Mia cara Olympe

Gli appunti di Giorgia e il momento sbagliato

Ci sono gesti comunicativi che, a dispetto della loro sbarazzina e informale apparenza, nascono per così dire già stonati e fuori fase. Gli appunti di Giorgia –  rubrica social, che la premier promette settimanale, dei quadernini sui quali tutto scrive, tutto annota e soprattutto niente nasconde – mi sembra siano un esempio che la scelta del giusto tempo è, nella comunicazione politica, decisiva per il suo risultato.

Dovrebbero, gli appunti di Giorgia, essere un ulteriore tassello di quella immagine da leader minuziosamente e infaticabilmente perseguita da anni da Meloni tra autobiografie, social e stampa amica: l’immagine di Giorgia – lei che non si ferma davanti a nessun ostacolo, non ha paura di niente, che afferma le proprie idee ma al contempo resta proprio come tutti e pure come tutte. E gli appunti cosa dovrebbero aggiungere? Che nella biografia di una che si è fatta da sé, che conosciamo ormai a memoria, c’è posto anche per l’agenda con le letterine del proprio nome un po’ infantile – in fondo chi di noi  non lo è almeno un pochino ? –  ma c’è applicazione, impegno a ricordarsi tutto (non lo facciamo anche noi alle prese con ben minori incombenze?) un filo di secchioneria e tanta, tantissima ‘trasparenza’, Nessun problema a rispondere su nulla, il  suo lapsus mentre voleva dire ovviamente il contrario.

Giorgia a capo del governo ma anche Giorgia ieri, oggi e sempre proprio come noi (e la nostra agenda). E  trasparente come l’acqua, senza nulla da nascondere, anzi con il suo lavoro da mettere, settimana dopo settimana, a disposizione di tutti, senza mediazione alcuna. Sicuri sia questo il tempo e la fase adatti a questo messaggio? Mentre il Censis ci dipinge ripiegati e impauriti tra Covid, guerra, inflazione e crisi energetica, disillusi, stufi del populismo e sempre meno disposti a seguire gli influencer di turno, mentre ogni giorno porta al governo dieci grane – e tocca rimettere mano al provvedimento antirave fatto con i piedi, vedersela con le critiche sulla manovra che vanno da Bankitalia ai sindacati, tenere a bada le pensate di Salvini eccetera eccetera.

L’orgogliosa singolarità dell’Io sono Giorgia poteva funzionare, ha funzionato come messaggio quando era unica opposizione nel paese. Poteva funzionare rivendicare una autoattribuita diversità rispetto al resto del ceto politico e insieme sottolineare il proprio essere underdog, una come tante e tanti. Fino al momento dell’insediamento però. Ora c’è la realtà a fare da inciampo, le scelte da fare, le critiche cui replicare, i mille problemi da risolvere, una postura più autorevole da assumere. E se proprio si vuole insistere con il leaderismo servirebbe allora una supereroina (tradotto per chi crede ancora alla politica, un governo all’altezza delle domande e dei guai da affrontare) e non certo una Giorgia come noi che spunta la to do list sull’agenda e che ci appare colpita dal boomerang della puerilità.

 

  • Assunta Sarlo

    Calabromilanese, femminista, da decenni giornalista, scrivo e faccio giornali (finché ci sono). In curriculum Ansa, il manifesto, Diario, il mensile E, Prima Comunicazione, Io Donna e il magazine culturale cultweek.com. Un paio di libri: ‘Dove batte il cuore delle donne? Voto e partecipazione politica in Italia’ con Francesca Zajczyk, e ‘Ciao amore ciao. Storie di ragazzi con la valigia e di genitori a distanza’. Di questioni di genere mi occupo per lavoro e per attivismo. Sono grata e affezionata a molte donne, Olympe de Gouges cui è dedicato questo blog è una di loro.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di domenica 29/01/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 29/01/2023

Ultimo Metroregione

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    C'è di buono di domenica 29/01/2023

    La cucina, la gastronomia, quello che mangiamo…hanno un ruolo fondamentale nella vita di tutti noi. Il cibo che scegliamo ci…

    C’è di buono - 29/01/2023

  • PlayStop

    Onde Road di domenica 29/01/2023

    Autostrade e mulattiere. Autostoppisti e trakker. Dogane e confini in via di dissoluzione. Ponti e cimiteri. Periferie urbane e downtown…

    Onde Road - 29/01/2023

  • PlayStop

    La domenica dei libri di domenica 29/01/2023

    La domenica dei libri è la trasmissione di libri e cultura di Radio Popolare. Ogni settimana, interviste agli autori, approfondimenti,…

    La domenica dei libri - 29/01/2023

  • PlayStop

    Va pensiero di domenica 29/01/2023

    Viaggio a bocce ferme nel tema politico della settimana.

