La scuola non serve a nulla

Riflessioni, cose viste in giro, tournée, Ayrton Senna.

Come annunciato settimana scorsa, il tour di spettacoli è incominciato e procede spedito, tra tanti calorosi incontri con il pubblico e qualche problema tecnico sempre in agguato nelle date estive, ma quello è da mettere in conto. L’altra cosa bella di quando sei in tour è che, benché non si abbia proprio il tempo per fare anche il turista, però, magari, qualcosa in giro la si riesce a vedere. E siccome avevo una data a Cotignola (RA), ho fatto un giro all’Autodromo di Imola.

“Ma come, l’Autodromo di Imola!!! Ma ci sono robe molto più importanti in zona… il Mausoleo di Teodorico, il Tempio Malatestiano, la Tomba di Dante…” .

Ora, posto che io posso anda’ ‘ndo mi pare, vi spiego perché.

Ho una sorta di morbosa venerazione inconscia per Ayrton Senna. Che è venuta fuori dopo la sua morte ed è ancor più strana per il fatto che invece per gran parte della sua carriera, quando lui correva e io da piccolo guardavo la Formula 1, Ayrton mi stava antipatico: io tifavo per Alain (quando invece la sfida era con Mansell, ero per Ayrton perché ovviamente avevo già capito tutto della vita e mi ero imposto di tifare sempre per quello, tra i due contendenti, con la macchina più scarsa). Però poi, cominciando a far teatro, i primi spettacoli, e soprattutto grazie a certi maestri… un’ideuzza…

Certo, Ayrton non è solo – dicono – il più grande pilota di tutti i tempi, o uno di quelli sportivi, come Maradona o Cassius Clay, che son “troppo più” rispetto a quello che hanno rappresentato “semplicemente” in quanto campioni seppur immensi (tanta roba non ci sta, nemmeno nelle pagine somme della storia dello sport). Ayrton è stato anche una sorta di coincidentia oppositorum: un computer umano nella precisione della messa a punto, e, al tempo stesso, un mistico e visionario asceta della velocità; una paranoica meticolosità nella preparazione della gara mescolata all’azzardo più arrischiato quando le luci diventavano verdi; un’attitudine da cannibale assatanato contro tutti in corsa dentro un animo profondamente religioso… e nella consapevolezza gentile di riscattare tanta poverissima gente del suo paese, che lo idolatrava quasi più degli eroi del calcio (lui, nato da una famiglia ricchissima), la certezza di incarnare una sorta di “diritto divino a vincere”.

Sono celebri le immagini degli istanti iniziali di quell’unica corsa in cui, diversamente da tutte le altre, il pilota brasiliano attese l’inizio sul rettilineo di partenza senza il casco, a volto scoperto, incurante di nascondere preoccupazioni e pensieri. Si sarebbero versati i fiumi di inchiostro sul fatto che fece questo proprio, e soltanto, prima della gara a lui fatale, quella di quel 1′ maggio 1994 a Imola (il giorno prima, in quel weekend che è letteralmente “l’11 Settembre della Formula 1”, c’era stato l’incidente a Ratzenberger). Una canzone di Lucio Dalla lo spiega molto bene: un Ayrton nell’abitacolo prima corrucciato, insofferente, spaesato… che poi chiude gli occhi e rivolge la testa al cielo, rasserenato. Come se Ayrton, in quei momenti, si stesse chiedendo, con le cinture della sua Williams che sembravano quelle di uno zaino troppo grande attaccate alle spalle d’un bambino imbronciato che a scuola non ci vuole andare, che senso avesse tutto ciò, e come se poi un senso, in qualche modo, lo si fosse trovato, un senso più alto. Come se sapesse quello che gli sarebbe accaduto. Sarebbe morto una ventina di minuti dopo.

Poi oggi, passando dal memoriale con la sua statua, lì all’Autodromo di Imola (fa strano perché Ayrton sembra avere il volto di Leopardi) un’intuizione: questo mix tra calcolo e cuore, questo ponte tra la gente e il divino, questa conciliare l’agonismo della competizione con l’empatia per i propri simili… è ciò in cui dovrebbe consistere l’essenza dell’arte dell’attore. Non c’entra niente? Forse.

