La scuola non serve a nulla

Riflessioni, cose viste in giro, tournée, Ayrton Senna.

Come annunciato settimana scorsa, il tour di spettacoli è incominciato e procede spedito, tra tanti calorosi incontri con il pubblico e qualche problema tecnico sempre in agguato nelle date estive, ma quello è da mettere in conto. L’altra cosa bella di quando sei in tour è che, benché non si abbia proprio il tempo per fare anche il turista, però, magari, qualcosa in giro la si riesce a vedere. E siccome avevo una data a Cotignola (RA), ho fatto un giro all’Autodromo di Imola.

“Ma come, l’Autodromo di Imola!!! Ma ci sono robe molto più importanti in zona… il Mausoleo di Teodorico, il Tempio Malatestiano, la Tomba di Dante…” .

Ora, posto che io posso anda’ ‘ndo mi pare, vi spiego perché.

Ho una sorta di morbosa venerazione inconscia per Ayrton Senna. Che è venuta fuori dopo la sua morte ed è ancor più strana per il fatto che invece per gran parte della sua carriera, quando lui correva e io da piccolo guardavo la Formula 1, Ayrton mi stava antipatico: io tifavo per Alain (quando invece la sfida era con Mansell, ero per Ayrton perché ovviamente avevo già capito tutto della vita e mi ero imposto di tifare sempre per quello, tra i due contendenti, con la macchina più scarsa). Però poi, cominciando a far teatro, i primi spettacoli, e soprattutto grazie a certi maestri… un’ideuzza…

Certo, Ayrton non è solo – dicono – il più grande pilota di tutti i tempi, o uno di quelli sportivi, come Maradona o Cassius Clay, che son “troppo più” rispetto a quello che hanno rappresentato “semplicemente” in quanto campioni, seppur immensi (tanta roba non ci sta, nemmeno nelle pagine somme della storia dello sport). Ayrton è stato anche una sorta di coincidentia oppositorum: un computer umano nella precisione della messa a punto, e, al tempo stesso, un mistico e visionario asceta della velocità; una paranoica meticolosità nella preparazione della gara mescolata all’azzardo più arrischiato quando le luci diventavano verdi; un’attitudine da cannibale assatanato contro tutti in corsa dentro un animo profondamente religioso… e nella consapevolezza gentile di riscattare tanta poverissima gente del suo paese, che lo idolatrava quasi più degli eroi del calcio (lui, nato da una famiglia ricchissima), la certezza di incarnare una sorta di “diritto divino a vincere”.

Sono celebri le immagini degli istanti iniziali di quell’unica corsa in cui, diversamente da tutte le altre, il pilota brasiliano attese l’inizio sul rettilineo di partenza senza il casco, a volto scoperto, incurante di nascondere preoccupazioni e pensieri. Si sarebbero versati i fiumi di inchiostro sul fatto che fece questo proprio, e soltanto, prima della gara a lui fatale, quella di quel 1′ maggio 1994 a Imola (il giorno prima, in quel weekend che è letteralmente “l’11 Settembre della Formula 1”, c’era stato l’incidente di Ratzenberger). Una canzone di Lucio Dalla lo spiega molto bene: un Ayrton nell’abitacolo prima corrucciato, insofferente, spaesato… che poi chiude gli occhi e rivolge la testa al cielo, rasserenato. Come se Ayrton, in quei momenti, si stesse chiedendo, con le cinture della sua Williams che sembravano quelle di uno zaino troppo grande attaccate alle spalle d’un bambino imbronciato che a scuola non ci vuole andare, che senso avesse tutto ciò, e come se poi un senso, in qualche modo, lo si fosse trovato, un senso più alto. Come se sapesse quello che gli sarebbe accaduto. Sarebbe morto una ventina di minuti dopo.

