Vista da qui

É finita la scuola, ma quale scuola?

«Quest’anno emotivamente è stato difficile, mi è mancato il rapporto con le persone. Restare chiuso in casa… insomma, ho avuto più momenti “no” che momenti di gioie, e molte volte quei momenti di gioia erano una copertura, perché qualcosa non andava».

Chiunque abiti, lavori o semplicemente parli con bambine o ragazzi di diverse età si troverà oramai ad essere familiare con questo tipo di testimonianze. Il periodo pandemico che stiamo vivendo ha avuto dei costi psicologici notevoli un po’ per tutti ma gli effetti sono stati particolarmente acuti per i giovani, su cui abbiamo scaricato le restrizioni più dure: divieto di assembrarsi, divieto di andare a scuola, divieto di fare sport.

Gli adolescenti in questo anno e mezzo sono rimasti privi di voce e di rappresentanza: cosa sappiamo dei loro pensieri sulla pandemia? Quali canali di comunicazione esistono tra le giovani generazioni e noi? La scuola che ci sta a fare, se non si preoccupa di tenere vivo questo canale?

Durante quest’anno, invece, il sistema scolastico si è accontentato della DaD come surrogato della relazione educativa, si è accontentato di esistere formalmente, di non lasciare il vuoto assoluto, senza interrogarsi però con onestà sulla propria efficacia, sui propri compiti rispetto alle sfide poste dalla situazione. Dei giovani allora ci siamo interessati poco. Ad esempio, non ci siamo preoccupati di proporgli delle esperienze per dare un “senso” a questa situazione. Ma cos’altro avrebbe dovuto fare la scuola, se non fornire degli strumenti per navigare il tempo presente?

Oggi martedì 8 giugno chiudono le scuole di tutto il paese e finisce l’anno scolastico, un anno matto e assurdo a pensarci con la giusta calma. Un anno in cui, nonostante lo scoppio della pandemia nel lontano marzo 2020, non si è stati in grado di attrezzare un’esperienza scolastica in sicurezza e degna di questo nome.

L’anno scorso, quando è scoppiata la pandemia, si è creduto che si stesse aprendo una finestra di opportunità per ripensare la scuola, per migliorarla. Durante tutta l’estate del 2020 si era lavorato a costruire Patti territoriali per una scuola diffusa, a progettare ricircoli dell’aria e alternanze orarie, aprendo spiragli di novità nell’organizzazione del tempo e dello spazio scuola. Invece, dopo poco, l’anno scolastico è tornato ad appiattirsi sulla didattica a distanza rendendo ancora più complicato il rapporto di orizzontalità tra alunni e professore, nella propagazione dell’immagine a distanza. Nessuna educazione diffusa, nessuna riscoperta del territorio, nessuna valorizzazione dell’esperienza corporale.

In questo quadro, la Campania è stata la regione più colpita, nella quale le scuole sono rimaste chiuse più a lungo e nella quale, verosimilmente, gli effetti di lungo corso della mancata scolarizzazione saranno maggiori. A differenza del resto del paese, bambini e bambine delle elementari sono rimasti a casa quasi tutto l’anno, salvo poche settimane, dopo che già l’anno scorso era andata così.

In molte scuole napoletane la pandemia ha prodotto degli autentici disastri: alcune classi sono state letteralmente decimate non solo e non soltanto a causa della Dad (che è partita a fatica) ma anche perché è mancata una più generale strategia di vero accompagnamento durante il distanziamento fisico. Alla mancanza di connessione, di dispositivi e di disposizione a seguire le lezioni da remoto, si sarebbe dovuto fare fronte con una strategia ragionata per colmare il senso di abbandono che ciascuno ha provato restando chiuso a casa propria, a mille metri e mille giga dai propri compagni. Qualcuno ci ha provato, con bellissime iniziative per andare incontro agli alunni rimasti soli, come la Didattica dai Balconi.

In generale, però, è stato un anno in cui la scuola si è rivelata per quello che è: una scuola vecchia e stanca, molto procedurale, poco attenta alle dimensioni emotive ed esperienziali. Una scuola, quindi, che produce abbandono scolastico perché non riesce a prendere sul serio i bisogni dei suoi studenti più in difficoltà. Una scuola, questa, che produce sistematici abbandoni.

