Politica leggera

I leghisti e -ancora- la storia dei gay che portano l’Aids

Torno oggi su un fatto di qualche giorno fa, contravvenendo alla logica del web secondo cui le notizie si commentano a caldo.

Ho lasciato trascorrere qualche giorno per darmi il tempo di riflettere, a mente serena, lasciando scorrere via la rabbia che non è mai buona consigliera, come dicevano i proverbi dei nonni (in realtà era la fretta ma facciamo in questo caso che sia la rabbia che la fretta sarebbero state cattive consigliere).

Mi riferisco al tweet del deputato leghista Claudio Borghi -sì, lui, quello che insieme al suo sodale Alberto Bagnai avrebbe voluto farci uscire dall’Euro condannandoci alla rovina- dello scorso 20 luglio. Lo riporto qui in forma integrale per completezza di informazione:

“terzo giornalista che chiama per sapere se sono vaccinato. Finora sono stato gentile, al prossimo parte il vaffanculo e la cancellazione dalla lista dei contatti. Perché questi eroi la prossima volta che intervistano un LGBT non gli chiedono se è sieropositivo e se fa profilassi?”

La mia prima reazione, a livello emotivo, sarebbe stata quella della scatologia, dico la verità. Ma in giro di questa roba ne abbiamo fin troppa e non è che aiuti, anzi avrebbe fatto il gioco dell’aggressore. Invece è molto più interessante andare a vedere l’origine delle parole di Borghi.

Dobbiamo tornare agli anni ’80, quando l’epidemia di Aids esplose negli Stati Uniti, colpendo tra gli altri la comunità gay. Alla Casa Bianca c’era il repubblicano Ronald Reagan, attorniato da uno staff di collaboratori intrisi dell’ideologia reazionaria della destra Usa che nei decenni, passando per i cosiddetti “teocon” di Bush Junior avrebbe visto la deriva del partito conservatore concludersi con il trumpismo. Ma pure negli ’80 non scherzavano, i ragazzi. Tra i consiglieri più ascoltati di Reagan figurava ad esempio Pat Buchanan, referente dei settori religiosi più oltranzisti, uno che arrivò a negare alcuni aspetti della Shoah. L’Aids fu, per lui e per il suo mondo, una grande fortuna. Nel 1984, all’insorgere sempre più frequente dei casi, sentenziò: “i gay hanno dichiarato guerra alla natura, e ora la natura esige una tremenda punizione”.

Una visione intrisa di moralismo, di estremismo religioso, di omofobia, di odio per il diverso. E di cinico e devastante calcolo politico. Una ideologia che condizionò l’azione della Casa Bianca.

Per anni Reagan evitò di parlare in pubblico dell’epidemia.

Nessuno studioso, nessuna persona guidata dal raziocinio, assocerebbe oggi una malattia sessualmente trasmissibile a un determinato orientamento affettivo e sessuale.

Lo ha fatto in Italia Claudio Borghi, non saprei onestamente dire quanto consapevole dell’origine storico-politica delle parole che ha espresso in quel tweet. Del resto che ci volete fare, in Italia siamo spesso retroguardia del peggio. Sicuramente il deputato leghista avrà pensato di solleticare l’istinto dei settori più arretrati dell’elettorato, oggi che la politica è ridotta troppe volte a pura ricerca del consenso immediato.

E qui a mio parere sta il punto, perché di Borghi Claudio in quanto tale ce ne si potrebbe anche bellamente fregare (se non fosse, non dimentichiamolo dato che è uno dei responsabili economici della Lega, per il suo sogno di farci uscire dall’Euro gettandoci nella miseria).

La domanda è: quante persone la pensano come lui? Quante persone credono ancora oggi che l’Aids sia una faccenda di omosessuali e transessuali, una malattia che è uno stigma, una giusta punizione per le tue depravazioni, per il tuo vivere al di fuori delle leggi del dio di turno?

Quante persone sognano la caccia all’untore?

Temo siano più di quante si possa immaginare. Credo che se ne stiano per lo più silenti perché agitare il fantasma della “colonna infame” è un po’ più complicato che sbraitare sui trend topic quotidiani, anche per un cosiddetto “leone da tastiera”.

Riflettendo sul caso Borghi ho pensato che, per paradosso, sarei felice, invece, se queste persone venissero allo scoperto. Per sapere con chi ci si rapporta. Per non averci nulla a che fare, mai. Per vivere la propria esistenza nella maniera più serena possibile tenendosi alla lontana, a debita distanza di sicurezza, dai propagatori di discorsi tossici, discriminatori, pericolosi e violenti.

