Inferno Libia

“Stupri, torture, violenza: l’Europa è colpevole”

giovedì 07 settembre 2017 ore 15:14

Riportiamo l’atto di accusa della presidente internazionale di Medici senza frontiere Joanne Liu, appena tornata dalla Libia. E’ una lettera aperta indirizzata agli Stati membri e alle istituzioni dell’Unione Europea.

“Quello che ho visto in Libia è la più estrema incarnazione della violenza che abbia mai conosciuto. C’è un business di trafficanti che trae profitto da questa situazione. Trafficano in esseri umani e li rendono schiavi a un livello indicibile. I leader europei sono complici e noi vogliamo una loro risposta.

I politici si congratulano tra loro per il successo: ci sono meno persone che arrivano sulle coste europee. Ma lasciatemi dipingere un affresco di quel successo. 

Quando sono entrata nei centri di detenzione a Tripoli una enorme guardia ha aperto le porte della cella e ha frustato sulla schiena i detenuti con un bastone di legno. Ho visto persone emaciate, accovacciate, picchiate come bestie. Sussurravano e, porgendomi le mani mi dicevamo: aiutami, portami fuori di qui, aiutami. 

Questo è quello che i leader europei chiamano successo. Tutto quello che potuto dire a quelle persone che mi supplicavano è stato: “Ti ascolto, ti ascolto”. Ed ora sono qui a dirvelo. Medici senza frontiere ha ricevuto alcuni di loro negli ospedali. Una era una donna incinta che è stata portata in un centro di detenzione dopo essere stata costretta per ore a rimanere sotto il sole, su una gamba sola. Mi ha detto: “Il mio cuore, il mio bambino, se ne è  andato mentre ero lì in piedi”. E mi ha raccontato che un’altra donna incinta è stata stuprata mentre il marito veniva picchiato nel cortile.

Le persone sono trattate come merci da sfruttare. Ammassate in stanze buie e sudicie, prive di ventilazione, costrette a vivere una sopra l’altra. Gli uomini ci hanno raccontato come a gruppi siano costretti a correre nudi nel cortile finché collassano esausti. Le donne vengono violentate e poi obbligate a chiamare le proprie famiglie e chiedere soldi per essere liberate. Tutte le persone che abbiamo incontrato avevano le lacrime agli occhi e continuavano ripetutamente a chiedere di uscire da lì.

Dobbiamo essere chiari: stiamo parlando di crudeltà sistematiche. Giovani che violentano le persone e le torturano per estorcere loro denaro. Coloro che non sono in grado di pagare vengono rinchiusi nei centri di detenzione dove sono lasciati morire di fame e torturati. Queste cose sono ampiamente documentate e le abbiamo presentate ai leader europei.

Ora i leader europei devono guardare in faccia la realtà. Rimandare le persone in Libia significa cancellare la loro umanità. Questo è il loro cosiddetto ‘successo’. 

I migranti devono poter accedere a protezione, asilo e quando possibile a migliori procedure di rimpatrio volontario. Hanno bisogno di un’uscita di emergenza verso la sicurezza, attraverso canali sicuri e legali; l’accordo Ue-Turchia del 2016 e tutte le atrocità che abbiamo visto in Grecia, Francia, nei Balcani e altrove ancora indicano una prospettiva sempre più definita, fatta di frontiere chiuse e respingimenti. Tutto questo toglie qualunque alternativa alle persone che cercano modi sicuri e legali di raggiungere l’Europa e le spinge sempre più nelle reti di trafficanti”.

Joanne Liu, presidente di Msf

Joanne Liu, presidente di Msf

ASCOLTA IL DISCORSO DI JOANNE LIU, PRESIDENTE DI MSF

LIU 1230 libia msf

 

Aggiornato lunedì 11 settembre 2017 ore 16:32
TAG