L'Ambrosiano

Il sangue e la parola: altro che agenda Draghi, promesse, sinistri ritorni!

Roma: benedetta, maledetta città! In 48 ore ha dato il peggio e il meglio di sé e di noi (noi eleggiamo il Parlamento, ci indigniamo, cerchiamo di rimediare, rischiamo di fallire). Il 20 in Senato il cupio dissolvi d’una politica senza bussola, senso della realtà e della storia ha affossato Draghi. Il 22 in piazza Quirinale s’è materializzato l’altro volto: è andata in scena la novità splendida di Nicola Piovani: Il sangue e la parola, cantata con testo tratto dalle Eumenidi di Eschilo e riferimenti ai lavori preparatori di Padri e Madri Costituenti.

Piovani (Oscar per la musica de La vita è bella di Benigni) con profezia laica ha stabilito un ponte di idee, valori, umanità, civiltà fra la tragedia greca che ripudia vendette e celebra nascita di diritto, giustizia, dialogo e i tempi grami nel Paese, nei rapporti internazionali (aggressione di Putin all’Ucraina, ricatti su grano e gas), diritti traditi, inflazione. A Piovani l’idea era venuta più di 10 anni fa (le crisi han radici che ci ostiniamo a non vedere). S’era commosso a leggere Eschilo «in un momento in cui i valori fondanti della nostra Costituzione antifascista venivano messi in discussione da alcune correnti di pensiero reazionarie». Creatività e senso civico l’han convinto bisognasse “fare” (poesis vuol dire modellare, trasformare la realtà), rappresentare passaggi epocali così che il coro (il popolo, cittadini attivi, non i follower cari ai politici) prenda coscienza e cambi. I propositi: «Non più la violenza per dirimere questioni, ma il dialogo. Non più la spada per vincere, ma il pensiero per convincere. Non più il campo di battaglia, ma il tribunale dell’Areopago. Non più il sangue ma la parola».

Rimettiamo la parola al centro; gli inizi di campagna elettorale inquietano: promesse senza coperture; pregiudizi (verso i migranti), formule (agenda Draghi); ideologie bollate dalla storia. Con Piovani reagiamo al «cinismo anche nostro, non solo degli altri, che ci impedisce di guardare la vita con gli occhi di Eschilo, dei poeti». La cantata chiude così: «Osanna a te, Zeus, / guidaci sulla strada / di giustizia e libertà…/ la luce della mente / vince sull’oscurità della vendetta. / E la strada della pace / sarà illuminata». La parola è vita, è spirito costituente!

  • Marco Garzonio

    Giornalista e psicoanalista, ha seguito Martini per il Corriere della Sera, di cui è editorialista, lavoro culminato ne Il profeta (2012) e in Vedete, sono uno di voi (2017), film sul Cardinale di cui firma con Olmi soggetto e sceneggiatura. Ha scritto Le donne, Gesù, il cambiamento. Contributo della psicoanalisi alla lettura dei vangeli (2005). In Beato è chi non si arrende (2020) ha reso poeticamente la capacità dell’uomo di rialzarsi dopo ogni caduta. Ultimo libro: La città che sale. Past president del CIPA, presiede la Fondazione culturale Ambrosianeum.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di martedì 07/02/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 02/07/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di martedì 07/02/2023 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 02/07/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di martedì 07/02/2023

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 02/07/2023

  • PlayStop

    Esteri di martedì 07/02/2023

    Oggi in Esteri un’ampia pagina sul terremoto in Turchia e Siria ( Poalo Ferrara Tdh e Filipp Ciucciu- Ansa da…

    Esteri - 02/07/2023

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di martedì 07/02/2023

    (92 - 283) Dove si scopre che la sinistra deve ripartire dalla Mussolini. Per la rubrica di chi sposta le…

    Muoviti muoviti - 02/07/2023

  • PlayStop

    Di tutto un boh di martedì 07/02/2023

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 02/07/2023

  • PlayStop

    Saluti da Sanremo. La cartolina di Vittorio Cosma - 1

    Vittorio Cosma ci racconta come ci si prepara a dirigere l'orchestra della Kermesse più famosa d'Italia

    Clip - 02/07/2023

  • PlayStop

    The Weekly Report di martedì 07/02/2023

    Il grammy a Bonnie Raitt per la miglior canzone è di sicuro la notizia più assurda di questa settimana di…

    The Weekly Report - 02/07/2023

  • PlayStop

    Jack di martedì 07/02/2023

    Primo appuntamento con "Saluti da Sanremo", la cartolina quotidiana dalla Kermesse Nazionale. Quest'anno a raccontarci tutto c'è Vittorio Cosma, dall'alto…

    Jack - 02/07/2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di martedì 07/02/2023

    Oggi con Nicolò Calandri, fondatore di 3bee parliamo del Festival di Sanremo, di api, di impollinatori, di Fantasanremo, di Isola…

    Considera l’armadillo - 02/07/2023

  • PlayStop

    Poveri ma belli di martedì 07/02/2023

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 02/07/2023

  • PlayStop

    Cult di martedì 07/02/2023

    Oggi a Cult: Arturo Cirillo racconta il suo "Cyrano de Bergerac" ispirato alla versione musicale di Domenico Modugno all'Elfo Puccini;…

    Cult - 02/07/2023

  • PlayStop

    Pubblica di martedì 07/02/2023

    A chi conviene un’Italia fatta di tante piccole "repubbliche"? Com’è possibile che un progetto come quello dell’autonomia regionale - pensato…

    Pubblica - 02/07/2023

  • PlayStop

    Tutto scorre di martedì 07/02/2023

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 02/07/2023

  • PlayStop

    ANGELA MAURO - EUROPA SOVRANA. LA RIVINCITA DEI NAZIONALISMI

    ANGELA MAURO - EUROPA SOVRANA. LA RIVINCITA DEI NAZIONALISMI - presentato da Lorenza Ghidini

    Note dell’autore - 02/07/2023

  • PlayStop

    Prisma di martedì 07/02/2023

    Notizie, voci e storie nel mattino di Radio Popolare, da lunedì a giovedì dalle 8.30 alle 10.00, il venerdì dalle…

    Prisma - 02/07/2023

  • PlayStop

    Il demone del tardi di martedì 07/02/2023

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 02/07/2023

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di martedì 07/02/2023

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni…

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 02/07/2023

Adesso in diretta