In alto a sinistra

Ridateci Cavour (e pure Porta Pia)

Libera chiesa in libero stato”. Molte fonti attribuiscono questa frase a Camillo Benso conte di Cavour, che la disse sul letto di morte, nel giugno del 1861. In realtà la frase fu coniata da Charles de Montalembert, politico e filosofo francese coevo del padre della destra storica italiana. E lo stesso Cavour non la pronunciò in punto di morte, ma qualche mese prima, durante un intervento nel parlamento italiano.

Poco importa la dissertazione storica sulle origini dell’affermazione, quanto il significato profondo che essa ricopre. In pratica, facendo proprio il motto “libera chiesa in libero stato”, Cavour (massimo esponente della destra storica) voleva sottolineare la sua posizione riguardo i rapporti tra il neonato stato italiano e quello pontificio. Che era sostanzialmente di indipendenza tra i due poteri: il papa si sarebbe occupato dello spirito dei cittadini italiani, lo stato delle questioni materiali. Insomma, poneva le fondamenta di un moderno stato laico. La storia successiva ha modificato questa impostazione: i patti lateranensi del 1929 prima, sottoscritti in piena epoca fascista da Benito Mussolini e dal segretario di stato pontificio Pietro Gasparri (Gasparri!) e relativo concordato, il rinnovo di questi patti nel 1984, con l’allora presidente del consiglio italiano Bettino Craxi (socialista!) dopo.

Ora il Vaticano, richiamando quel concordato, interviene a gamba tesa sull’iter di approvazione della legge Zan. La destra attuale, Salvini e fascioleghisti in primis, gioisce, dimentica dell’insegnamento cavouriano. E quello che si definisce il segretario del maggior partito della sinistra (centrosinistra, centro-centrosinistra, centrocentrocentrosinistra, forse centro senza sinistra) che fa? Dice che se ne può discutere, e che è pronto a portare avanti tutte le modifiche necessarie.

Caro Enrico Letta, studia Cavour, che sui rapporti tra stato e chiesa è molto più a sinistra di te. Cari politici italiani, studiate Cavour, che in quanto a laicità dello stato è molto più a sinistra di voi. Il Vaticano fa il suo, e anche dal grande progressista papa Francesco mica ci si poteva aspettare altro (capito cari sinistri che ne fate la nuova bandiera del progressismo mondiale?).

Per favore, ridateci Cavour. E pure la breccia di Porta Pia. Anzi, in tempi in cui va di moda erigere muri, tiriamone su una nuovo a Porta Pia. Un muro che divida noi che viviamo in uno stato (pseudo)laico da uno stato teocratico straniero. Per essere, e una volta tanto saremmo pure d’accordo, padroni a casa nostra.

  • Alessandro Braga

    Classe 1975. Giornalista professionista, prima di approdare a Radio Popolare ha collaborato per anni col Manifesto. Appassionato di politica, prova anche (compatibilmente col tempo a disposizione) a farla

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 19/05/2022 delle 19:50

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 20/05/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 20/05/2022

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 20/05/2022

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 19/05/2022

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma…

    Labirinti Musicali - 20/05/2022

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 19/05/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 20/05/2022

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 19/05/2022

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da…

    Musiche dal mondo - 20/05/2022

  • PlayStop

    Chassis di giovedì 19/05/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 20/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 19/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 20/05/2022

  • PlayStop

    Gli speciali di giovedì 19/05/2022

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 20/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 19/05/2022

    1 - Guerra in Ucraina, secondo mosca altri 770 militari hanno lasciato l’acciaieria di Mariupol. Secondo Kiev il processo di…

    Esteri - 20/05/2022

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 19/05/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 20/05/2022

  • PlayStop

    The Game di giovedì 19/05/2022

    1) Draghi sbandiera l’indipendenza dal gas russo in due anni. Ma per l’indipendenza dalle fonti fossili i tempi del governo…

    The Game - 20/05/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 19/05/2022

    Dove si parla di gender reveal, ammesso e non concesso che sappiate cosa sia. Poi ex Presidenti degli Stati Uniti…

    Muoviti muoviti - 20/05/2022

  • PlayStop

    Cisco e Finaz presentano "Non fa paura" live a Jack

    Cisco e la Bandabardò finalmente uniscono le forze per un disco insieme dal titolo "Non fa paura" in uscita venerdì…

    Clip -

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 19/05/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 20/05/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 19/05/2022

    Si parla con Clara Caspani e Lorenzo Niccolini, vicepresidente e presidente di Stray Dogs International Project su esperienze di cani…

    Considera l’armadillo - 20/05/2022

  • PlayStop

    Jack di giovedì 19/05/2022

    Notizie, nuove proposte musicali e il momento Jack Box dedicato al compleanno di Grace Jones

    Jack - 20/05/2022

  • PlayStop

    Giacomo Natali, Capire l'Eurovision. Tra musica e geopolitica

    GIACOMO NATALI - CAPIRE L'EUROVISION. TRA MUSICA E GEOPOLITICA – presentato da IRA RUBINI

    Note dell’autore - 20/05/2022

  • PlayStop

    Puntata di giovedì 19/05/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 20/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 19/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 20/05/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di giovedì 19/05/2022 delle 12:47

    Fascia informativa e di approfondimento che segue il Giornale Radio, tra attualità, cultura e società.

    Seconda pagina - 20/05/2022

  • PlayStop

    Cult di giovedì 19/05/2022

    Oggi a Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare, in onda alle 11.30: le corrispondenze dal Salone del Libro di…

    Cult - 20/05/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 19/05/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 20/05/2022

Adesso in diretta