Piovono Rane

Quando sarà il tempo della riconciliazione

Quando un Paese è stato lacerato al suo interno da un conflitto violento, a un certo punto si pone la questione della riappacificazione.

È storico, è strutturale – e per fortuna: dall’amnistia di Togliatti in Italia alla Truth and Reconciliation Commission nel Sudafrica post razzista.

E _absit iniutia verbis_ nei paragoni, naturalmente: ogni schiumare della storia ha le sue peculiarità, le sue differenze.

Ma nel corso del 2022, se davvero sarà l’anno dell’uscita dalla pandemia, un Paese maturo, intelligente, pragmatico e non vendicativo deve chiedersi se e quando giungerà il tempo di una riconciliazione anche con quel 10 per cento scarso di italiani – comunque milioni di persone – che non hanno voluto partecipare allo sforzo collettivo per debellare il virus, vuoi per ignoranza, vuoi per paura, vuoi per convinzioni che personalmente considero al limite del pensiero magico.

Questa guerra civile delle anime, diciamo la verità, non è stata cosa gradevole nemmeno per chi l’ha combattuta dalla parte giusta.

Ha diviso famiglie e distrutto amicizie, tra l’altro.

Ha indebolito il sindacato, principale corpo intermedio del Paese, sempre più prezioso in una società atomizzata.

Ha mandato in vacca – speriamo provvisoriamente – qualsiasi riflessione seria su una questione vitale per il futuro come il capitalismo della sorveglianza.

Ma soprattutto ha funzionato come potentissima arma di distrazione di massa in un contesto socioeconomico di impoverimento diffuso e di allargamento (ulteriore!) di una forbice sociale che ormai grida vendetta a Dio, mentre perfino gli adolescenti muoiono sul lavoro e la marea avvelenata della precarietà si allarga su su fino agli ultra cinquantenni – e la sinistra partitica sfuma nel nulla della sua insignificanza, regalando ogni spazio d’istanza sociale a destre sempre più impresentabili (guardiamolo, l’angosciante laboratorio della Francia dove la politica è ormai solo terreno conteso tra neoliberisti, razzisti e neoliberisti razzisti).

Ecco, a proposito di destre. Stanno facendo, come sempre il loro mestiere, che è quello di dividere in fazioni contrapposte la base della piramide sociale, perché se ne possa giovare il vertice. È così, dal 1922 in avanti. Lo sarà ancora di più nel 2022. L’esclusione sociale è il loro pane. Non mi sembra una grande idea alimentarla.

C’è, ovviamente, una questione di gradualità, di tempi.

C’è l’esigenza di non far sentire preso in giro il 90 per cento di persone ragionevoli, che con questa razionalità hanno superato anche i loro umani dubbi, con quello che potrebbe sembrare un italianissimo condono, se affrettato e mal gestito.

E probabilmente c’è anche – ancora – una questione sanitaria: quando potremmo dire che la pandemia è davvero alle spalle, e che quindi un processo di riconciliazione è possibile? Basta la fine dello stato d’emergenza, fra poco più di un mese? Occorre aspettare una dichiarazione in questo senso dell’Oms? Bisogna prima vedere se si rialzerà l’allarme in autunno?

Ci sono tante cose intrecciate, insomma.

Che però forse, nell’interesse sociale, potremmo iniziare a sottoporre a dibattito e confronto pubblico.

  • Alessandro Gilioli

    Nato a Milano nel 1962, laureato in Filosofia alla Statale. Giornalista dai primi anni 80, ho iniziato a Rp da ragazzo poi ho girato per diversi decenni tra quotidiani, settimanali e mensili. Ho scritto alcuni libri di politica, reportage e condizioni di lavoro, per gli editori più diversi. Tornato felicemente a Radio Popolare dall'inizio del 2021.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 23/05 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 23/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 23/05/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 23-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 23/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 23-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 23/05/2024

    (164 - 546) Dove si apre, doverosamente, con il trionfo della Dea in Europa League. Poi con Marina Catucci raccontiamo che Trump avrebbe detto ai suoi sostenitori che l’FBI lo avrebbe voluto morto. Nella terza parte andiamo a raccontare con Davide Vendramin cosa è stata la trasferta a Dublino dei tifosi dell’Atalanta. In chiusura l’aggiornamento dal Giro d’Italia di ciclismo con Guido Foddis.

