Liberi tutti

Zan, stavolta non si lascia indietro nessuno

Ieri si festeggiavano i cinque anni dall’introduzione della legge sulle unioni civili in Italia.
Quella legge che secondo i suoi oppositori avrebbe dovuto far saltare in aria “la famiglia tradizionale”, perché la qualità del dibattito era di questo livello.
Una legge che sanò solo parzialmente un ritardo del nostro Paese, ultimo fra gli ultimi nell’Europa occidentale, a dotarsi di uno strumento legislativo a tutela delle coppie omosessuali.
Una vittoria che non ci potemmo godere appieno, perché quello stralcio sulle stepchild adoption, lasció indietro un pezzo della nostra comunità.
Le famiglie arcobaleno, i loro figli, la legge Cirinnà (e non certo per colpa della proponente) non è stata in grado di proteggerli e ancora oggi sono in balia di tribunali e sentenze per vedere riconosciuti i loro diritti.
Una ferita aperta che sanguina ancora.
Ecco perché ora davanti al dibattito in corso sul merito del DDL Zan, il Movimento LGBT non si può permettere nuovamente di farsi bastare che solo un pezzo della comunità abbia maggiori diritti. Questa volta, almeno questa volta, non si deve lasciare indietro nessuno.
Non potrà mai essere considerato accettabile che una legge che si propone il fine di cancellare una discriminazione, ne compia nei fatti lei stessa una, lasciando indietro le persone trans.
No, stavolta o tutti o nessuno.
L’ attacco inverecondo e violento intorno alla definizione di “identità di genere”, inserito nel testo del DDL è quello che manda ai matti la destra illiberale e quella parte infinitesimale della “sinistra for Pillon”.

Quella sulla quale noi non dobbiamo retrocedere di un millimetro.

Perché se non fosse per le nostre già granitiche convinzioni esiste già una sentenza(nr. 15138/2015) della Corte di Cassazione che stabilisce che non sono necessari interventi chirurgici per la rettifica anagrafica.
Sentenza che fa esplicito riferimento all’identità di genere, anzi al “diritto all’identità di genere inteso come interesse della persona a vedere rispettato nei rapporti esterni ciò che il soggetto è e fa”.
Sentenza che ridetermina le classificazioni e dentro le quali la comunità trans ci si ritrova.
Nulla che possa apparire come una minaccia per le donne biologiche, che corrono esattamente gli stessi rischi delle famiglie eterosessuali con l’introduzione della legge sulle unioni civili.
Zero.
Zero spaccato.
L’ allargamento dei diritti non peggiora mai la qualità del vivere civile d’un Paese, pare incredibile solo doverlo ricordare nel 2021, eppure…

 

  • Luca Paladini

    Nato a Milano 51 anni. Unito civilmente con un altro Luca. Fondatore e Portavoce del Movimento de I Sentinelli di Milano. Movimento che si batte contro ogni forma di discriminazione. Collabora con il quotidiano online TPI

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR mercoledì 22/05 19:29

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-05-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mercoledì 22/05/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-05-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mercoledì 22/05/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-05-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    0091 di giovedì 23/05/2024

    Dalla musica classica alle produzioni elettroniche moderne, dai villaggi alla diaspora, l'India raccontata attraverso la sua musica. IG baaz_light_year

    0091 - 22-05-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 22/05/2024

    Dischi nuovi, progetti attivi, concerti imminenti, ospiti appassionati, connessi al più che ampio e molto vivo mondo del Jazz e delle sue conseguenze. Musica, soprattutto, scelta con il desiderio di dare spazio alla scena contemporanea di un genere con un passato importante, ma la cui storia è ancora, decisamente, in corso. La sigla del programma è Theme Nothing di Jaimie Branch. A cura di Nina Terruzzi, in onda ogni mercoledì dalle 23.00 alla mezzanotte.