    Va Pensiero - 29/01/2023

  • PlayStop

    Apertura musicale classica di domenica 29/01/2023

    La musica classica e le sue riverberazioni con Carlo Lanfossi per augurare un buon risveglio a “tutte le mattine del…

    Apertura musicale classica - 29/01/2023

  • PlayStop

    Slide Pistons – Jam Session di sabato 28/01/2023

    La nuova frizzante trasmissione di Luciano Macchia e Raffaele Kohler. Tutti i sabati su Radio Popolare dalle 23.45. In onda…

    Slide Pistons – Jam Session - 29/01/2023

  • PlayStop

    Snippet di sabato 28/01/2023

    Un viaggio musicale, a cura di missinred, attraverso remix, campioni, sample, cover, edit, mash up. Sabato dalle 22:45 alle 23.45…

    Snippet - 29/01/2023

  • PlayStop

    News della notte di sabato 28/01/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 29/01/2023

  • PlayStop

    AfroRaffa di sabato 28/01/2023

    Il settimanale di musiche dal continente africano. Presentazione di Skepticafro twitter: @SkepticAfro

    AfroRaffa - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il sabato del villaggio di sabato 28/01/2023

    Il sabato del villaggio... una trasmissione totalmente improvvisata ed emozionale. Musica a 360°, viva, legata e slegata dagli accadimenti. Come…

    Il sabato del villaggio - 29/01/2023

  • PlayStop

    Senti un po’ di sabato 28/01/2023

    Senti un po’ è un programma della redazione musicale di Radio Popolare, curata e condotta da Niccolò Vecchia, che da…

    Senti un po’ - 29/01/2023

  • PlayStop

    Stay human di sabato 28/01/2023

    Ogni sabato dalle 16.30 alle 17.30, musica e parole che ci tirano su il morale in compagnia di Claudio Agostoni…

    Stay human - 29/01/2023

  • PlayStop

    Jailhouse Rock di sabato 28/01/2023

    Suoni, suonatori e suonati dal mondo delle prigioni Jailhouse Rock è una trasmissione radiofonica in onda su Radio Popolare e…

    Jailhouse Rock - 29/01/2023

  • PlayStop

    Ollearo.con di sabato 28/01/2023

    Un faro nel weekend per orientare la community di RP. Il collante a tenuta super che tiene insieme gli elementi…

    Ollearo.con - 29/01/2023

  • PlayStop

    DOC – Tratti da una storia vera di sabato 28/01/2023

    I documentari e le docu-serie sono diventati argomento di discussione online e offline: sesso, yoga, guru, crimine, storie di ordinaria…

    DOC – Tratti da una storia vera - 29/01/2023

  • PlayStop

    Chassis di sabato 28/01/2023

    Con le interviste a Alessio Cremonini sul film “Profeti”, Paolo Genovese su “Il primo giorno della mia vita” e Il…

    Chassis - 28/01/2023

  • PlayStop

    I girasoli di sabato 28/01/2023

    La trasmissione è un appuntamento con l’arte e la fotografia e con le ascoltatrici e gli ascoltatori che vogliono avere…

    I girasoli - 29/01/2023

  • PlayStop

    Good Times di sabato 28/01/2023

    Good Times è il trampolino per tuffarsi in bello stile nel weekend. Visioni, letture, palchi, percorsi, incontri, esperienze, attività. Gli…

    Good Times - 29/01/2023

  • PlayStop

    Piovono radio di sabato 28/01/2023

    Il direttore di Radio Popolare Sandro Gilioli a confronto con ascoltatori e ascoltatrici.

    Piovono radio - 29/01/2023

  • PlayStop

    Itaca di sabato 28/01/2023

    Itaca, viaggio nel presente. I giornali, l’attualità, il colloquio con chi ci ascolta. Ogni sabato dalle 8.45 alle 10.30.

    Itaca - 29/01/2023

  • PlayStop

    Il convoglio

    IL CONVOGLIO è un audio racconto dedicato al Giorno della Memoria di Claudio Jampaglia ed Elisabetta Ruffini, montato e sonorizzato…

    Clip - 29/01/2023

Adesso in diretta