L'Ambrosiano

Mattarella, il coro greco, i gusci della politica, lo zaino sulle spalle

Le parole valgono e pesano per l’affidabilità di chi le pronuncia. A dare spessore non son sufficienti luogo in cui vengono dette, occasione, qualifica di chi parla. Mattarella rende pregni, importanti, inequivocabili, credibili sotantivi, aggettivi, verbi. Se altri o altre al suo posto e lì avessero parlato di morti sul lavoro, disuguaglianze, violenza alle donne, Giustizia, cultura, cittadini indifesi, passione politica, solidarietà, libertà, ruolo del Parlamento forse molti tra il pubblico che ascoltava in tv il discorso del Presidente della Repubblica dopo il giuramento avrebbero cambiato canale.

Invece lo share ha retto e Mattarella è stato interrotto 55 volte dagli applausi dei mille grandi elettori, quelli cioè che la settimana prima avevan votato con spettacolo inverecondo tra scouting dissennato, deficit di coraggio e sogni; gli stessi politici che dan tutti giorni prove di non essere credibili, affidabili, coerenti in tweet e discorsi o in atti da essi iscritti nel segno di una delle parole usate dal Presidente: queste impiegate da loro suonano vuote, dal Capo dello Stato son vere linee di cambiamento. Potrebbe essere terapeutica la discrasia andata in scena a Camere riunite tra Mattarella e i suoi elettori, col pubblico a casa a far da Coro greco, comunità spesso inconsapevole, distratta, neghittosa che di fronte al conflitto in scena a Montecitorio si risveglia, prende coscienza della situazione insostenibile, dalla vivida rappresentazione trae impegno per cambiare; la catarsi: calato il sipario trasformare modi di pensare, vedere, agire, gesti individuali e collettivi.

A distanza sembrano affrettati i commenti che hanno associato Mattarella bis e sconfitta della politica. Può esser vero il contrario. Primo per la caratura del personaggio (ha anteposto il bene del Paese al proprio accettando). Secondo perché, col discorso, Mattarella ha mostrato che le parole son gusci se qualcuno le svuota, ma pietre su cui la democrazia si fonda («La pietra scartata dai costruttori è divenuta testata d’angolo»!). Condizione: far tesoro d’una delle espressioni del Presidente, Responsabilità, e di un’immagine in cui essa è declinata: «Prendere sulle proprie spalle il futuro del Paese». Con lui possiam caricarci lo zaino in spalla. Facendo ciascuno suo l’invito di Matterella ai giovani diveniamo noi credibili a noi stessi!

  • Marco Garzonio

    Giornalista e psicoanalista, ha seguito Martini per il Corriere della Sera, di cui è editorialista, lavoro culminato ne Il profeta (2012) e in Vedete, sono uno di voi (2017), film sul Cardinale di cui firma con Olmi soggetto e sceneggiatura. Ha scritto Le donne, Gesù, il cambiamento. Contributo della psicoanalisi alla lettura dei vangeli (2005). In Beato è chi non si arrende (2020) ha reso poeticamente la capacità dell’uomo di rialzarsi dopo ogni caduta. Ultimo libro: La città che sale. Past president del CIPA, presiede la Fondazione culturale Ambrosianeum.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 12/06 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 12-06-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 12/06/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 12-06-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 12/06/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 12-06-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 12/06/2024

    1-Sudan. La città di El-Fasher, in Darfur, al centro della guerra tra esercito e paramilitari. A rischio centinaia di migliaia di civili, molti profughi interni. Il conflitto va avanti da più di un anno (Irene Panozzo, ex-consigliere del rappresentante speciale dell’Unione Europea per il Corno d’Africa) 2- Il piano americano per un cessate il fuoco a Gaza è a rischio. Hamas ha chiesto delle modifiche. Secondo gli Stati Uniti alcune sono irricevibili, ma si continua a trattare. Blinken rimane nella regione (Roberto Festa) 3- Iran. Il regime ha scelto i candidati per le elezioni presidenziali di fine mese. Cinque conservatori e un riformista. Ma per capire quanto supporto abbiano ancora gli ayatollah sarà fondamentale l’affluenza (Farian Sabahi) 4- Nel mondo sono almeno 160 milioni i bambini costretti a lavorare e a non andare a scuola. E la metà fa lavori pericolosi. La causa è la povertà. Oggi è la giornata mondiale contro il lavoro minorile (Paola Maceroni, ActionAid International Italia) 5- Graphic novel. Polly, il romanzo a fumetti di Fabrice Melquiot e Isabelle Pralong (Luisa Nannipieri) 6- Come dirti addio. È morta a 80 anni Francoise Hardy, l’icona della cultura pop francese (Chawki Senouci)