  • Luigi Ambrosio

    Vorrei scrivere di mille cose e un giorno lo farò. Per ora scrivo di politica. Cercare di renderla una cosa umana è difficile, ma ci provo. Caposervizio a Radio Popolare, la frequento da un po' ma la passione non diminuisce mai

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 22/02 19:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 22/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 22/02/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 22/02/2024

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma che si intitolerà Labirinti Musicali: ovvero un titolo generico da contenitore di storie, aneddoti, curiosità legate tra di loro da un qualsivoglia soggetto/percorso/monografia proposto da uno di noi in forma di racconto, con ascolti ad esso legati, sempre con buona alternanza di parole e di musica. Uno spazio radiofonico che può essere la storia di un disco, un libro, un personaggio anche famoso, ma proposta da angolazioni nuove, curiose. Non una lezione, quasi una confidenza all’orecchio di un ascoltatore. I labirinti sono luoghi reali e circoscritti, e allo stesso tempo irreali: sono la sorpresa, sono l’incontro, sono l’imprevisto…e anche la musica è qualcosa che si muove in uno spazio acustico-temporale ben determinato, qualcosa che ci stupisce e sparisce dietro un angolo per poi farci ritornare al punto di partenza senza avere avuto il tempo di memorizzarne il percorso melodico, armonico, ritmico. Ci perdiamo nella musica proprio come in un labirinto, e la ritroviamo nei meandri più nascosti della mente… Viviamo in un labirinto di idee diverse nel quale ognuno di noi deve trovare un proprio spazio, e per uscire da questo labirinto dobbiamo affidarci alla nostra ragione…e al potere semantico della musica. Nel Medioevo si diceva che il labirinto è come la vita, e la vita come un labirinto. Ma nel labirinto non ci si perde, nel labirinto ci si trova. Con la complicità della musica.

    Labirinti Musicali - 22-02-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 22/02/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 22-02-2024

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 22/02/2024

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da prima che questa discussa espressione entrasse nell’uso internazionale – e in rapporto con World Music Charts Europe. WMCE è una iniziativa a cui Radio Popolare ha aderito e partecipa dall’inizio: una classifica europea realizzata attraverso il sondaggio mensile di animatori di programmi di world music su emittenti pubbliche, aderenti all’Ebu, appunto l’associazione delle emittenti pubbliche europee, ma con qualche eccezione come Radio Popolare, che è una radio privata di ispirazione comunitaria. Nel 1991 l’EBU sondò la Rai, per coinvolgerla in WMCE, ma la Rai snobbò la proposta. Però all’Ebu segnalarono che c’era una radio che sulle musiche del mondo aveva una certa tradizione e che probabilmente avrebbe risposto con interesse… L’Ebu si fece viva con noi, e Radio Popolare aderì entusiasticamente. Ormai quasi trent’anni dopo, WMCE continua e Radio Popolare continua a farne parte, assieme ad emittenti per lo più pubbliche di ventiquattro paesi europei, fra cui la britannica BBC, le francesi Radio Nova e RFI, le tedesche WDR, NDR e RBB, l’austriaca ORF, Radio Nacional de Espana, la russa Echo of Moskow, la croata Radio Student. Attraverso WMCE, Musiche dal mondo riceve annualmente centinaia di novità discografiche inviate dalle etichette o direttamente dagli artisti, dal vintage dell’Africa nera al canto di gola siberiano, dalle fanfare macedoni al tango finlandese: proponendo musica che difficilmente le radio mainstream fanno ascoltare e di cui i media correntemente non si occupano, Musiche dal mondo è una trasmissione per la salvaguardia e lo sviluppo della biodiversità musicale.

    Musiche dal mondo - 22-02-2024

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 22/02/2024

    Ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare ospita concerti, presentazioni di libri, reading e serate speciali aperte al pubblico.

