La scuola non serve a nulla

“Non se ne esce”: Tetralogia del Sessismo linguistico alla Medie – 2

La seconda puntata di una ricerca linguistica condotta in classe

La settimana scorsa si parlava del brodo di coltura in cui è nata l’idea della mia ricerca sul sessismo linguistico: cosa arriva in una prima media di tutto questo discutere? Ho preso al volo la richiesta di “declinare la progettazione didattica secondo compiti di realtà per proporre esperienze d’apprendimento coinvolgenti, autentiche e significative” (qualunque cosa significhi) e ci ho collegato tutto il suddetto dibattito (avvocato, signora avvocato, avvocata, avvocatessa o più semplicemente legale che taglia la testa al toro). Obiettivo? Cogliere due piccioni con una fava: capire in modo esperienziale se qualcosina di un tema così spinoso e “adulto” – al tempo stesso sia tecnico che divisivo -, potesse arrivare fino ai giovanissimi virgulti. Più, terzo piccione: dare un senso concreto al nuovo insegnamento di Educazione Civica, “Grammatica e Inclusione”, sulla carta, la teoria del vapor acqueo applicata ai buchi del groviera.

Con questa premessa, parte il lavoro. Prima scoperta del pero fatta dagli alunni: l’italiano è una lingua che marca il genere grammaticale, il neutro non esiste e i sostantivi possono essere solo maschili o femminili. Alcuni possono esserlo solo dal punto di vista grammaticale, come oggetti, frutti e verdure (“il cucchiaio”, “la forchetta” che infatti non hanno sesso… anche se i più zuzzurelloni di voi obietteranno che “pisello” è sempre maschile, e “patata” è sempre femminile), altri anche dal punto di vista biologico/naturale, se riferiti a persone o animali (“il sarto”, “la parrucchiera”, “la gatta”). Seconda scoperta del pero: non c’è una ragione linguisticamente valida che spieghi perché non dovrebbe essere così per tutti i nomi, quindi anche per i nomi di professione, i “nomina agentis”, declinati al femminile (avvocata, per capirci).

Ora, non certo per complicarci la vita, ma proprio perché la faccenda è di suo non semplicissima, ripropongo pari pari la lezioncina che ho spiegato alla scolaresca, perché va be’ la didattica laboratoriale, ma questa qui è proprio la roba che sarebbe dovuta entrar nella zucca degli alunni, se no che l’abbiamo fatta a fare, tutta sta cosa?

Dicevo, dal punto di vista morfologico, per formare il femminile, abbiamo quattro tipi di sostantivi:

1) i sostantivi mobili, che formano il femminile semplicemente modificando la desinenza finale e mantenendo fissa la radice (caso più comune: la –o, marca del maschile, che diventa –a, marca del femminile: “gatto/gatta”, “maestro/maestra”, ma anche “attore/attrice”);

2) i sostantivi indipendenti, o di genere fisso, che al femminile presentano una forma completamente diversa dal maschile anche nella radice: “maschio/femmina”, “fratello/sorella”, “padre/madre”;

3) i sostantivi di genere comune, o – fatemela tirare un po’- ambigeneri, o epiceni, che cioè sono uguali al maschile e al femminile e cambiano solo l’articolo: “il cantante/la cantante”; “il dirigente/la dirigente”. E che talvolta formano il plurale con desinenze diverse al maschile e femminile, ad es. “i pianisti/le pianiste”;

4) i sostantivi di genere promiscuo, che hanno una sola delle due forme. Situazione che vale spesso per gli animali, con un genere grammaticale definito (“la tigre”, “il ghepardo”), cui può non corrispondere un genere biologico, quindi da specificare con l’aggiunta di un modificatore (“la femmina di leopardo”, “la tigre maschio”); ma che può essere estesa anche ad alcuni nomi riferiti a persone, come “la guardia”, “il soprano”, “il pedone”, “la vittima”. Ecco, diversamente dai primi tre casi, in cui il genere grammaticale e biologico coincidono, qui questa coincidenza si perde per mere questioni grammaticali. “Cioè, che vor dì’?” Che il termine di volta in volta è usato sia per uomini che per donne, anche se alcuni mestieri sono svolti in genere dalle persone di un certo sesso (spesso uomini per “guardia”, sempre donne per “soprano”, ecc.)

Riassumendo, checché ne abbia detto Beatrice Venezi a Sanremo, se la tua professione è indicata da un nome declinabile, mobile, primo gruppo, mettila come vuoi ma sei una “Direttrice d’orchestra” e non c’è niente di spregiativo nell’usare il femminile invece del maschile corrispondente (“Direttore”). Insomma, ok, fatto salvo il fatto che la Venezi può farsi chiamare come vuole e che a volte il genere grammaticale non definisce il genere biologico, quando però lo definisce… ecco, andrebbe usato.