    Esteri - 12-06-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 12/06/2024

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda “Muoviti, muoviti” la trasmissione che vi accompagna nel rientro a casa dopo una giornata di lavoro, di studio o di semplice e puro fancazzismo (voluto o subito). Il racconto dei fatti principali della giornata, le piccole notizie che assurgono a tema di interesse generale, gli argomenti più dibattuti sui social, l’andamento del primo anno scolastico in presenza post-Covid, le elezioni (amministrative e del Presidente della Repubblica ma anche quelle dei consiglieri di condominio nel caso…), il presente e il futuro dell’atletica leggera dopo i successi di Tokyo. Tutto questo e molto altro lo trovate in “Muoviti muoviti” dalle 17.30 alle 19 dal lunedì al venerdì su Radio Popolare con Davide Facchini, Luca Gattuso e Marta Zambon.

    Muoviti muoviti - 12-06-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 12/06/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 12-06-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 12/06/2024

    Soulshine è un mix eclettico di ultime uscite e classici immortali fra soul, world music, jazz, funk, hip hop, afro beat, latin, r&b, ma anche, perchè no?, un po’ di sano rock’n’roll. L’obiettivo di Soulshine è ispirarvi ad ascoltare nuova musica, di qualsiasi decennio: scrivetemi i vostri suggerimenti e le vostre scoperte all’indirizzo e-mail cecilia.paesante@gmail.com oppure su Instagram (cecilia_paesante) o Facebook (Cecilia Paesante).

    Soulshine - 12-06-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 12/06/2024

    Nella prima parte iniziamo con un ricordo di Françoise Hardy a cura di Chawki Senouci. Poi Alessandro Braga ci racconta la terza data di Vasco a San Siro. Nella seconda parte Setak ci racconta il suo ultimo disco Assamannù regalandoci anche due brani live.

    Jack - 12-06-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 12/06/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che ha trasmesso dalla libreria @Ubik Varese e ha ospitato Milo Manica, presidente di @GIO Gruppo Insubrico di Ornitologia per raccontarci il territorio e i suoi abitanti e scopriamo che Milo voleva essere rondone

    Considera l’armadillo - 12-06-2024

  • PlayStop

    Mimmo Lucano torna sindaco di Riace

    Tra i nuovi parlamentari europei eletti nei giorni scorsi c'è anche Mimmo Lucano. L'ex sindaco di Riace ha vinto anche le elezioni amministrative nel suo comune, diventato un simbolo di accoglienza grazie al modello di integrazione da lui promosso. Dopo anni di accuse giudiziarie e politiche da parte della destra, Mimmo Lucano tornerà a guidare Riace.

    Clip - 12-06-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 12/06/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 12-06-2024

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 12/06/2024

    Cult, il quotidiano culturale di Radio Popolare, oggi in onda dalla libreria Ubik di Varese, con: Enzo Laforgia, assessore alla cultura, Emiliano Bezzon, responsabile dei progetti culturali; Marta Spanevello, responsabile della valorizzazione di Villa Panza di Biumo; Andrea Chiodi, regista e direttore artistico del Festival al Sacro Monte; l’associazione FilmStudio90 e il critico e selezionatore Mauro Gervasini…

    Cult - 12-06-2024

  • PlayStop

    Gli speciali di mercoledì 12/06/2024 - ore 11:02

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare Network sulla società, la politica, gli avvenimenti internazionali, la cultura, la musica.

    Gli speciali - 12-06-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di mercoledì 12/06/2024

    Il Piano di pace Biden per Gaza è diventato piano dell'Onu col voto del consiglio di sicurezza ne parliamo con Anna Momigliano giornalista di Haaretz e Ruba Salih antropologa all’Università di Bologna. Il post voto e le sinistre in Europa tra divisioni, fronti popolari e la necessaria sintesi tra movimenti e partiti analizzata da Paolo Gerbaudo sociologo politico alla Computense di Madrid. E il ritorno di Mimmo Lucano sindaco di Riace e neo eurodeputato.

    Giorni Migliori – Intro - 12-06-2024

Adesso in diretta