Poi oggi, passando dal memoriale con la sua statua, lì all’Autodromo di Imola (fa strano perché Ayrton sembra avere il volto di Leopardi) un’intuizione: questo mix tra calcolo e cuore, questo ponte tra la gente e il divino, questa conciliare l’agonismo della competizione con l’empatia per i propri simili… è ciò in cui dovrebbe consistere l’essenza dell’arte dell’attore. Non c’entra niente? Forse.

(Ah sì, dimenticavo: anche qui, purtroppo, se sei ricco di famiglia… be’, ecco, questo aiuta molto…)

 

  • Antonello Taurino

    Docente, attore, comico, formatore: in confronto a lui, Don Chisciotte è uno pratico. Nato a Lecce, laurea in Lettere e diploma in Conservatorio, nel 2005 si trasferisce a Milano. Consegue il Diploma di attore nel Master triennale SAT 2005-2008 del M° J. Alschitz e partecipa a Zelig dal 2003 al 2019. Si esibisce anche inglese all’estero con il suo spettacolo di Stand-up, Comedian. Attualmente è in tournèe con i suoi spettacoli (non tutti la stessa sera): Miles Gloriosus (2011), Trovata una Sega! (2014), La Scuola non serve a nulla (2016) e Sono bravo con la lingua (2020). La mattina si diverte ancora tanto ad insegnare alle Medie. Non prende mai gli ascensori.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 07/02/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 02/07/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 07/02/2023 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 02/07/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 07/02/2023

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 02/07/2023

  • PlayStop

    Esteri di martedì 07/02/2023

    Oggi in Esteri un’ampia pagina sul terremoto in Turchia e Siria ( Poalo Ferrara Tdh e Filipp Ciucciu- Ansa da…

    Esteri - 02/07/2023

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 07/02/2023

    (92 - 283) Dove si scopre che la sinistra deve ripartire dalla Mussolini. Per la rubrica di chi sposta le…

    Muoviti muoviti - 02/07/2023

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 07/02/2023

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 02/07/2023

  • PlayStop

    Saluti da Sanremo. La cartolina di Vittorio Cosma - 1

    Vittorio Cosma ci racconta come ci si prepara a dirigere l'orchestra della Kermesse più famosa d'Italia

    Clip - 02/07/2023

  • PlayStop

    The Weekly Report di martedì 07/02/2023

    Il grammy a Bonnie Raitt per la miglior canzone è di sicuro la notizia più assurda di questa settimana di…

    The Weekly Report - 02/07/2023

  • PlayStop

    Jack di martedì 07/02/2023

    Primo appuntamento con "Saluti da Sanremo", la cartolina quotidiana dalla Kermesse Nazionale. Quest'anno a raccontarci tutto c'è Vittorio Cosma, dall'alto…

    Jack - 02/07/2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 07/02/2023

    Oggi con Nicolò Calandri, fondatore di 3bee parliamo del Festival di Sanremo, di api, di impollinatori, di Fantasanremo, di Isola…

    Considera l’armadillo - 02/07/2023

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 07/02/2023

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 02/07/2023

  • PlayStop

    Cult di martedì 07/02/2023

    Oggi a Cult: Arturo Cirillo racconta il suo "Cyrano de Bergerac" ispirato alla versione musicale di Domenico Modugno all'Elfo Puccini;…

    Cult - 02/07/2023

  • PlayStop

    Pubblica di martedì 07/02/2023

    A chi conviene un’Italia fatta di tante piccole "repubbliche"? Com’è possibile che un progetto come quello dell’autonomia regionale - pensato…

    Pubblica - 02/07/2023

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 07/02/2023

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 02/07/2023

  • PlayStop

    ANGELA MAURO - EUROPA SOVRANA. LA RIVINCITA DEI NAZIONALISMI

    ANGELA MAURO - EUROPA SOVRANA. LA RIVINCITA DEI NAZIONALISMI - presentato da Lorenza Ghidini

    Note dell’autore - 02/07/2023

  • PlayStop

    Prisma di martedì 07/02/2023

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 02/07/2023

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 07/02/2023

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 02/07/2023

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 07/02/2023

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 02/07/2023

Adesso in diretta