    Live Pop - 22-02-2024

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 22/02/2024

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici. A cura di Luigi Ambrosio e Mattia Guastafierro

    Quel che resta del giorno - 22-02-2024

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 22/02/2024

    1-Gerusalemme est, spianata delle moschee. A tre settimane dall’inizio del ramadan il premier israeliano Netanyahu vuole aprire un nuovo fronte. ( Chiara Cruciati) 2-Due anni di guerra in Ucraina. Ritorno a Bucha dove sono aumentati i casi di disagio mentale. ( Irma Gjinaj – Cesvi) 3-Corsa alla Casa Bianca. Nonostante tutto, Joe Biden supera Donald Trump nei sondaggi a livello nazionale. Ma come sempre saranno i singoli stati a risultare decisivi. ( Roberto Festa) 4-Repubblica democratica del Congo. Tre anni fa l’assassinio dell’ambasciatore Luca Attanasio. ( Giusy Baioini) 5-World Music. Da Lisbona il nuovo album di Lina la nuova regina del Fado. ( Marcello Lorrai)

    Esteri - 22-02-2024

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 22/02/2024

    (102 - 484) Dove arriva la puntata in cui scopriamo, grazie a tre giovani ospiti in studio, quale sia il significato dell'acronimo PCTO. Poi parliamo con Alessandra Fumagalli dello studio olistico "Città del Sole" di Cornate d'Adda che ha fatto un post su Facebook in cui ha annunciato che non avrebbe più accettato clienti uomini dopo le frequenti richieste di massaggi "intimi". Chiudiamo con le proposte di modifica alla legge mille proroghe con le norme che vorrebbero ascoltatori e ascoltatrici.

    Muoviti muoviti - 22-02-2024

  • PlayStop

    Playground di giovedì 22/02/2024

    A Playground ci sono le città in cui abitiamo e quelle che vorremmo conoscere ed esplorare. A Playground c'è la musica più bella che sentirai oggi. A Playground ci sono notizie e racconti da tutto il mondo: lo sport e le serie tv, i personaggi e le persone, le ultime tecnologie e le memorie del passato. A Playground, soprattutto, c'è Elisa Graci: per un'ora al giorno parlerà con voi e accompagnerà il vostro pomeriggio. Su Radio Popolare, da lunedì a venerdì dalle 16.30 alle 17.30.

    Playground - 22-02-2024

  • PlayStop

    Sapore Indie 21 - 22/02/2024

    1. Right Thing - Bayonne 2. Chicago - Ekkstacy 3. Closer - Maria Chiara Argirò 4. Arde - Mont Baud 5. Tekken 2 (ft. Chaka Khan) - Bombay Bicycle Club 6. Journey - Breathe. 7. Mankind - Dandee 8. Terra Bruciata - Kiwi666 9. Down With the King - Butcher Brown 10. Plz Don’t Cut My Wings (ft. Earl Sweatshirt) -Mike

    Sapore Indie - 22-02-2024

  • PlayStop

    Jack di giovedì 22/02/2024

    Per raccontare tutto quello che di interessante accade oggi nella musica e in ciò che la circonda. Anticipazioni e playlist sui canali social di Matteo Villaci.

    Jack - 22-02-2024

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 22/02/2024

    Per riascoltare Considera l'armadillo noi e altri animali che oggi ha ospitato Francesca Flati di @animal equality Italia per parlare dei polli broiler e dell'Europa, ma anche di Lupi, di @circolo ambiente Ilaria Alpi, di Canzo, di @Oipa, di @Gaia Animali & Ambiente, di @Sfattoria Degli Ultimi

    Considera l’armadillo - 22-02-2024

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 22/02/2024

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa di manutenzione, che parte dal sottoscala con l’ambizione di arrivare al roof top con l’obiettivo dichiarato di trovare scorciatoie per entrare nelle stanze del lusso più sfrenato e dell’abbienza. Ma anche uno spazio per arricchirsi culturalmente e sfondare le porte dei salotti buoni, per sdraiarci sui loro divani e mettere i piedi sul tavolo. A cura di Alessandro Diegoli e Disma Pestalozza

    Poveri ma belli - 22-02-2024

  • PlayStop

    Cult di giovedì 22/02/2024

    Oggi a Cult: Maria Alterno, cofondatrice del progetto artistico Madalena Reversa, parla di "Salomè" in scena al FOG Festival di Triennale Teatro; Michele Mellara commenta il suo esordio letterario "Sociopatici in cerca d'affetto" (Bollati Boringhieri); il giornalista Ugo Poletti introduce "Elegia per la pace" alla Camera dei Deputati con l'Orchestra di Odessa; Eliana Rotella firma "88 Frequenze", regia di Giulia Sangiorgio, in scena al Pacta di Milano; la ribrica di lirica di Giovanni Chiodi...

    Cult - 22-02-2024

Adesso in diretta