Appunti sulla mondialità

Il colpo di coda della Brexit…per la Gran Bretagna

Per il Regno Unito, il bilancio dei primi sei anni da Paese extracomunitario non è di sicuro positivo. Contrariamente a quanto dicevano nel 2016 i sostenitori dell’uscita dall’Europa, l’export con gli Stati comunitari è crollato: -40,7% in media, con punte del -63% nel settore alimentare. Nel frattempo l’export verso altri Paesi è cresciuto di un misero 1,7%, mentre l’import dall’UE è calato del 28,8%. A questi dati si sommano i numeri negativi dovuti alla pandemia e alla guerra in Ucraina. Il governatore della Banca d’Inghilterra, la banca centrale del Regno Unito, recentemente ha definito “apocalittico” lo scenario che va delineandosi per i cittadini britannici: calo del PIL, calo della sterlina rispetto al dollaro, aumento dei prezzi alimentari, inflazione al 9% su base annua. Intanto da vari sondaggi emerge il dramma sociale di un Paese nel quale un quarto della popolazione salta i pasti per risparmiare e due terzi non possono permettersi di tenere acceso il riscaldamento quanto vorrebbero.

Ovviamente si tratta di problemi comuni a molti Paesi in questa fase. Oltremanica, però, le criticità sono amplificate dalla solitudine del Regno Unito in campo internazionale e dalla sua autoesclusione dal mercato più ricco al mondo, quello comunitario. Come facilmente prevedibile, la perdita della posizione di privilegio garantita dall’appartenenza a un mercato con regole comuni, e senza dazi interni, è difficilmente recuperabile attraverso le aperture ad altri mercati esteri. Soprattutto perché la produzione britannica ha standard molto elevati e ciò determina prezzi più alti rispetto a quelli praticati dai concorrenti esterni all’UE, statunitensi o asiatici. Londra aveva sottovalutato questi due fattori: da un lato l’avvenuto adattamento della sua produzione ai bisogni, alle regole e ai costi dell’Unione Europea, dall’altro i tempi lunghi che servono per costruire una rete di accordi e regole condivise con altri Paesi del mondo, e anche con l’UE stessa, dovendo ora interagire da Paese extracomunitario.

Il sogno tardo-imperialista alla base della Brexit, cioè rimettere la Gran Bretagna al centro del mondo, come ai tempi della regina Vittoria, appariva già in sé un obiettivo ridicolo. Guardando poi le valutazioni alla base di quel progetto, erano evidentemente fuori luogo l’importanza attribuita al Commonwealth e la fiducia nella reale consistenza di questa organizzazione: si è scambiata per un’opportunità economica quella che, in realtà, è poco più di una semplice concessione alla nostalgia di Londra. Hanno prevalso, invece, l’arroganza del pensarsi ancora come un impero capace di imporre agli altri le proprie regole e i propri tempi, e soprattutto il sognare che da soli sarebbe stato possibile ottenere vantaggi maggiori di quelli garantiti dal mercato comune.

Nel frattempo, il prezzo pagato dai britannici ha raffreddato gli animi sovranisti in Europa. E probabilmente proprio le difficoltà di Londra fuori dall’Unione hanno fatto sì che, per la prima volta, a Bruxelles si sia deciso emettere debito comune, come sta accadendo per il programma Next Generation EU. Tuttavia, non è detto che quegli Stati che ieri usavano lo scetticismo inglese come alibi per giustificare i loro tentennamenti, ora si dimostrino pronti a compiere passi concreti verso un maggiore coordinamento europeo. Che andrebbe invece programmato, anche a rischio di perdere per strada altri Paesi oppure di ipotizzare, come ha abbozzato Emmanuel Macron, un’Unione “a due velocità”: e cioè con un nucleo di Stati che intraprendono una strada comune e un altro nucleo di Stati collegati da accordi commerciali. L’esempio della deriva del Regno Unito, che in tempi di globalizzazione si era illuso di potercela fare da solo, dovrebbe spronare tutti i Paesi membri verso la ricerca di nuove formule di convivenza più avanzate. Solo così, in un mondo nel quale le potenze stanno tornando sulla scena in modo aggressivo, l’Europa potrà trovare un suo ruolo. Oppure, rompendo le righe, tutti i 27 Stati potrebbero tornare a essere come la Gran Bretagna: isole ai margini.

