L'Ambrosiano

Il Natale di Erode

È Natale ma di Erode, non di Gesù. All’aggressione di Putin a Kiev s’è aggiunta la guerra Israele-Palestina. Ai bambini uccisi o feriti da missili russi in 18 mesi (quasi 1700) o tolti alle famiglie (20mila) son da aggiungere i decapitati dai boia di Hamas nei kibbutz (40), i sepolti a Gaza dalle bombe di Netanyahu (6mila), le vittime di esercito e coloni in Cisgiordania (41). Natale di guerra alle porte d’un’Europa affetta da cupio dissolvi (si pensa a come vincere le elezioni, non per cosa: non politica e intese per pace, giustizia, bambini, futuro). Strage degli Innocenti, dunque, e anche Natale di guerra sporca, cattiva, contro civiltà, umanità, cultura dei governi che impediscono a ong di soccorrere migranti lasciandoli di fatto morire o restituendoli ai libici torturatori; si prendon iniziative di dubbia costituzionalità e di barbarie per deportare i colpevoli di non essere annegati coi bambini e il sogno d’Europa. Il pudore è poco: sui bambini a Natale c’è pure guerra di propaganda cinica per una demografia bianca controllata. FdI chiama Elon Musk a invocare il “fate figli”, ma tace che il miliardario figli li ha fatti anche con la maternità surrogata che Giorgia Meloni, donna, madre, cristiana vuol reato universale; il neo idolo di destra poi può di mantenerli, non come milioni di italiani in soglia di povertà, affitti alle stelle, sanità al collasso, senza nidi (soprattutto al Sud). «Ho tanta / stanchezza / sulle spalle / Lasciatemi così / come una / cosa / posata / in un / angolo / e dimenticata» scrisse nel 1916 Ungaretti in licenza dalle trincee del Carso. Siamo provati, abbiam tanta stanchezza sulle spalle; oltre alla nostra portiamo quella che infligge al Paese l’irresponsabilità di chi lavora contro Mattarella (e tiene Mussolini in salotto), insegue l’Europa di Orban, Le Pen, neonazisti, ignora i sindacati, occupa la Rai, irride i poveri. Ma dopo 100 anni d’inutili stragi siamo ancora con la schiena abbastanza dritta da non darla vinta a Erode. Già 2000 anni fa un neonato è sfuggito alla strage. Il 25 si aspetta che quel Bambino torni a Betlemme (i Servizi hanno avvertito Bibi e coloni?), il macellaio Erode sia di nuovo beffato, la Sacra Famiglia dell’Umanità rientri dall’Egitto su un asino in pace! Fino a quando?

  • Marco Garzonio

    Giornalista e psicoanalista, ha seguito Martini per il Corriere della Sera, di cui è editorialista, lavoro culminato ne Il profeta (2012) e in Vedete, sono uno di voi (2017), film sul Cardinale di cui firma con Olmi soggetto e sceneggiatura. Ha scritto Le donne, Gesù, il cambiamento. Contributo della psicoanalisi alla lettura dei vangeli (2005). In Beato è chi non si arrende (2020) ha reso poeticamente la capacità dell’uomo di rialzarsi dopo ogni caduta. Ultimo libro: La città che sale. Past president del CIPA, presiede la Fondazione culturale Ambrosianeum.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR venerdì 19/07 09:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 19-07-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di venerdì 19/07/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 19-07-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 18/07/2024 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 18-07-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Giorni migliori di venerdì 19/07/2024

    Ogni mattina il racconto di quel che propone l’informazione, i fatti e gli avvenimenti in presa diretta con i nostri inviati, i commenti e gli approfondimenti di esperte, studiosi, commentatrici e personaggi del mondo della politica. Dal lunedì al venerdì dalle 7.45 alle 10. Una trasmissione di Massimo Alberti e Claudio Jampaglia; senza mai rinunciare alla speranza del domani.

    Giorni Migliori – Intro - 19-07-2024

  • PlayStop

    Apertura Musicale di venerdì 19/07/2024

    A cura di Barbara Sorrentini. Abbiamo letto alcuni stralci del discorso di Trump nella folle notte di Milwaukee. 19/7/1992: la strage di Via D'Amelio. La principessa di Dubai che ripudia il marito infedele. "Lella" tra cover e interpretazioni. Il libro di Daniel De Visé "The Blues Brothers"

    Apertura musicale - 19-07-2024

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 19/07/2024

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 18-07-2024

  • PlayStop

    IconZ di giovedì 18/07/2024

    La cultura pop dell'ultima generazione ad aver passato la maggiore età, dall'ascolto al racconto. Un'atmosfera leggera e autoironica per scoprire, dalle voci di due che nel nuovo millennio ci sono nati, cosa ci sia di generazionale e cosa invece sta diventando storia. Una trasmissione che per i “centennials” sarà un'opportunità per ritrovarsi, mentre per tutti gli altri sarà una porta d'accesso. Il giovedì dalle 23 a mezzanotte, a cura di Luca Santoro e Alessandro Simonetta.

    IconZ - 18-07-2024

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 18/07/2024

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 18-07-2024

  • PlayStop

    Conduzione musicale di giovedì 18/07/2024 delle 20:32

    Un viaggio musicale sempre diverso insieme ai nostri tanti bravissimi deejay: nei giorni festivi, qua e là, ogni volta che serve!

    Conduzione musicale - 18-07-2024

  • PlayStop

    Popsera di giovedì 18/07/2024

    Popsera è lo spazio che dedicheremo all’informazione dalla prima serata per tutta l’estate e nel periodo festivo di fine anno. Si comincia alle 18.00 con le notizie nazionali e internazionali, per poi dare la linea alle 19.30 al giornale radio. Popsera riprende con il Microfono aperto, per concludersi alle 20.30. Ogni settimana in onda un giornalista della nostra redazione.

    Popsera - 18-07-2024

  • PlayStop

    Poveri ma in ferie di giovedì 18/07/2024

    Quando si torna negli anni ‘80, durante l’infanzia mentre sul divano si guardava Bim Bum Bam, con le sigle dei cartoni animati. Senza Cristina D’Avena mi raccomando altrimenti Al1 si infuria. Altro giorno e altro contest per gli ascoltatori con una Sarabanda firmata Poveri ma in Ferie.

    Poveri ma belli - 18-07-2024

  • PlayStop

    Parla con lei di giovedì 18/07/2024

    L'ospite della puntata di oggi è Alessandra Esposito, architetta e urbanista. Napoletana, viaggiamo nella sua città aggredita dalla turistificazione anche attraverso la musica , che di volta in volta parla di identità che non esiste, combatte dolore ed emarginazione, va oltre il confine dei generi, produce distrazione e disimpegno, esorcizza i mali. - PARLA CON LEI: a tu per tu e in profondità con donne la cui esperienza professionale e personale offre uno sguardo sul mondo. Con Serena Tarabini.

    Parla con lei - 18-07-2024

Adesso in diretta