Mia cara Olympe

L’ Aspromonte, i suoi roghi, i suoi morti

Da sempre, dal mio sempre, le estati calabresi hanno visto accendersi di roghi le colline e la montagna – l’Aspromonte in specie e di fronte, aldilà del mare doppio, i siculi monti Peloritani.

Vista consueta nelle notti d’agosto: guarda c’è un incendio, ancora e come sempre, si diceva con il rammarico di chi sapeva che non è mai un accidente. Oggi però non è più ‘come sempre’, ammesso e non concesso che ci si potesse cullare in quell’avverbio. Ora l’Aspromonte non cessa di bruciare nel suo cuore più antico, nella sua radice grecanica, nelle altezze vertiginose delle sue faggete patrimonio dell’Unesco: se volevamo dare sostanza, concretissima e simbolica, all’allarme degli scienziati del clima, non avrebbe potuto essere, l’avvertimento, più violento e ultimativo. E vale la pena leggere per intero cosa scrivono le guide del parco nazionale dell’Aspromonte: la montagna brucia per mano umana e dietro il crimine del fuoco c’è la lunga catena delle omissioni, delle responsabilità e dell’assenza di cura. E no, scrivono le guide, “non stiamo parlando di qualche boschetto, buono per farci una passeggiatina e pubblicare un paio di foto su instagram, ma sono i boschi della zona a tutela integrale, dall’altissimo valore naturalistico per noi, per la Calabria, l’Italia e per tutto il mondo. È come se bruciassero i Bronzi di Riace e noi li potessimo vedere mentre il metallo si scioglie e cola sulle basi di marmo… anzi peggio, perché questo fuoco causerà gravi danni alle nostre vite nel prossimo e medio futuro” .

Lontano da riflettori che più di tanto non si accendono – la Calabria resta remota, inchiodata allo stereotipo di una univoca narrazione di terra perduta, leggere per capirne di più ‘A sud del sud’ di Giuseppe Smorto  la guerra dell’Aspromonte per la propria e nostra sopravvivenza conta a oggi anche quattro vittime umane, le altre sono ad oggi incalcolabili. Come verranno archiviate le morti umane degli incendi dell’estate 2021? Si ricorderà che sono morti sul lavoro – il lavoro antico dei campi e degli oliveti e dell’allevamento, il lavoro duro della aree interne che ostinatamente qualcuno continua a fare – e allo stesso tempo morti ammazzati dal crimine del fuoco e vittime della crisi climatica? Si ricorderà la storia così calabrese del pensionato di Grotteria, Mario Zavaglia si chiamava, carbonizzato mentre in casolare cercava di salvare i suoi pochi animali dal fuoco? Le cronache locali danno particolari: si racconta che da tanto tempo era emigrato al nord ma sempre tornava al paese, qualcun altro dice che a trovarlo è stato il figlio, appena rientrato, lui, da Milano per le ferie. Emigrazione,  il destino di tanti in questa ed altre terre che si spopolano e riaccolgono d’estate chi torna in un illusorio ricongiungimento con affetti, radici, consuetudini, modi di vivere antichi.
Difficile adesso rintracciare speranza. La terra non solo arde, ma patisce incurie, inciviltà, eterni problemi e incapacità a risolverli: mentre l’Aspromonte brucia, protestano i cittadini per l’acqua che manca nelle case ma che sgorga dalle buche per strada, articoli di cronaca salutano come evento la rimozione di  una delle troppe microdiscariche di rifiuti, i falò della notte di san Lorenzo hanno lasciato in eredità alla spiaggia, che solo un anno fa ha visto la nascita emozionante di una quarantina di tartarughe,  spazzatura prontamente documentata sui social. Sotto un termometro implacabile la terra sembra ancora più esausta, più al capolinea che in altri luoghi e la responsabilità umana ancora più pesante e colpevole. Resistono  per fortuna alcune lucide voci – qui quella dello scrittore Gioacchino Criaco che a metà agosto avrebbe dovuto radunare  nei luoghi di Alvaro e di Strati persone e pensieri per la rassegna ‘Gente d’Aspromonte’ – che non si stancano di sollecitare progetti e cura  per la grande montagna che lotta.

  • Assunta Sarlo

    Calabromilanese, femminista, da decenni giornalista, scrivo e faccio giornali (finché ci sono). In curriculum Ansa, il manifesto, Diario, il mensile E, Prima Comunicazione, Io Donna e il magazine culturale cultweek.com. Un paio di libri: ‘Dove batte il cuore delle donne? Voto e partecipazione politica in Italia’ con Francesca Zajczyk, e ‘Ciao amore ciao. Storie di ragazzi con la valigia e di genitori a distanza’. Di questioni di genere mi occupo per lavoro e per attivismo. Sono grata e affezionata a molte donne, Olympe de Gouges cui è dedicato questo blog è una di loro.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 28/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/01/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 27/01/2023 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 29/01/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Snippet di sabato 28/01/2023

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 29/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di sabato 28/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/01/2023

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 28/01/2023

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro twitter: @SkepticAfro

    AfroRaffa - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 28/01/2023

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 29/01/2023

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/01/2023

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 29/01/2023

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/01/2023

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 29/01/2023

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 28/01/2023

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 29/01/2023

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/01/2023

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 29/01/2023

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 28/01/2023

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 29/01/2023

  • PlayStop

    Chassis di sabato 28/01/2023

    Con le interviste a Alessio Cremonini sul film “Profeti”, Paolo Genovese su “Il primo giorno della mia vita” e Il…

    Chassis - 28/01/2023

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/01/2023

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 29/01/2023

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/01/2023

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 29/01/2023

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/01/2023

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 29/01/2023

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/01/2023

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il convoglio

    IL CONVOGLIO è un audio racconto dedicato al Giorno della Memoria di Claudio Jampaglia ed Elisabetta Ruffini, montato e sonorizzato…

    Clip - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il convoglio

    IL CONVOGLIO è un audio racconto dedicato al Giorno della Memoria di Claudio Jampaglia ed Elisabetta Ruffini, montato e sonorizzato…

    Clip - 28/01/2023

  • PlayStop

    Let's spend the night together di sabato 28/01/2023

    Let's Spend The Night Together è il salottino rock'n'roll di Radio Popolare. Si parla di attualità, si passano le novità…

    Let’s spend the night together - 29/01/2023

  • PlayStop

    Doppia Acca di venerdì 27/01/2023

    Dal 2011 è la trasmissione dedicata all’hip-hop di Radio Popolare.

    Doppia_Acca - 29/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 27/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/01/2023

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/01/2023 - ore 21:00

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/01/2023

  • PlayStop

    Gli speciali di venerdì 27/01/2023 - ore 20:01

    I reportage e le inchieste di Radio Popolare Il lavoro degli inviati, corrispondenti e redattori di Radio Popolare e Popolare…

    Gli speciali - 29/01/2023

Adesso in diretta