Mia cara Olympe

Greta Beccaglia, il molestatore e la gogna mediatica: c’è una terza via?

Se si torna qui a parlare della pesante molestia subita in diretta tv dalla giornalista Greta Beccaglia mentre stava lavorando fuori dallo stadio di Empoli non è per dire ciò che già tante volte, ed anche questa, si è detto, cioè che dietro quella pacca sul sedere c’è un’antichissima autorizzazione maschile a considerare a  propria disposizione il corpo  femminile, ma per  ragionare sul pericolo da alcuni ora evocato, ovvero che ad un gesto assai esecrabile consegua una sproporzionata gogna social ai danni dell’autore.

È vero? È così? Ce ne dobbiamo preoccupare? E quanto? È invece la giusta, meritata conseguenza di un atto, la molestia, considerato normale o tutt’al più veniale e che oggi, e finalmente, una mutata sensibilità collettiva vede per quel che è e dunque condanna?
La cronaca racconta che il molestatore, Andrea Serrani, ora indagato per violenza sessuale, si è trasferito in una località segreta da dove ha espresso timori per la sua piccola figlia, dicendo, dopo essersi scusato, di non meritare la gogna mediatica che si è scatenata contro di lui. In rete e sui media il dibattito è aperto e assai vivace. Natalia Aspesi, su Repubblica, per esempio sostiene: “…voglio fare una differenza tra offesa e crimine, una mano sul sedere esige delle scuse ma non merita l’ergastolo, anche perché penso che nel tempo del fattaccio tre persone morivano sul lavoro. Tutti ad occuparsi di quel sedere, nessuno di quei tre morti”. Sulla sua bacheca fb, in un interessante scambio a molte voci, la psicoanalista Costanza Jesurum ha tenuto una diversa posizione: si tratta di un risultato positivo, ovvero di un cambiamento culturale, ottenuto attraverso un processo negativo ma sostanzialmente inevitabile, ovvero la gogna mediatica.

Si può dare un’altra via? Si può, nel discorso pubblico e più ancora sui social, non usare immediatamente il meccanismo dell’indignazione che invoca punizione a più non posso? Si può difendere uno spazio di confronto capace di separare il gesto da chi lo compie, di analizzarne le radici culturali e i contesti, senza minimizzare o derubricare o evocare fatti altri o più gravi – e stavolta no, Natalia, non siamo d’accordo. E si può ragionare, per converso, mettendo da parte la sanzione che troverà un altro luogo, ovvero quello di un giusto processo? Utopia, si dirà, soprattutto in tempi pesantemente inquinati dal populismo penale: il meccanismo social è questo, tutti concorrono, nessuno lo governa e i suoi esiti di stigma possono essere, sono, molto pesanti sulle vite. Può darsi, e a maggior ragione tenere fermo il punto della critica senza sconti ma senza anatemi e senza confondere i piani non mi sembra manifestazione di ‘buonismo’ nei confronti del molestatore di turno, ma l’importante difesa di un nostro collettivo discutere negli spazi social e non. Anche se, e sappiamo anche questo, sono le opinioni estreme ad essere premiate, e non solo dall’algoritmo.

 

  • Assunta Sarlo

    Calabromilanese, femminista, da decenni giornalista, scrivo e faccio giornali (finché ci sono). In curriculum Ansa, il manifesto, Diario, il mensile E, oggi Prima Comunicazione, Io Donna e il magazine culturale cultweek.com. Un paio di libri: ‘Dove batte il cuore delle donne? Voto e partecipazione politica in Italia’ con Francesca Zajczyk, e ‘Ciao amore ciao. Storie di ragazzi con la valigia e di genitori a distanza’. Di questioni di genere mi occupo per lavoro e per attivismo. Sono grata e affezionata a molte donne, Olympe de Gouges cui è dedicato questo blog è una di loro.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sabato 01/10/2022

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 10/01/2022

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di venerdì 30/09/2022 delle 19:48

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 02/10/2022

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    News della notte di sabato 01/10/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 10/01/2022

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 01/10/2022

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro

    AfroRaffa - 10/01/2022

  • PlayStop

    Stay human di sabato 01/10/2022

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 10/01/2022

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 01/10/2022

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 10/01/2022

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 01/10/2022

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 10/01/2022

  • PlayStop

    Chassis di sabato 01/10/2022

    Dal 2002 va in onda Chassis-Il contenitore di pellicole di Radio Popolare. Un programma pensato per informare ed evocare con…

    Chassis - 10/01/2022

  • PlayStop

    Good Times di sabato 01/10/2022

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 10/01/2022

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 01/10/2022

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 10/01/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 01/10/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 10/01/2022

  • PlayStop

    Itaca di sabato 01/10/2022

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 10/01/2022

  • PlayStop

    News della notte di venerdì 30/09/2022

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 02/10/2022

  • PlayStop

    Psicoradio di venerdì 30/09/2022

    Psicoradio, la radio della mente Nasce nel 2006, frutto della collaborazione tra il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda Usl di…

    Psicoradio - 02/10/2022

  • PlayStop

    Sui Generis di venerdì 30/09/2022

    Una trasmissione che parla di donne e altre stranezze. Attualità, cultura, approfondimenti. Tutte le domeniche dalle 15.35 alle 16.30. A…

    Sui Generis - 02/10/2022

  • PlayStop

    Camere Oscure di venerdì 30/09/2022

    Camere Oscure è la trasmissione che Radio Popolare dedica alla campagna elettorale. Da lunedì 12 a venerdi' 24 settembre, tutti…

    Camere Oscure - 02/10/2022

  • PlayStop

    Esteri di venerdì 30/09/2022

    Il giro del mondo in 24 ore. Ideato da Chawki Senouci Data di nascita: 6 ottobre 2003 (magazine domenicale di…

    Esteri - 02/10/2022

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di venerdì 30/09/2022

    (14 - 205) Dove si cerca di capire dove sia finito "virtualmente" Luigi Di Maio visto che si è cancellato…

    Muoviti muoviti - 02/10/2022

  • PlayStop

    Di tutto un boh di venerdì 30/09/2022

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 02/10/2022

  • PlayStop

    Jack Box di venerdì 30/09/2022

    Jack Box è lo scatolone musicale di Jack del venerdi, dal quale estraiamo i suoni che hanno caratterizzato la settimana,…

    Jack Box - 02/10/2022

Adesso in diretta