L'Ambrosiano

Morte di Elisabetta, Europa in cerca di simboli (aiutata dai migranti)

Ho contestato la Brexit, l’ho ritenuta errore politico e culturale, frutto di una visione egoriferita ed egoista, un vulnus a ciò che l’Europa avrebbe potuto essere sconfitti nazifascismo e comunismo. Alla luce di come la Gran Bretagna ha vissuto il lutto per Elisabetta capisco la Brexit. Mi è chiaro che il separatismo avrebbe potuto esser contenuto se la lite Londra Bruxelles non fosse stata ridotta da tutti alla contesa d’un idolo: il mercato. I funerali della regina han mostrato al mondo che oltre Manica c’è una cultura simbolica. I simboli tengono insieme gli opposti. Son potenti in quanto consentono il governo dei conflitti tra poli avversi. Una delle fragilità dell’Europa è non disporre di simboli. Ognuno dei 27 ne ha uno per sé ma non ce n’è uno di cui si possa dire: in nome di esso mi sento europeo. Unico candidato per ora è il grattacielo della Banca Centrale a Francoforte. Ma una cassaforte e una tipografia di carta moneta han potere attrattivo quando c’è chi li nobilita con «We have to do whatever it takes»; bastano alternanza ai vertici, guerra, crisi energetica e il presunto simbolo degrada a segno: non tiene uniti gli opposti (bisogni e sviluppo sostenibile) e si riduce a gestione monetaria anti inflazione: chi ha i mezzi si mette al riparo (guadagna addirittura di più) e gli altri, i deboli, si arrangino. L’aggressione di Putin all’Ucraina avrebbe potuto rappresentare forte spunto per riattizzare le braci dei Padri fondatori (Altiero Spinelli, idealmente; De Gasperi, Schumann, Adenauer ai primi governi): ma soltanto le armi (e non del tutto: volubilità di Conte e “pupazzi prezzolati” docent) hanno coeso gli Stati europei. Bombe e cannoni però sono ordigni, non simboli; riarmo se non impiegati come intervento straordinario sotto la bandiera non lassa o retorica di Resistenza e Liberazione in nome di pace, giustizia, fratellanza tra popoli, diritti civili, religiosi, di minoranze, fragili, discriminati. Forse dovremmo chiedere ai migranti che rischiano la vita in mare o nei Balcani cos’è l’Europa. Magari nei sogni e nelle speranze loro riusciamo a riscattarci noi, a ritrovare simboli per questa Europa incerottata, in tv anch’essa orfana di Elisabetta, col fiato sospeso per il voto del 25.

  • Marco Garzonio

    Giornalista e psicoanalista, ha seguito Martini per il Corriere della Sera, di cui è editorialista, lavoro culminato ne Il profeta (2012) e in Vedete, sono uno di voi (2017), film sul Cardinale di cui firma con Olmi soggetto e sceneggiatura. Ha scritto Le donne, Gesù, il cambiamento. Contributo della psicoanalisi alla lettura dei vangeli (2005). In Beato è chi non si arrende (2020) ha reso poeticamente la capacità dell’uomo di rialzarsi dopo ogni caduta. Ultimo libro: La città che sale. Past president del CIPA, presiede la Fondazione culturale Ambrosianeum.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di lunedì 03/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/03/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 03/10/2022 delle 7:15

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 10/03/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    LSTNT - Puntata 144

    Puntata monografica dedicata ai 40 anni di Nebraska di Bruce Springsteen con gli interventi telefonici di Claudio Trotta, Dario Migliorini…

    Let’s spend the night together - 30/09/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di lunedì 03/10/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 10/03/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di lunedì 03/10/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 10/03/2022

  • PlayStop

    Prisma di lunedì 03/10/2022

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 10/03/2022

  • PlayStop

    Guarda che Lune di lunedì 03/10/2022

    Il contenitore del lunedì mattina che vi racconta cosa raccontano i giornali, come comunica la politica, le aziende e i…

    Guarda che Lune - 10/03/2022

  • PlayStop

    Rights now di lunedì 03/10/2022

    Il governo Meloni preoccupa le principali organizzazioni umanitarie: monitoreremo cosa farà su migranti, diritti delle donne e delle minoranze, dice…

    Rights now – Il settimanale della Fondazione Diritti Umani - 10/03/2022

  • PlayStop

    Caffè nero bollente di lunedì 03/10/2022

    Ogni mattina dalle 6 alle 7 insieme a Florencia Di Stefano-Abichain sfogliamo i giornali, ascoltiamo bella musica e ci beviamo…

    Caffè Nero Bollente - 10/03/2022

  • PlayStop

    News della notte di domenica 02/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/02/2022

  • PlayStop

    La sacca del diavolo di domenica 02/10/2022

    “La sacca del diavolo. Settimanale radiodiffuso di musica, musica acustica, musica etnica, musica tradizionale popolare, di cultura popolare, dai paesi…

    La sacca del diavolo - 10/02/2022

  • PlayStop

    Sunday Blues di domenica 02/10/2022

    Bill Watterson, il fumettista statunitense creatore della striscia Calvin & Hobbes, amava dire: “Non potrò mai divertirmi di domenica, perché…

    Sunday Blues - 10/02/2022

  • PlayStop

    L'artista della settimana di domenica 02/10/2022

    Ogni settimana Radio Popolare sceglierà un o una musicista, un gruppo, un progetto musicale, a cui dare particolare spazio nelle…

    L’Artista della settimana - 10/02/2022

  • PlayStop

    Bollicine di domenica 02/10/2022

    Che cos’hanno in comune gli Area e i cartoni giapponesi? Quali sono i vinili più rari al mondo? Giunta alla…

    Bollicine - 10/02/2022

  • PlayStop

    Archivio Ricordi di domenica 02/10/2022

    Era da tempo che pensavo ad un nuovo programma, e non mi accorgevo che era già lì…ma dove? Semplice, nei…

    Archivio Ricordi - 10/02/2022

  • PlayStop

    Soulshine di domenica 02/10/2022

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro…

    Soulshine - 10/02/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 02/10/2022

    Libri W. Szymbiorska, Canzone nera (trad. l. del Sarto, Adelphi) L. Gustafsson, Storie di gente felice (trad. C. Giorgetti Cima,…

    Giocare col fuoco - 10/02/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 02/10/2022

    Libri W. Szymbiorska, Canzone nera (trad. l. del Sarto, Adelphi) L. Gustafsson, Storie di gente felice (trad. C. Giorgetti Cima,…

    Giocare col fuoco - 10/02/2022

  • PlayStop

    Giocare col fuoco di domenica 02/10/2022

    Libri W. Szymbiorska, Canzone nera (trad. l. del Sarto, Adelphi) L. Gustafsson, Storie di gente felice (trad. C. Giorgetti Cima,…

    Giocare col fuoco - 10/02/2022

  • PlayStop

    Canta che ti passa di domenica 02/10/2022

    I concerti della settimana e una breve monografia su degli artisti in tour

    Canta che ti passa - 10/02/2022

  • PlayStop

    Comizi d’amore di domenica 02/10/2022

    Quaranta minuti di musica e dialoghi cinematografici trasposti, isolati, destrutturati per creare nuove forme emotive di ascolto. Ogni domenica dalle…

    Comizi d’amore - 10/02/2022

Adesso in diretta