Che dire, allora? Anche questa volta è mancata la capacità di rinnovare le tradizioni più consolidate, di reagire all’impatto della variabile pandemica con un adattamento delle pratiche educative e relazionali. Si è mostrata tutta l’incapacità dell’istituzione-scuola di affrontare la complessità e lo straordinario (che è poi l’ordinario con cui confrontarsi). Si è vista, poi, tutta la secondarietà della scuola nelle priorità del paese insieme a tutta la dannosa sbornia tecnologica che ha inondato i giornali.

Dopo un anno e mezzo di pandemia sembriamo essere tornati al punto di partenza: non esiste uno straccio di idea per la scuola dell’anno prossimo. Eppure, se vogliamo pensare al domani del paese dobbiamo pensare al domani della scuola e al domani del Mezzogiorno. Allora, l’ultimo giorno di scuola, visto qui da Napoli, con i maestri restituiti alla presenza, che ce la mettono tutta per organizzare giornate all’aperto nei parchi e nelle vie, all’insegna del gioco e della cooperazione, del corpo e della scoperta, sembra l’esempio migliore di tutto quello che la scuola (al sud e non solo) potrebbe essere e non è, con o senza la pandemia.

  • Emilio Caja e Pietro Savastio

    Emilio Caja è ricercatore indipendente e collaboratore dell’osservatorio Borderline Sicilia. Collabora con la rivista Jacobin e il network internazionale Border Criminologies. Ha co-curato il volume “Corpi reclusi in attesa di espulsione” che uscirà nell’autunno 2021 per i tipi di Seb27. Pietro Savastio è ricercatore e progettista sociale. Collabora con l’Istituto di Ricerca Sociale (IRS) di Milano dove si occupa di progettazione, ricerca e valutazione. É attivo nel mondo dell’intervento sociale e dei movimenti, si interessa di città, pedagogie e partecipazione.

ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mer 16/06/21 delle 19:50

    Metroregione di mer 16/06/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 17/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 17/06/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 17/06/21

    Rassegna stampa internazionale - 17/06/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 17/06/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 17/06/21

    Il demone del tardi - 17/06/2021

  • PlayStop

    Funk shui di gio 17/06/21

    Funk shui di gio 17/06/21

    Funk shui - 17/06/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 16/06/21

    Jazz Ahead di mer 16/06/21

    Jazz Ahead - 17/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 16/06/21

    News Della Notte di mer 16/06/21

    News della notte - 17/06/2021

  • PlayStop

    Valcareggi di mer 16/06/21

    Valcareggi di mer 16/06/21

    Tutta colpa di Valcareggi - 17/06/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 16/06/21

    Ora di punta di mer 16/06/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 17/06/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 16/06/21

    Esteri di mer 16/06/21

    Esteri - 17/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 16/06/21

    Sunday Blues di mer 16/06/21

    Sunday Blues - 17/06/2021

  • PlayStop

    Eriksen e Olimpiadi di Tokyo

    Cristina, Linzani, Operazione Primavera, 2021, sport, Matteo Serra

    1D2 - 17/06/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 16/06/21

    Considera l'armadillo mer 16/06/21

    Considera l’armadillo - 17/06/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 16/06/21

    Jack di mer 16/06/21

    Jack - 17/06/2021

  • PlayStop

    Stay Human di mer 16/06/21

    Stay Human di mer 16/06/21

    Stay human - 17/06/2021

  • PlayStop

    Memos di mer 16/06/21

    Economia e sicurezza. L’Occidente in versione novecentesca (G7 e Nato) punta il dito contro Cina e Russia. A Memos ne…

    Memos - 17/06/2021

  • PlayStop

    Cult di mer 16/06/21

    ira rubini, cult, frosini timpano, archeologie sonore, pim off, tiziana ricci, lodi parco logistico, arte urbana, piccolo estate, claudio longhi,…

    Cult - 17/06/2021

  • PlayStop

    Maurizio De Giovanni, Gli occhi di Sara

    MAURIZIO DE GIOVANNI - GLI OCCHI DI SARA - presentato da CECILIA DI LIETO

    Note dell’autore - 17/06/2021

  • PlayStop

    Doppio Click di mer 16/06/21

    Scontro tra Colao e il Garante sull’App IO; G7 e NATO puntano tutto sulla cyber security; nasce l’Agenzia per la…

    Doppio Click - 17/06/2021

  • PlayStop

    Prisma di mer 16/06/21

    Parliamo del summit che ci sarà in giornata tra Joe Biden e Vladimir Putin con Sergio Romano, una lunga carriera…

    Prisma - 17/06/2021

Adesso in diretta