La nave di Penelope

Tanti piccoli Platone e Aristotele

Una rivoluzione copernicana degli istituti tecnici. Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, da quando è titolare del dicastero, parla di una riforma che riguarda questo gruppo di scuole superiori. E tra le novità necessarie, per dare una formazione che sia al passo con i tempi, il ministro ritiene che si debba introdurre la Filosofia tra le materie di studio.

Uno strumento per sviluppare il pensiero critico e meglio collocarsi nei grandi dibattiti della nostra epoca, sapendo argomentare e analizzare la realtà, sempre più complessa e con implicazioni, anche etiche, non trascurabili (si pensi a quelle che si aprono con l’avvento di nuove tecnologie che rasentano la fantascienza o all’enorme quantità di dati sensibili e personali che circolano utilizzando i social network, per esempio).

Vista la mia formazione accademica (ahimè sì, lo ammetto, sono laureata proprio in Filosofia), potreste obiettare che sono di parte, ma a mio parere è una delle idee migliori e più concrete che ho sentito formulare dal ministro in questi mesi. Tanto da essere sorpresa dai risultati del sondaggio realizzato dalla testata online Orizzonte scuola, secondo cui il 48 per cento di chi ha risposto è contrario all’introduzione della Filosofia negli istituti tecnici.

Negli anni passati, mi è capitato di parlare con alcuni dirigenti illuminati di istituti tecnici di Milano che hanno provato a proporre la Filosofia anche in questi indirizzi di studio. Chi con qualche lezione tenuta dal professore della sezione del liceo, chi con una sperimentazione gestita da docenti universitari. Un progetto, quest’ultimo, dell’Università Cattolica che prevede cicli di incontri e una lezione conclusiva in ateneo.

Anzi, dirò di più, questa collaborazione tra scuola pubblica e università ha mosso i primi passi portando la Filosofia nelle scuole elementari. Com’è possibile insegnare una materia così complessa ai bambini? Non c’è bisogno di conoscenze particolari, hanno già tutti gli strumenti di cui hanno bisogno. I bambini sono i filosofi per eccellenza. Perché qui non si parla di storia della Filosofia, di Kant e di Hegel, ma si passa direttamente alla pratica, al porsi domande su quello che ci circonda.

I più piccoli vengono coinvolti attraverso il gioco e il dialogo. Ed è sempre con il dialogo che si coinvolgono anche i ragazzi degli istituti tecnici. Gli studenti riflettono e si confrontano, mentre un docente veste i panni di Socrate, che con la maieutica guidava gli interlocutori attraverso le sue domande a cercare dentro di sé e a “partorire” la verità.

Ho avuto modo di assistere a uno dei loro incontri. Ho visto dei sedicenni che sognavano di diventare meccanici o di lavorare in ambito ingegneristico dimenticare il suono della campanella. Erano talmente presi a discutere e a argomentare le proprie ragioni su temi come “la bellezza nel mondo” – temi apparentemente ben lontani dalla loro quotidianità e dai loro interessi immediati – da dimenticarsi di tutto il resto.

Tanti piccoli Platone e Aristotele che continuavano a farsi domande e a darsi risposte, a portare avanti le proprie tesi. Farsi domande, pensare, darsi risposte, argomentare: sembra banale ma non lo è. Diversi hanno ammesso che queste lezioni hanno cambiato il loro modo di vedere le cose e di aver maturato un approccio più profondo a quello che li circonda. Un altro livello di comprensione del mondo.

Allora chiedo a chi è contrario all’introduzione della Filosofia negli istituti tecnici: siamo sicuri che in uno dei Paesi europei con la più alta percentuale di analfabeti funzionali d’Europa si voglia ancora negare questa possibilità a milioni di ragazzi?

  • Claudia Zanella

    Sono nata a Milano nel 1987. Ma è più il tempo che ho passato in viaggio, che all’ombra della Madonnina. Sono laureata in Filosofia e ho sempre una citazione di Nietzsche nel taschino. Mi piacciono tante cose ma, se devo scegliere tra le mie passioni quali sono quelle che più parlano di me, direi: la Spagna, il rock e il giornalismo. Dopo averci vissuto, Madrid è la mia città d’elezione; il rock scandisce il mio ritmo di vita e venero le mie chitarre come oggetti magici; infine, fare la giornalista soddisfa il mio impulso alla Jessica Fletcher di voler sempre vedere chiaro e poi raccontare. Ho lavorato per cinque anni per La Repubblica, come cronista e responsabile del settore “Educazione e scuola” a Milano. Cofondatrice del progetto di storytelling su Milano ai tempi del coronavirus: “Orange is the new Milano”. Sono approdata a Radio Popolare nel 2019, occupandomi di un po’ di tutto, ma mantenendo sempre un occhio vigile sul mondo della scuola.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 27/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 27/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 27/10/21 delle 19:49

    Metroregione di mer 27/10/21 delle 19:49

    Rassegna Stampa - 27/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mer 27/10/21

    1-Portogallo: verso l’implosione della coalizione progressista che governa il paese da sei anni. Socialisti e il blocco delle sinistre radicali…

    Esteri - 27/10/2021

  • PlayStop

    The Game di mer 27/10/21

    The Game di mer 27/10/21

    The Game - 27/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 27/10/21

    Muoviti muoviti di mer 27/10/21

    Muoviti muoviti - 27/10/2021

  • PlayStop

    Roberto Codazzi, Donne favolose

    ROBERTO CODAZZI - DONNE FAVOLOSE - presentato da DISMA PESTALOZZA

    Note dell’autore - 27/10/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mer 27/10/21

    Di tutto un boh di mer 27/10/21

    Di tutto un boh - 27/10/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 27/10/21

    Si parla con Chiara De Gregorio e Teresa Raimondi, ricercatrici dell'Università di Torino e co autrici dello studio sul senso…

    Considera l’armadillo - 27/10/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 27/10/21

    Jack di mer 27/10/21

    Jack - 27/10/2021

  • PlayStop

    Provini

    quando otteniamo l'approvazione delle autorità preposte per il combattimento tra galli metaforici, eseguiamo un casting semifallimentare per le nostre fiction,…

    Poveri ma belli - 27/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 27/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina di mer 27/10/21 delle 12:48

    Seconda pagina - 27/10/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 27/10/21

    Cult di mer 27/10/21

    Cult - 27/10/2021

  • PlayStop

    Tutto scorre di mer 27/10/21

    Tutto scorre di mer 27/10/21

    Tutto scorre - 27/10/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 27/10/21

    Prisma di mer 27/10/21

    Prisma - 27/10/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 27/10/21

    Il demone del tardi - copertina di mer 27/10/21

    Il demone del tardi - 27/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 27/10/21 delle 07:47

    Seconda pagina di mer 27/10/21 delle 07:47

    Seconda pagina - 27/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 27/10/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 27/10/21

    Rassegna stampa internazionale - 27/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 27/10/21

    Rassegna stampa internazionale di mer 27/10/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 27/10/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di mer 27/10/21

    Il Caffè Nero Bollente del mercoledì con musica, sfoglio dei giornali e la serie tv della settimana consigliata da Paolo…

    Caffè Nero Bollente - 27/10/2021

Adesso in diretta