richiedere e stilare una regolamentazione per attività essenziali al settore come la curatela, la scrittura di testi, la conservazione dei beni artistici, l’allestimento di mostre e opere d’arte, l’attività trasversale degli artisti?

Intanto, a proposito di donne, muore la Rossa, come la chiamava Jannacci. Milva era intelligente e poliedrica, protagonista di una carriera straordinaria, che la porterà dalle balere del Delta del Po a ricevere la Legion d’Onore in Francia. La sua determinazione a imparare ed evolvere le farà vivere una grande avventura brechtiana con Giorgio Strehler e la renderà capace di cantare in tedesco per i tedeschi, in francese per i francesi, in giapponese per i giapponesi, mandando tutti in delirio. Ma la Rossa aveva le idee chiare anche in fatto di politica: le sue interpretazioni di musica popolare, la versione ormai leggendaria di Bella Ciao, le molte incursioni nel femminismo, come con La Filanda, cover di un celebre pezzo portoghese, le valsero il rispetto dei suoi contemporanei e di tutti noi. La camera ardente allestita al Piccolo Teatro Strehler e l’iscrizione nel Famedio del Cimitero Monumentale di Milano sono il giusto riconoscimento per un’artista e una donna eccezionale.

Osservo una sarta di scena che cuce insieme scampoli colorati per una installazione nel Chiostro del Piccolo Teatro Grassi, dove fra poco terminerà la lunga occupazione delle lavoratrici e lavoratori dello spettacolo. Capisco che anche per lei, come in tanti ci hanno raccontato in questi lunghi mesi di immobilità, il suo lavoro è il più bello del mondo. Fra poco, i teatri riapriranno, un po’ acciaccati e guardinghi. Forse, finalmente, anche lo spettacolo dal vivo avrà maggiore dignità istituzionale. Nell’attesa, buono spettacolo… a tutti e a tutte.

 

  • Ira Rubini

    Nata in Belgio, vive a Milano. Studia insieme legge e teatro. A 20 anni inizia a scrivere per la TV e firma oltre 40 trasmissioni, come la diretta della notte degli Oscar in cui vinse Benigni. Come antidoto, scrive teatro (anche con Franca Valeri) e gira il mondo per fare documentari. Insegna teatrologia alla Paolo Grassi e coordina il corso di Sceneggiatura alla Luchino Visconti. La radio è il primo amore: esordisce a Radio Popolare a 14 anni, poi ci torna a condurre il quotidiano culturale. Lavora a RadioRAI e alla Radio Svizzera Italiana. A volte, le piace tornare in scena con l'ensemble Ottavo Richter.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/01/2023

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 28/01/2023

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 29/01/2023

  • PlayStop

    Snippet di sabato 28/01/2023

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 29/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di sabato 28/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/01/2023

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 28/01/2023

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro twitter: @SkepticAfro

    AfroRaffa - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 28/01/2023

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 29/01/2023

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/01/2023

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 29/01/2023

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/01/2023

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 29/01/2023

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 28/01/2023

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 29/01/2023

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/01/2023

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 29/01/2023

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 28/01/2023

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 29/01/2023

  • PlayStop

    Chassis di sabato 28/01/2023

    Con le interviste a Alessio Cremonini sul film “Profeti”, Paolo Genovese su “Il primo giorno della mia vita” e Il…

    Chassis - 28/01/2023

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/01/2023

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 29/01/2023

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/01/2023

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 29/01/2023

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/01/2023

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 29/01/2023

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/01/2023

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il convoglio

    IL CONVOGLIO è un audio racconto dedicato al Giorno della Memoria di Claudio Jampaglia ed Elisabetta Ruffini, montato e sonorizzato…

    Clip - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il convoglio

    IL CONVOGLIO è un audio racconto dedicato al Giorno della Memoria di Claudio Jampaglia ed Elisabetta Ruffini, montato e sonorizzato…

    Clip - 28/01/2023

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 28/01/2023

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 29/01/2023

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 27/01/2023

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 29/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/01/2023

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/01/2023 - ore 21:00

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/01/2023

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/01/2023 - ore 20:01

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/01/2023

Adesso in diretta