Taccuino africano

Senegal, la moschea di Touba

lunedì 13 giugno 2016 ore 06:00

Vi si arriva molto prima di entrare nel centro abitato vero e proprio. L’ingresso nella città santa di Touba viene annunciato da un arco in muratura che delimita la regione in cui vige l’amministrazione di questa città autonoma, con leggi proprie sia per l’amministrazione della terra, sia per il commercio, sia per l’edificazione. Non si può fumare, non si possono bere alcolici e bisogna ovviamente purificarsi.

Touba è la più grande moschea di tutta l’Africa a sud del Maghreb. Intorno a questo luogo di culto è nata una città che ormai fa due milioni di abitanti, una vera e propria metropoli che continua a crescere, come la Moschea stessa che viene continuamente ampliata e impreziosita. Le vie polverose, il traffico, le merci esposte in tutte le strade, le donne con i loro abiti colorati non fanno immaginare di essere in un luogo sacro islamico, di questi tempi poi…

Ma Touba è proprio questo: la dimostrazione che esiste un Islam tollerante, capace di convivere con credenti di altre fedi. A Touba sono ammessi i turisti, si può entrare anche se non si professa la religione musulmana, possono entrare anche le donne che si devono velare, ma possono farlo in modo un po’ raffazzonato, con veli che vengono forniti all’ingresso e che vengono portati con estrema disinvoltura. A Touba arrivano milioni di fedeli ogni anno.

Questa Moschea fu fondata da Cheikh Amadou Bamba nel 1888, sempre lui fondò nel 1912 la confraternita del murid. Un gruppo religioso legato anche alla più importante etnia del Senegal, i wolof. La confraternita è diventata negli anni un vero e proprio ganglio del potere. In Senegal i murid sono potentissimi e i capi religiosi sono spesso legati ai leader politici e questi ultimi, a loro volta, magari sono membri della confraternita. Un legame che è potenzialmente una sorta di contro circuito.

Per ora però il Senegal ha saputo restare uno stato laico, ha saputo far convivere la religione maggioritaria con altre fedi, ha saputo non relegare le donne ai margini della società. Non è poco di questi tempi in cui le religioni, e in particolare quella musulmana, rischiano di prendere una deriva sempre più integralista. A Touba questo miracolo lo si respira, lo si osserva, ce ne si stupisce. E ce ne si compiace.

Aggiornato lunedì 13 giugno 2016 ore 20:31
TAG