Piovono Rane

I numeri del Covid e la variante mass media

La sola idea di nascondere i dati quotidiani dei contagi da COVID è con ogni evidenza del tutto indecente: una società aperta non si difende certo dai suoi problemi con le censure – e in generale un’opinione pubblica adulta ha bisogno di più dati, non di meno dati.

Ma un problema, come società, appunto lo abbiamo: perché quel dato specifico – con tutti i suoi effetti sul sentiment del Paese, delle persone – prima conteneva una cosa e ora ne contiene un’altra.

Banalmente, prima ci diceva che più del 2% degli infettati nel giro di qualche settimana sarebbero morti, mentre oggi la letalità è ancora incerta nei dettagli ma comunque molto, molto più bassa, grazie al combinato disposto tra la minore aggressività della variante e la grande quantità di vaccinati.

Lo stesso dicasi per il rapporto tra positivi e ospedalizzazioni/terapie intensive: oggi la percentuale di chi ci finisce è molto più bassa rispetto a un anno fa.

Quindi quel dato – i contagi quotidiani – ha un significato diverso rispetto all’era pre-Omicron e pre-vaccini. Questo fatto rende evidente che il problema di cui sopra non riguarda il Ministero della Salute né altre istituzioni sanitarie che forniscono il dato e devono continuare a farlo.

Riguarda invece la sua contestualizzazione, che ne determina la ri-significazione. In altre parole, riguarda la comunicazione, i media. Intesi prima di tutto come media “professionali” ma più in generale chiunque fa comunicazione, cioè quasi tutti, sui social ma non solo.
Siamo in grado di non snocciolare e distribuire ogni sera quel numero come termometro (unico o quasi, comunque fondamentale!) della febbre virale?
Siamo capaci – noi dei media, ma più o meno tutti – di inserirlo nel suo nuovo contesto?

E soprattutto, vogliamo farlo o preferiamo strillarlo ogni sera perché “fa titolo”, quindi fa comodo, magari in un giorno moscio anche per la politica e per il pallone, quando quindi c’è poco altro per titolare?

Ecco: noi giornalisti (e non) abbiamo sacrosanta ragione quando ci incazziamo per ogni ipotesi di censura. Ma abbiamo totale torto quando poi subordiniamo alla logica del clic – o comunque del titolo choc – non solo la responsabilità sociale, ma anche l’onestà intellettuale.

  • Alessandro Gilioli

    Nato a Milano nel 1962, laureato in Filosofia alla Statale. Giornalista dai primi anni 80, ho iniziato a Rp da ragazzo poi ho girato per diversi decenni tra quotidiani, settimanali e mensili. Ho scritto alcuni libri di politica, reportage e condizioni di lavoro, per gli editori più diversi. Tornato felicemente a Radio Popolare dall'inizio del 2021.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mer 19/01/22

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 19/01/22 delle 19:48

    Metroregione di mer 19/01/22 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 19/01/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 19/01/22

    Quel che resta del giorno di mer 19/01/22

    Quel che resta del giorno - 19/01/2022

  • PlayStop

    Esteri di mer 19/01/22

    1 - “Nel nome di dio, dimettiti”. È sempre più ampia la schiera dei conservatori che chiedono a Boris Johnson…

    Esteri - 19/01/2022

  • PlayStop

    The Game di mer 19/01/22

    The Game di mer 19/01/22

    The Game - 19/01/2022

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 19/01/22

    Dove si scopre una new entry nella crew di "Muoviti, muoviti": Leonardo Schwebel di Telediario Guadalajara. Poi si parla dell'arrivo…

    Muoviti muoviti - 19/01/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mer 19/01/22

    Di tutto un boh di mer 19/01/22

    Di tutto un boh - 19/01/2022

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 19/01/22

    Si parla con Rachele Lensi, presidente di Earth Firenze Parco Oasi Chico Mendes, della loro associazione e di come per…

    Considera l’armadillo - 19/01/2022

  • PlayStop

    Jack di mer 19/01/22

    Jack di mer 19/01/22

    Jack - 19/01/2022

  • PlayStop

    Giovani scommettitori in dad

    quando le corse all'ippodromo popolare si susseguono infuocate raccogliendo le puntate dei più piccoli. Poi noi torniamo a indagare su…

    Poveri ma belli - 19/01/2022

  • PlayStop

    Vincenzo Costantino Cinaski, I (miei) poeti rock. Incontri tra delirio e realtà

    VINCENZO COSTANTINO CINASKI – I (MIEI) POETI ROCK. INCONTRI TRA DELIRIO E REALTÀ – presentato da CLAUDIO AGOSTONI

    Note dell’autore - 19/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 19/01/22 delle 12:48

    Seconda pagina di mer 19/01/22 delle 12:48

    Seconda pagina - 19/01/2022

  • PlayStop

    Cult di mer 19/01/22

    Cult di mer 19/01/22

    - 19/01/2022

  • PlayStop

    Una donna al Quirinale! Si, ma non una qualsiasi. Intervista a Emma Bonino

    Ai microfoni di Radio Popolare Emma Bonino ha parlato della Possibilità di eleggere una donna al Quirinale: "Serve una persona…

    Clip - 19/01/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mer 19/01/22

    Tutto scorre di mer 19/01/22

    Tutto scorre - 19/01/2022

  • PlayStop

    Prisma di mer 19/01/22

    UNA DONNA AL QUIRINALE! SI, MA NON UNA QUALSIASI con Emma Bonino, Cecilia D'Elia neoeletta deputata del PD, responsabile politiche…

    Prisma - 19/01/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mer 19/01/22

    Il demone del tardi - copertina di mer 19/01/22

    Il demone del tardi - 19/01/2022

  • PlayStop

    Seconda pagina di mer 19/01/22 delle 07:49

    Seconda pagina di mer 19/01/22 delle 07:49

    Seconda pagina - 19/01/2022

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mer 19/01/22

    Rassegna stampa internazionale di mer 19/01/22

    Rassegna stampa internazionale - 19/01/2022

Adesso in diretta