Liberi tutti

Zan, stavolta non si lascia indietro nessuno

Ieri si festeggiavano i cinque anni dall’introduzione della legge sulle unioni civili in Italia.
Quella legge che secondo i suoi oppositori avrebbe dovuto far saltare in aria “la famiglia tradizionale”, perché la qualità del dibattito era di questo livello.
Una legge che sanò solo parzialmente un ritardo del nostro Paese, ultimo fra gli ultimi nell’Europa occidentale, a dotarsi di uno strumento legislativo a tutela delle coppie omosessuali.
Una vittoria che non ci potemmo godere appieno, perché quello stralcio sulle stepchild adoption, lasció indietro un pezzo della nostra comunità.
Le famiglie arcobaleno, i loro figli, la legge Cirinnà (e non certo per colpa della proponente) non è stata in grado di proteggerli e ancora oggi sono in balia di tribunali e sentenze per vedere riconosciuti i loro diritti.
Una ferita aperta che sanguina ancora.
Ecco perché ora davanti al dibattito in corso sul merito del DDL Zan, il Movimento LGBT non si può permettere nuovamente di farsi bastare che solo un pezzo della comunità abbia maggiori diritti. Questa volta, almeno questa volta, non si deve lasciare indietro nessuno.
Non potrà mai essere considerato accettabile che una legge che si propone il fine di cancellare una discriminazione, ne compia nei fatti lei stessa una, lasciando indietro le persone trans.
No, stavolta o tutti o nessuno.
L’ attacco inverecondo e violento intorno alla definizione di “identità di genere”, inserito nel testo del DDL è quello che manda ai matti la destra illiberale e quella parte infinitesimale della “sinistra for Pillon”.

Quella sulla quale noi non dobbiamo retrocedere di un millimetro.

Perché se non fosse per le nostre già granitiche convinzioni esiste già una sentenza(nr. 15138/2015) della Corte di Cassazione che stabilisce che non sono necessari interventi chirurgici per la rettifica anagrafica.
Sentenza che fa esplicito riferimento all’identità di genere, anzi al “diritto all’identità di genere inteso come interesse della persona a vedere rispettato nei rapporti esterni ciò che il soggetto è e fa”.
Sentenza che ridetermina le classificazioni e dentro le quali la comunità trans ci si ritrova.
Nulla che possa apparire come una minaccia per le donne biologiche, che corrono esattamente gli stessi rischi delle famiglie eterosessuali con l’introduzione della legge sulle unioni civili.
Zero.
Zero spaccato.
L’ allargamento dei diritti non peggiora mai la qualità del vivere civile d’un Paese, pare incredibile solo doverlo ricordare nel 2021, eppure…

 

  • Luca Paladini

    Nato a Milano 51 anni. Unito civilmente con un altro Luca. Fondatore e Portavoce del Movimento de I Sentinelli di Milano. Movimento che si batte contro ogni forma di discriminazione. Collabora con il quotidiano online TPI

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di gio 24/06/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 24/06/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 24/06/21 delle 07:16

    Metroregione di gio 24/06/21 delle 07:16

    Rassegna Stampa - 24/06/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Considera l'armadillo gio 24/06/21

    Considera l'armadillo gio 24/06/21

    Considera l’armadillo - 24/06/2021

  • PlayStop

    Jack di gio 24/06/21

    Jack di gio 24/06/21

    Jack - 24/06/2021

  • PlayStop

    Stay Human di gio 24/06/21

    Stay Human di gio 24/06/21

    Stay human - 24/06/2021

  • PlayStop

    Memos di gio 24/06/21

    Uno sfregio alla rivoluzione di Franco Basaglia, l’inventore dei centri pubblici di salute mentale, lo psichiatra che guardava negli occhi…

    Memos - 24/06/2021

  • PlayStop

    Tano D'Amico, Misericordia e tradimento

    TANO D'AMICO - MISERICORDIA E TRADIMENTO - presentato da TIZIANA RICCI

    Note dell’autore - 24/06/2021

  • PlayStop

    Cult di gio 24/06/21

    ira rubini, cult, pesaro film festival, barbara sorrentini, ranuccio sodi, operazione primavera 2021, festival gita al faro, ventonetne, fabio masi,…

    Cult - 24/06/2021

  • PlayStop

    37 e 2 di gio 24/06/21

    Settimana scorsa abbiamo parlato del difensore civico regionale, ma c’è anche un garante del comune di Milano. Cosa può fare?;…

    37 e 2 - 24/06/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 24/06/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 24/06/21

    Rassegna stampa internazionale - 24/06/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 24/06/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 24/06/21

    Il demone del tardi - 24/06/2021

  • PlayStop

    Fino alle otto di gio 24/06/21

    Fino alle otto di gio 24/06/21

    Fino alle otto - 24/06/2021

  • PlayStop

    Funk shui di gio 24/06/21

    Funk Shui 102 - Tracklist: ..1. Soul Sugar - Axumites feat. Booker Gee, Lone Ark..2. The Bombillas - Ribes..3. Mosquito…

    Funk shui - 24/06/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 23/06/21

    Jazz Ahead di mer 23/06/21

    Jazz Ahead - 24/06/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 23/06/21

    News Della Notte di mer 23/06/21

    News della notte - 24/06/2021

  • PlayStop

    A casa con voi di mer 23/06/21

    - Barbara da Pesaro dalla Mostra Internazionale del Nuovo Cinema..- metro..- collegamento con Monaco di Baviera..- Matteo Villaci da Monza…

    A casa con voi - 24/06/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di mer 23/06/21

    Ora di punta di mer 23/06/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 24/06/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 23/06/21

    1-Arabia Saudita. Gli assassini del giornalista dissidente Jamal Khashoggi furono addestrati negli Stati Uniti. Le rivelazioni del New York Times.…

    Esteri - 24/06/2021

  • PlayStop

    Sunday Blues di mer 23/06/21

    Sunday Blues di mer 23/06/21

    Sunday Blues - 24/06/2021

Adesso in diretta