  • Alfredo Somoza

    Antropologo, scrittore e giornalista, collabora con la Redazione Esteri di Radio Popolare dal 1983. Collabora anche con Radio Vaticana, Radio Capodistria, Huffington Post e East West Rivista di Geopolitica. Insegna turismo sostenibile all’ISPI ed è Presidente dell’Istituto Cooperazione Economica Internazionale e di Colomba, associazione delle ong della Lombardia. Il suo ultimo libro è “Un continente da Favola” (Rosenberg & Sellier)

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR martedì 23/07 18:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 23-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 23/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 23-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di lunedì 22/07/2024 delle 19:47

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di martedì 23/07/2024

    Quando sotto la finestra di una donzella, con lo stereo sulla spalla, si riproducono a palla delle lunghe e per nulla struggenti power ballads. Tornano gli amati fondi di coesione Eu che ci portano all'isola d'Elba e l'incredibile rivista "Cazz'è" presentata da Lara Melchionda. Concludiamo con lo Schiaffo di Schiaffino che ci illumina sul "litigio" tra Unione Europea e Microsoft, ma anche col grande bisogno di vacanze di Al1.

    Poveri ma belli - 23-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di martedì 23/07/2024

    Nella puntata di oggi sono ospiti le "Cicliste per caso", Linda Ronzoni e Silvia Gottardi. Si parla di bicicletta e di tutto il suo potenziale di empowerment, di viaggi e di donne che hanno fatto la storia sulle due ruote.

    Parla con lei - 23-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di martedì 23/07/2024 delle 14:30

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 23-07-2024

  • PlayStop

    La riforma dell'università che parte dai tagli

    La riforma universitaria proposta dal governo potrebbe aggravare significativamente il precariato nel settore accademico. Con oltre 500 milioni di euro di tagli al Fondo di finanziamento degli atenei e l’introduzione di nuove forme contrattuali precarie, il futuro dei ricercatori e dei lavoratori universitari appare sempre più incerto. Mattia Guastafierro ha discusso di questi temi con Davide Clementi, vice segretario dell'Unione Dottorandi Italiani, e Lorenzo Zamponi, ricercatore in Sociologia e Scienze Politiche alla Scuola Normale Superiore di Firenze.

    Clip - 23-07-2024

  • PlayStop

    Il Filo della Storia - Power Woman

    Mai sottovalutare una spilla, se a metterla è una donna di potere. Storia dei colletti di Ruth Bader Ginsburg, delle spille di Madeleine Albright e molto altro. A cura di Alba Solaro

    Il Filo della Storia - 23-07-2024

  • PlayStop

    Cult di martedì 23/07/2024

    Oggi a Cult Estate: il regista Corrado Ceron per il film "L'invenzione di noi due", dai libri di Matteo Bussola; in tutta Italia, si moltiplicano le Pastasciutte Antifasciste e Resistenti, sul modello di quella di Gattatico, al Museo dedicato ai Fratelli Cervi; a Kilowatt Festival il coreografo e danzatore Giorgio Rossi e il musicista jazz Livio Minafra presentano "Agata"; a Capo Peloro (Messina) prosegue il festival pluridisciplinare Horcynus Orta...

    Cult - 23-07-2024

  • PlayStop

    Giorni migliori di martedì 23/07/2024

    La corsa di Kamala Harris alla Casa Bianca con Federico Romero, professore emerito di Storia all’Istituto universitario europeo di Firenze. Il parere della Corte Internazionale di Giustizia contro Israele per l'occupazione dei territori palestinesi con Luigi Daniele, docente di Diritto dei conflitti armati alla Nottingham Trent University. La riforma dell'università che porterà tagli e precariato con Davide Clementi, vice segretario dell'Unione dottorandi italiani, e Lorenzo Zamponi, ricercatore in Sociologia e Scienze alla Scuola Normale Superiore a Firenze. Il crollo di un ballatoio nella Vela di Scampia con Ciro Pellegrino, giornalista di Fanpage. Le Olimpiadi di Parigi con Stefano Montefiori, corrispondente del Corriere della Sera da Parigi.

    Giorni Migliori – Intro - 23-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di martedì 23/07/2024

    a cura di Barbara Sorrentini. Kamala Harris, accoglienza e reazioni alla sua possibile candidatura. Le misure di sicurezza per Parigi 2024. L'addio al regista Salvatore Piscicelli. 45 anni fa nasceva il primo walkman: i ricordi degli ascoltatori di Radio Popolare.

    Apertura musicale - 23-07-2024

Adesso in diretta