    Jazz Ahead - 22-05-2024

  • PlayStop

    News della notte di mercoledì 22/05/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-05-2024

  • PlayStop

    Percorsi PerVersi di mercoledì 22/05/2024

    Poesie, liriche, sonetti, slam poetry, rime baciate, versi ermetici, poesie cantate. Ogni settimana Percorsi PerVersi incontra a Radio Popolare i poeti e li fa parlare di poesia. Percorriamo tutte le strade della parola poetica, da quella dei poeti laureati a quella dei poeti di strada e a quella – inedita – dei nostri ascoltatori.

    Percorsi PerVersi - 22-05-2024

  • PlayStop

    Il giusto clima di mercoledì 22/05/2024

    Ambiente, energia, clima, uso razionale delle risorse, mobilità sostenibile, transizione energetica. Il giusto clima è la trasmissione di Radio Popolare che racconta le sfide locali e globali per contrastare il cambiamento climatico e ridurre la nostra impronta sul Pianeta. Il giusto clima è realizzato in collaborazione con è nostra, la cooperativa che produce e vende energia elettrica rinnovabile, sostenibile, etica. In onda tutti i mercoledì, dalle 21 alle 22. In studio, Gianluca Ruggieri ed Elena Mordiglia. In redazione, Sara Milanese e Marianna Usuelli.

    Il giusto clima - 22-05-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mercoledì 22/05/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 22-05-2024

  • PlayStop

    Esteri di mercoledì 22/05/2024

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di un’ora dalle 11.30 alle 12.30) Ogni giorno Chawki Senouci e Martina Stefanoni scelgono alcuni fatti che ritengono interessanti da segnalare agli ascoltatori e li propongono sotto forma di racconto, rubriche, reportage, piccole storie, interviste, approfondimenti e analisi. Essendo Esteri un magazine radiofonico i modi per “comunicare “ sono i titoli, un breve notiziario e i servizi lunghi. Il tutto inframezzato dai cosiddetti “intrusi” (notizie telegrafiche) e da stacchi musicali.

    Esteri - 22-05-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di mercoledì 22/05/2024

    (163 - 545) Dove è il giorno dominato dalla canzoncina e dal balletto del candidato alle elezioni Europee Angelo Ciocca. Poi comunque non dimentichiamo di andare, con Guido Foddis, sul Passo del Brocon, arrivo della tappa di oggi del Giro d'Italia di ciclismo e chiudere con Giuseppe Benasso candidato sindaco di Voltaggio (AL) che fa la campagna elettorale in versi.

    Muoviti muoviti - 22-05-2024

  • PlayStop

    Playground di mercoledì 22/05/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 22-05-2024

  • PlayStop

    Soulshine di mercoledì 22/05/2024

    1. “Friends To Lovers - At Pizza Express Live” – Mamas Gun 2. “Looking for Moses - At Pizza Express Live” – Mamas Gun 3. “Right Here, Last Night” – PM Warson 4. “Moment of Weakness” – Danny Toeman 5. “Is It My Love” – Oh He Dead 6. “Immigrant Song – Live at Bush Hall, London, 2024” – The Halfway Kid 7. “home (feat. jon batiste)” – WILLOW, Jon Batiste 8. “symptom of life” – WILLOW 9. “Crossroads feat. Gary Clark Jr.” – Slash, Gary Clark Jr. 10. “Born Under A Bad Sign - Live” – Eric Clapton 11. “You Make My Life A Better Place - At Pizza Express Live” – Mamas Gun

    Soulshine - 22-05-2024

  • PlayStop

    Jack di mercoledì 22/05/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 22-05-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di mercoledì 22/05/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che continia le trasmissioni su #ancheglianimalivotano oggi con Katia Impellittiere di @LAC Lega Abolizione Caccia e Andrea Brutti di ufficio animali selvatici di @ENPA Ente Nazionale Protezione Animali sulla questione dei selvatici, ma anche il Gr Animali con Bianca Nogara Notarianni e la Giornata Mondiale sulla Biodiversità

    Considera l’armadillo - 22-05-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di mercoledì 22/05/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 22-05-2024

Adesso in diretta