(Ah sì, dimenticavo: anche qui, purtroppo, se sei ricco di famiglia… be’, ecco, questo aiuta molto…)

 

  • Antonello Taurino

    Docente, attore, comico, formatore: in confronto a lui, Don Chisciotte è uno pratico. Nato a Lecce, laurea in Lettere e diploma in Conservatorio, nel 2005 si trasferisce a Milano. Consegue il Diploma di attore nel Master triennale SAT 2005-2008 del M° J. Alschitz e partecipa a Zelig dal 2003 al 2019. Si esibisce anche inglese all’estero con il suo spettacolo di Stand-up, Comedian. Attualmente è in tournèe con i suoi spettacoli (non tutti la stessa sera): Miles Gloriosus (2011), Trovata una Sega! (2014), La Scuola non serve a nulla (2016) e Sono bravo con la lingua (2020). La mattina si diverte ancora tanto ad insegnare alle Medie. Non prende mai gli ascensori.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di gio 23/09/21 delle 07:15

    Metroregione di gio 23/09/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 23/09/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di gio 23/09/21

    Il demone del tardi - copertina di gio 23/09/21

    Il demone del tardi - 23/09/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di gio 23/09/21 delle 07:49

    Seconda pagina di gio 23/09/21 delle 07:49

    Seconda pagina - 23/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 23/09/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 23/09/21

    Rassegna stampa internazionale - 23/09/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di gio 23/09/21

    Rassegna stampa internazionale di gio 23/09/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 23/09/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di gio 23/09/21

    Il Caffè Nero Bollente del giovedì con musica, sfoglio dei giornali e i libri della settimana consigliati da Arianna Montanari…

    Caffè Nero Bollente - 23/09/2021

  • PlayStop

    Indie-Re di gio 23/09/21

    Indie-Re di gio 23/09/21

    Radio Muse Indie-re - 23/09/2021

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mer 22/09/21

    Jazz Ahead di mer 22/09/21

    Jazz Ahead - 23/09/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di mer 22/09/21

    News Della Notte di mer 22/09/21

    News della notte - 23/09/2021

  • PlayStop

    Gimme Shelter di mer 22/09/21

    Gimme Shelter di mer 22/09/21

    Gimme Shelter - 23/09/2021

  • PlayStop

    Il giusto clima di mer 22/09/21

    Il giusto clima di mer 22/09/21

    Il giusto clima - 23/09/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di mer 22/09/21

    La ripresa economica è trainata dal precariato. La maggior parte dei nuovi contratti d’assunzione sono a termine. A dirlo sono…

    Quel che resta del giorno - 23/09/2021

  • PlayStop

    Esteri di mer 22/09/21

    1-Stati uniti. La camera alza il tetto del debito ma i repubblicani promettono di bloccare il testo al senato. Appello…

    Esteri - 23/09/2021

  • PlayStop

    The Game di mer 22/09/21

    //Gkn, da oggi il racconto di Radio Popolare si sposta direttamente a Campi Bisenzio con l’inviato Massimo Alberti. //Delocalizzazioni, la…

    The Game - 23/09/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di mer 22/09/21

    Gli insulti a Sgarbi e Albano al concerto all'Arena di Verona in ricordo di Franco Battiato, Franco Bruno candidato sindaco…

    Muoviti muoviti - 23/09/2021

  • PlayStop

    Cos'è la Materia Oscura? E i discont, convengono?

    ne parliamo con Simona Romaniello del Planetario di Torino e Stefania Villa di Altroconsumo. Insieme a Jennifer Radulovic

    Di tutto un boh - 23/09/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo mer 22/09/21

    Si parla con Katia Impellittiere della Lac Lega Abolizione Caccia della sentenza del Tar che sospende la caccia in Lombardia…

    Considera l’armadillo - 23/09/2021

  • PlayStop

    Jack di mer 22/09/21

    Jack di mer 22/09/21

    Jack - 23/09/2021

  • PlayStop

    Sussurri nei giardini pensili

    quando prendiamo lezioni di proto-erotismo e lanciamo la giornata dell'orgoglio balconico

    Poveri ma belli - 23/09/2021

Adesso in diretta