Il recordman degli 800

Fiasconaro: “Per voi ho corso contro il mondo”

martedì 22 novembre 2016 ore 17:16

“Io venivo dal Sud Africa dell’Apartheid, l’Italia per me ha rappresentato la possibilità di confrontarmi con il mondo”.

Da Città del Capo, dove vive e fa il nonno godendosi i due Oceani che bagnano la città, Marcello Fiasconaro riavvolge il nastro.

Lo fa in occasione del test match di rugby tra Italia e Sud Africa, i suoi due Paesi, clamorosamente vinto dagli azzurri 20 a 18. Perché Marcello Fiasconaro, figlio di un musicista siciliano deportato a Pretoria, con la palla ovale ci è nato.

Ha giocato a rugby prima di trasferirsi in Italia e diventare grande in maglia azzurra nella velocità e nel mezzofondo. Furono anni di successi a livello internazionale, di medaglie continentali e record, che lo costrinsero a abbandonare l’amata disciplina. Il primato più bello di tutti, quello sugli 800 metri ottenuto all’Arena di Milano nel 1973, resiste ancora come miglior tempo italiano.

Abbandonata la pista Fiasconaro, famoso e amato per il suo look anticonvenzionale e la sua simpatia, è tornato al rugby. In Italia giocò con il Cus Milano, realizzando 8 mete in cinque gare.

“Bei ricordi, ora purtroppo ho avuto un’operazione a un’anca e non posso più giocare”, racconta.

Riascolta l’intervista a Olio di Canfora

fiasconaro

Aggiornato lunedì 28 novembre 2016 ore 16:12
TAG