Mia cara Olympe

Vittima o survivor? A dieci anni dalla Convenzione di Istanbul

‘Che ne pensate dell’uso del termine survivor al posto di vittima?’ chiede una studentessa durante il corso  multidisciplinare che si sta svolgendo all’università di Pavia in questi giorni, decimo anniversario di quella Convenzione di Istanbul da cui proprio la Turchia si è sfilata, ma che resta pietra miliare del percorso faticoso per far emergere, nei codici come nella pubblica discussione,  la violenza di genere per quel che è,  ovvero una violazione dei diritti umani.

Dunque: survivor o vittima? Aggiunge la studentessa: ‘In inglese il termine ha un significato più dinamico del suo equivalente in italiano, indica un percorso…”.  Ha ragione e in ambito anglosassone, nei femminismi, la questione dell’alternativa all’uso della parola vittima si è posto da tempo. Ma ciò che colpisce – anche a proposito di un altro dibattito,  è vero o no che il femminismo è diventato ‘ vittimista?-  è dove, nella conversazione, cade l’accento. La domanda della studentessa contiene infatti un implicito e prezioso no ad una scomoda sedia, quella che immobilizza e congela le donne in un ruolo – la vittima di violenza appunto – senza valorizzare la capacità di uscirne che tante per fortuna hanno trovato in se stesse, spesso con il sostegno  dei centri antiviolenza.

C’è della forza femminile, ci sono autonomia e volontà delle donne sui cui fare leva e  molte  voci  e vite ne sottolineano l’importanza, facendo da contrappunto ai terribili passi indietro che tocca registrare a dieci anni da Istanbul e soprattutto nei paesi che di quella convenzione hanno più bisogno. Come la ragazza straordinaria, oggi brillante studentessa di matematica, ieri  giovanissima in balia di un coetaneo manipolatore che le aveva sequestrato la vita e, alla fine, l’ha ridotta sanguinante per strada dopo averle fatto fare a calci le scale di casa.
Ho intercettato il suo racconto, occhi alla telecamera e nessun cedimento, durante la trasmissione che si intitola appunto ‘Sopravvissute’ , su Rai3  qualche sera fa. Se la strage delle donne non si ferma –  di pochi giorni fa la storia terribile di Tortolì che è costata la vita a Mirko, una ragazzo di 19 anni che ha difeso la madre, ora gravissima in ospedale, dall’aggressione del suo ex compagno –  quel racconto mi è sembrato un gesto da ammirare e, al contempo, un salto di qualità anche della tv nostrana che,  in tema di violenza, ha assai abusato (e tuttora accade) di toni morbosi ed enfatici, costringendo le donne nell’unico paradigma di vittima a scopo di audience.
C’è un’altra strada, insomma, e il coro potente delle survivor ce la indica.

  • Assunta Sarlo

    Calabromilanese, femminista, da decenni giornalista, scrivo e faccio giornali (finché ci sono). In curriculum Ansa, il manifesto, Diario, il mensile E, oggi Prima Comunicazione, Io Donna e il magazine culturale cultweek.com. Un paio di libri: ‘Dove batte il cuore delle donne? Voto e partecipazione politica in Italia’ con Francesca Zajczyk, e ‘Ciao amore ciao. Storie di ragazzi con la valigia e di genitori a distanza’. Di questioni di genere mi occupo per lavoro e per attivismo. Sono grata e affezionata a molte donne, Olympe de Gouges cui è dedicato questo blog è una di loro.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 12/06/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 06/12/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 11/06/21 delle 19:50

    Metroregione di ven 11/06/21 delle 19:50

    Rassegna Stampa - 06/11/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Chassis di dom 13/06/21

    Chassis di dom 13/06/21

    Chassis - 13/06/2021

  • PlayStop

    Favole al microfono di dom 13/06/21

    Favole al microfono di dom 13/06/21

    Favole al microfono - 13/06/2021

  • PlayStop

    Siria. Il nostro paese non c'è più. Capitolo 2: La guerra

    All’inizio del conflitto si scontrano il regime e i ribelli. L’Esercito Libero Siriano, che raccoglie diversi gruppi armati, mette in…

    Siria. Il nostro Paese non c’è più - 13/06/2021

  • PlayStop

    Passatel di sab 12/06/21

    Passatel di sab 12/06/21

    Passatel - 06/12/2021

  • PlayStop

    Pop Up di sab 12/06/21

    Pop Up di sab 12/06/21

    Pop Up Live - 06/12/2021

  • PlayStop

    Sidecar di sab 12/06/21

    Sidecar di sab 12/06/21

    Sidecar - 06/12/2021

  • PlayStop

    I Girasoli di sab 12/06/21

    I Girasoli di sab 12/06/21

    I girasoli - 06/12/2021

  • PlayStop

    Sabato Libri di sab 12/06/21

    Sabato Libri di sab 12/06/21

    Sabato libri - 06/12/2021

  • PlayStop

    Itaca di sab 12/06/21

    Itaca di sab 12/06/21

    Itaca - 06/12/2021

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 12/06/21

    Itaca Rassegna di sab 12/06/21

    Itaca – Rassegna Stampa - 06/12/2021

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 12/06/21

    Mash-Up di sab 12/06/21

    Mash-Up - 06/12/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 11/06/21

    Doppia Acca di ven 11/06/21

    Doppia Acca - 06/12/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di ven 11/06/21

    News Della Notte di ven 11/06/21

    News della notte - 06/11/2021

  • PlayStop

    Valcareggi di ven 11/06/21

    Valcareggi di ven 11/06/21

    Tutta colpa di Valcareggi - 06/11/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 11/06/21

    ..1-“ Ricostruire in meglio, una ripresa per tutti”. Al via il G7 in Cornovaglia. Sul tavolo il commercio mondiale e…

    Esteri - 06/11/2021

  • PlayStop

    Ora di punta di ven 11/06/21

    Ora di punta di ven 11/06/21

    Ora di punta – I fatti del giorno - 06/11/2021

  • PlayStop

    Follow Friday di ven 11/06/21

    Follow Friday di ven 11/06/21

    Follow Friday - 06/11/2021

  • PlayStop

    Uno di Due di ven 11/06/21

    Uno di Due di ven 11/06/21

    1D2 - 06/11/2021

Adesso in diretta