Massimo Congiu
tremila militari
I confini ungheresi sempre più blindati
Il governo Orbán ha inaugurato l’ultima delle quattro basi militari alla frontiera con la Serbia, realizzate anche con l'aiuto dell'Austria
l'ungheria di orban
Chiude il principale giornale d’opposizione
Era nato nel 1956 come organo dei socialisti. Ufficialmente viene chiuso per un calo verticale delle vendite ma molti parlano di una nuova spallata alla libertà di stampa
orbán rilancia
L’Ungheria dopo il referendum
Anche se non ha raggiunto il quorum, il primo ministro ungherese Orbán si dice soddisfatto. A suo avviso ciò che conta è che 3,3 milioni di ungheresi abbiano detto no al sistema delle quote Ue di accoglienza ai migranti. Se il referendum è fallito, Orban tenterà la strada della modifica costituzionale
ungheria
Domenica il referendum sui migranti
Il 2 ottobre gli ungheresi si esprimeranno sul seguente quesito: “Volete che l'Unione europea imponga l'insediamento obbligatorio sul territorio ungherese di cittadini non ungheresi anche senza il consenso del Parlamento ungherese?". Inutile dire che il governo Orbán ha fatto una campagna martellante per il no
Ungheria, sfida a destra
Bufera all’interno del partito Jobbik
Gábor Vona, presidente del partito, ha epurato tre dirigenti. Troppo estremisti, dice. In realtà, Jobbik sta cercando di mostrarsi agli occhi degli elettori come "moderata"
Polonia
La battaglia per l’aborto
A Varsavia il governo vuole ridurre notevolmente le possibilità di abortire. Eppure nel Paese il numero di operazioni era in aumento
nobel per la letteratura
È morto lo scrittore ungherese Imre Kertész
Nato a Budapest nel'29, deportato ad Auschwitz e Buchenwald, racconterà l'esperienza nel romanzo "Essere senza destino", Nobel nel 2002
ungheria
Se il medico dell’anno è yemenita
Mentre il governo nazionalista e xenofobo dichiara guerra ai migranti, Abdul, pediatra nato 46 anni fa nello Yemen, ha vinto una competizione online tra cento colleghi
professori contro Orban
La “rivolta” delle camicie a scacchi
In Ungheria gli insegnanti si ribellano contro le politiche del governo in tema di istruzione. La protesta è guidata da un giovane preside, István Pukli
emergenza immigrazione
L’Europa secondo il blocco di Visegrád
L'Unione europea non è in grado di affrontare il problema migranti. Questa la tesi di Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca e Polonia
Ungheria
La guerra di Orbàn. Con la scusa del terrorismo
Si scrive "terroristi", si legge "migranti". Il governo di Viktor Orbàn si conferisce poteri straordinari. Con un solo obiettivo: bloccare le frontiere. E Il premier indice un referendum: “Consultazione nazionale sull’immigrazione e il terrorismo” per cercare l'appoggio popolare. Nel questionario equipara chi scappa da una guerra a chi getta nel terrore l'Europa

 

 
 
1
2
>
>>