Comunque, chiarito questo, abbiamo iniziato il lavoro sul campo. Sì, perché allora avevo la speranza che se ne potesse uscire, che avrei sciolto il nodo gordiano… e insomma, ho fatto questo:

– ho fornito agli alunni un elenco di professioni: “avvocato, ministro, sindaco, assessore, ingegnere, dirigente, magistrato, presidente, direttore, procuratore, ispettore, deputato, architetto… e poi: sarto, parrucchiere, maestro, cameriere, infermiere, cuoco”,

– ho chiesto loro di fare questa domanda in famiglia (parenti, amici, conoscenti): “Chiedete agli intervistati: preferite usare questi sostantivi di professioni, SE RIFERITI A DONNE, come fossero di genere mobile, quindi declinati al femminile (ad esempio, per “sindaco”: “la sindaca Virginia Raggi”); oppure di genere promiscuo (“il sindaco Virginia Raggi”); oppure di genere comune (“la sindaco Virginia Raggi”)? E, specie nel caso non si preferisse la declinazione al femminile (quindi primo caso: non il genere mobile, ma il genere promiscuo o comune), chiedete: perché?”

E come è andata? Se non vi scoccia, ve lo dico la prossima volta, che io intanto sono in scena al Teatro della Cooperativa fino al 30 maggio con la “La Scuola non serve a nulla 2.0” (…venite? quasi tutto pieno, ma vedete un po’ voi…)

 

 

 

  • Antonello Taurino

    Docente, attore, comico, formatore: in confronto a lui, Don Chisciotte è uno pratico. Nato a Lecce, laurea in Lettere e diploma in Conservatorio, nel 2005 si trasferisce a Milano. Consegue il Diploma di attore nel Master triennale SAT 2005-2008 del M° J. Alschitz e partecipa a Zelig dal 2003 al 2019. Si esibisce anche inglese all’estero con il suo spettacolo di Stand-up, Comedian. Attualmente è in tournèe con i suoi spettacoli (non tutti la stessa sera): Miles Gloriosus (2011), Trovata una Sega! (2014), La Scuola non serve a nulla (2016) e Sono bravo con la lingua (2020). La mattina si diverte ancora tanto ad insegnare alle Medie. Non prende mai gli ascensori.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di mar 19/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 19/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di mar 19/10/21 delle 07:15

    Metroregione di mar 19/10/21 delle 07:15

    Rassegna Stampa - 19/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Prisma di mar 19/10/21

    Commento ai risultati delle elezioni con il politologo Alessandro Campi, il giornalista Salvatore Cannavò e il sindaco rieletto di Varese…

    Prisma - 19/10/2021

  • PlayStop

    Il demone del tardi - copertina di mar 19/10/21

    Il demone del tardi - copertina di mar 19/10/21

    Il demone del tardi - 19/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di mar 19/10/21 delle 07:48

    Seconda pagina di mar 19/10/21 delle 07:48

    Seconda pagina - 19/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 19/10/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 19/10/21

    Rassegna stampa internazionale - 19/10/2021

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di mar 19/10/21

    Rassegna stampa internazionale di mar 19/10/21

    Esteri – La rassegna stampa dei giornali internazionali - 19/10/2021

  • PlayStop

    Caffe nero bollente di mar 19/10/21

    Il Caffè Nero Bollente del martedì con musica, sfoglio dei giornali e il consiglio televisivo di Roberta Talia.

    Caffè Nero Bollente - 19/10/2021

  • PlayStop

    From Genesis to Revelation di mar 19/10/21

    From Genesis to Revelation di mar 19/10/21

    From Genesis To Revelation - 19/10/2021

  • PlayStop

    Jazz Anthology di lun 18/10/21

    Jazz Anthology di lun 18/10/21

    Jazz Anthology - 19/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di lun 18/10/21

    News Della Notte di lun 18/10/21

    News della notte - 19/10/2021

  • PlayStop

    La pillola va giu di lun 18/10/21

    La pillola va giu di lun 18/10/21

    La Pillola va giù - 19/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di lun 18/10/21

    Quel che resta del giorno di lun 18/10/21

    Quel che resta del giorno - 19/10/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 18/10/21

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 18/10/21

    Gli speciali - 19/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di lun 18/10/21

    Puntata al seguito dell'esito del voto di ballottaggio alle Amministrative. Si parte con il Comune più piccolo, Rondanina in provincia…

    Muoviti muoviti - 19/10/2021

  • PlayStop

    Droghe, animali e tarocchi

    come ogni lunedì Andrea Bellati risponde ai boh della scienza mentre Jennifer Radlovic ci racconta le origini dei tarocchi per…

    Di tutto un boh - 19/10/2021

  • PlayStop

    Franco Cerri intervistato da Claudio Agostoni nel 2016

    Nel 2016, in occasione dei suoi 90 anni, Franco Cerri ripercorre le tappe della sua carriera intervistato da Claudio Agostoni

    Clip -

  • PlayStop

    Franco Cerri intervistato da Claudio Agostoni nel 2016

    Nel 2016, in occasione dei suoi 90 anni, Franco Cerri ripercorre le tappe della sua carriera intervistato da Claudio Agostoni

    Clip - 19/10/2021

  • PlayStop

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 18/10/21

    Gli speciali di Radio Popolare di lun 18/10/21

    Gli speciali - 19/10/2021

Adesso in diretta