La nave di Penelope

Leviamo l’ancora

Siamo salpati. La nostra nave parlerà di scuola. Perché la scuola è come Ulisse: non si arrende davanti a niente. E arriverà a Itaca, con o senza banchi a rotelle, con o senza fondi adeguati da questo Stato che, quando si parla di istruzione e ricerca, non si impegna mai a trovare. Si sa, di cultura non si vive e di sicuro non si guadagna nell’immediato. Decenni di tagli, di altre priorità e, nell’anno della pandemia, questo è emerso in maniera eclatante. Ma la scuola si è arresa? No. Perché la scuola è così, è piena di donne e uomini che passano l’estate metro alla mano ad allontanare i banchi per creare la giusta distanza tra le “rime buccali”. Di persone che, anche se dal ministero non arrivano i soldi neanche per la carta igienica, costruiscono robot e organizzano laboratori di realtà aumentata, finanziando i progetti con i fondi ottenuti da bandi europei. È il luogo dove gli studenti, esasperati, con i pennelli in mano, imbiancano le aule, perché “se non lo fa Città Metropolitana, lo facciamo noi”. Le scuole si auto-organizzano. Insieme alle famiglie, ai loro contributi volontari e all’infinita disponibilità di tempo e manovalanza di tanti genitori. Ho raccontato tante di queste storie, sorprendendomi ogni volta.

Ma non crediate che il fatto che la scuola sia l’ultima tra le priorità dello Stato – anche se con il Recovery plan ora le cose potrebbero finalmente cambiare – non abbia delle conseguenze. Qualche esempio? La mancanza di strumenti didattici, l’impossibilità di svolgere la manutenzione ordinaria e straordinaria di edifici vecchi e ascensori sempre guasti, le cattedre vacanti per mesi – nonostante un’infinita platea di precari -, le classi pollaio.

Ma anche davanti a questo non c’è rassegnazione e la nave continua a viaggiare verso Itaca. E se la scuola è Ulisse, perché questa nave è di Penelope? Perché quasi l’80 per cento delle persone che vivono e fanno la scuola sono donne. Perché siamo nel ventunesimo secolo e le donne non stanno a casa ad aspettare i loro uomini: se fosse vissuta ora, anche Penelope si sarebbe messa in viaggio. Perché Penelope mi è sempre piaciuta, ha tenuto in scacco un esercito di pretendenti che si erano auto-invitati a casa sua e si è sempre rifiutata di arrendersi, attuando una resistenza silenziosa lunga anni: è un simbolo di forza e dignità, di coraggio e astuzia. E senza Penelope a proteggerla, in fondo, Ulisse non avrebbe ritrovato la sua Itaca. Infine, perché anche io sono una donna. E quindi, perché dovrebbe essere di Ulisse la nave?

  • Claudia Zanella

    Sono nata a Milano nel 1987. Ma è più il tempo che ho passato in viaggio, che all’ombra della Madonnina. Sono laureata in Filosofia e ho sempre una citazione di Nietzsche nel taschino. Mi piacciono tante cose ma, se devo scegliere tra le mie passioni quali sono quelle che più parlano di me, direi: la Spagna, il rock e il giornalismo. Dopo averci vissuto, Madrid è la mia città d’elezione; il rock scandisce il mio ritmo di vita e venero le mie chitarre come oggetti magici; infine, fare la giornalista soddisfa il mio impulso alla Jessica Fletcher di voler sempre vedere chiaro e poi raccontare. Ho lavorato per cinque anni per La Repubblica, come cronista e responsabile del settore “Educazione e scuola” a Milano. Cofondatrice del progetto di storytelling su Milano ai tempi del coronavirus: “Orange is the new Milano”. Sono approdata a Radio Popolare nel 2019, occupandomi di un po’ di tutto, ma mantenendo sempre un occhio vigile sul mondo della scuola.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 30/11/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 01/12/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 30/11/2022 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 01/12/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Mono di giovedì 01/12/2022

    Tutti i mercoledì, da mezzanotte all'una, un'ora di musica scelta di volta in volta seguendo un tema, un percorso, un'idea...un…

    Mono - 12/01/2022

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 30/11/2022

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e…

    Jazz Ahead - 01/12/2022

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 30/11/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 01/12/2022

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mercoledì 30/11/2022

    I suoni dell’architettura. A cura di Roberto Centimeri e Riccardo Salvi.

    Gimme Shelter - 01/12/2022

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 30/11/2022

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare…

    Il giusto clima - 01/12/2022

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 30/11/2022

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 01/12/2022

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 30/11/2022

    1-La guerra in Ucraina al centro dell’incontro Biden - Macron. Nonostante l’irritazione della casa bianca, Il presidente francese insiste sul…

    Esteri - 01/12/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 30/11/2022

    Quando le prime luci della sera… no, non è l’incipit di un romanzo. E’ l’orario in cui va in onda…

    Muoviti muoviti - 01/12/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di mercoledì 30/11/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 01/12/2022

  • PlayStop

    Sounds and the City 11 - 30/11/2022

    Una collaborazione tra Kate Tempest e Fontains DC, restiamo nel Regno Unito con New Order e Dry Cleaning. Beck e…

    Sounds and the City - 01/12/2022

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 30/11/2022

    Il magazine musicale di Radio Popolare si prende cura del vostro primo pomeriggio e della vostra passione per la musica,…

    Jack - 01/12/2022

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 30/11/2022

    Noi e altri animali È la trasmissione che da settembre del 2014 si interroga su i mille intrecci di una…

    Considera l’armadillo - 01/12/2022

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 30/11/2022

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 01/12/2022

  • PlayStop

    Cult di mercoledì 30/11/2022

    Oggi a Cult: il Walk the (Red) Line Festival da San Siro a via Padova con l'Alleanza dei Corpi, a…

    Cult - 01/12/2022

  • PlayStop

    Pubblica di mercoledì 30/11/2022

    La favola della meritocrazia e il governo delle disuguaglianze. Che cosa rappresentano le idee del ministro Valditara sulla “umiliazione” formativa…

    Pubblica - 01/12/2022

  • PlayStop

    Tutto scorre di mercoledì 30/11/2022

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 01/12/2022

  • PlayStop

    Note dell’autore di mercoledì 30/11/2022

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 01/12/2022

  • PlayStop

    Il demone del tardi di mercoledì 30/11/2022

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 01/12/2022

Adesso in diretta