    Muoviti muoviti - 23-05-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 23/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 23-05-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie 32 - 23/05/2024

    1. Shut Me Up - The Whistling Heads 2. Brace - Telestesa 3. The Return - Living Legend (ft. Aesop Rock…) 4. Recharge - Draag 5. Paradiso - Erlend Oye, La Comitiva 6. Blue Kite - Crack Cloud 7. Copy Cold - Mach-Hommy, Black Thought, Quelle Chris 8. July - Wunderhorse 9. No One - Liz Lawrence

    Sapore Indie - 23-05-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 23/05/2024

    Nella prima parte sentiamo Carlo Pastore per l'ultimo lancio alla vigilia dell'inizio del Mi Ami 2024. Nella seconda parte, ospite Paolo Saporiti per raccontarci il suo disco La Mia Falsa Identità con un'intervista e qualche brano live

    Jack - 23-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 23/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che continua #voteforanimals #anche gli animali votano con Michela Kuan di @LAV Lega Antivivisezione e Alessandro Ricciuti di @Animal Law Italia per parlare di metodi sostitutivi della sperimentazione animale, di divieto di produzione e commercio di pellicce animali e di transizione verso un'alimentazione vegetale

    Considera l’armadillo - 23-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 23/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 23-05-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 23/05/2024

    Oggi a Cult: Barbara Sorrentini dal Festival del Cinema di Cannes; Peter Stein su "Crisi di Nervi, ovvero tre atti unici di Anton Checov; "Paesaggi condivisi": progetto al Parco delle Groane creato da Piccolo Teatro e Zona K; Alice Sinigaglia sul festival "Tutta la vita davanti" a La Spezia; la rubrica di lirica di Giovanni Chiodi...

    Cult - 23-05-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 23/05/2024

    Le stragi 1992-1993 e la storia improbabile e rassicurante raccontata nelle commemorazioni ufficiali. Una storia semplice, ma non corrispondente al vero, sostiene l’ex magistrato del pool antimafia di Palermo, Roberto Scarpinato, oggi senatore del M5S. La storia delle commemorazioni ufficiali racconta che tutti i responsabili delle stragi del ‘92-’93 sono stati condannati e sono tutti mafiosi. Secondo questa tesi il movente delle stragi di Capaci e via d’Amelio è semplice: Falcone e Borsellino sono stati uccisi dai mafiosi in quanto magistrati anti-mafia, una vendetta. Dunque: lo Stato ha vinto, la storia delle stragi 92-93 è una storia passata, da archiviare. Ma Scarpinato sostiene che le stragi furono sì compiute dai mafiosi, ma pianificate da mandanti esterni e coperte da esponenti dei servizi segreti. Lo scopo, il movente: contribuire a costruire con le stragi un nuovo ordine politico, dopo la fine della prima repubblica. Secondo questa tesi, le stragi di oltre 30 anni fa non sono un fatto chiuso e finito. Ma dialogano ancora con il presente, contribuiscono ancora a definire il profilo della seconda repubblica.

    Pubblica - 23-05-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 23/05/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare. A cura di Massimo Bacchetta

    Tutto scorre - 23-05-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di giovedì 23/05/2024

    Josi Della Ragione, sindaco di Bacoli, la perla dei Campi Flegrei ci racconta l'emergenza sul territorio e risponde al governo sulla proposta di sovvenzionare l'allontanamento dal territorio. Elisa Palagi ricercatrice in economia alla scuola superiore Sant’Anna di Pisa presenta il manifesto "Tax the Rich" firmato da 134 economisti di 50 università e Aurore Lalucq, economista ed eurodeputata socialista spiega la tassa proposta con la iniziativa dei cittadini europei. Mario Pianta di Sbilanciamoci presenta l'appello degli intellettuali per un negoziato di pace tra Russia e Ucraina. Cecilia Gnocchi di Restauro Arte Memoria vi propone una passeggiata storica (con Arci, Fiom, Istituto Parri, interventi storici e teatrali) tra le fabbriche e le storie degli scioperi del '44: sabato pomeriggio con partenza da Arci Bellezza.

    Giorni Migliori – Intro - 23-05-2024

Adesso in diretta