Mia cara Olympe

Di stereotipi, metafore e ingressi per le femmine

Il mio liceo,  ricostruito dopo il devastante terremoto del 1908 negli anni 30 del secolo scorso  in solide fattezze e intitolato a Tommaso Campanella, aveva un ingresso ‘per le femmine’.  I maschi entravano dalla parte opposta, e sempre all’ultimo minuto perché la vita prima della campanella si svolgeva tutta e ovviamente dal lato delle ragazze. Anacronistico, fuori tempo massimo – era già la metà degli anni ’70 e si sentivano anche nella città in fondo allo stivale –  l’ingresso delle femmine era anche misura assai stupida: molte sezioni, anche se non tutte, erano miste, come lo erano già le scuole medie dalle quali approdavamo alle severe mura del liceo classico.
Non so per quanti anni dopo la mia maturità finì quell’assurda segregazione, ma mi è tornata in mente durate una conversazione con una bimba di 5 anni sul significato della parola stereotipo. Sua madre ha detto che lo stereotipo è una cosa non vera, ma che in molti pensano o pensavano in passato, per esempio che le femmine non possono fare le stesse cose dei maschi, o che ci siano cose, come i colori o i giochi, da maschi o da femmine. E suo padre ha aggiunto: ‘La mamma ed io facciamo lo stesso lavoro e tutti e due ci occupiamo di te e di tuo fratello’. E lei, con la logica stringente dei piccoli, ci ha guardato e ha chiesto: ‘E perché prima non era così?’
Appunto. Perché, si potrebbe dire alla piccola A., c’erano cose da femmine e ingressi delle femmine. E noi, che pure combattive eravamo, a quella imposizione ridicola non ci siamo ribellate, mentre per fortuna – e glielo abbiamo raccontato – ad altre sì. Ma ciò che non le abbiamo raccontato è che quell’ingresso delle femmine, nella città in cui vive, nella regione in cui vive, nel sud del paese di cui è piccola cittadina, è anche una metafora. Che è la porta di un sentiero più stretto, che ha confinato molte delle ragazze che ci sono passate – in quelle e in altre scuole, prima e dopo – nel non lavoro, e non per scelta. Più diseguali fra diseguali, più svantaggiate tra gli svantaggiati, le donne del sud. Non solo ‘prima’, piccola A., ma  anche oggi e ancora di più per effetto della pandemia. Certifica la Svimez in un  suo rapporto di pochi giorni fa: ‘Il calo dell’occupazione è piuttosto omogeneo tra Mezzogiorno (-2%) e Centro-Nord (-1,9%). Ma sono le donne e i giovani del Sud a subire l’impatto occupazionale maggiore nella crisi pandemica: -3% a fronte del -2,4% del Centro-Nord per le donne; -6,9% al Sud a fronte del -4,4% del Centro-Nord per i giovani under 35’.  Svimez parla di ‘effetti territoriali asimmetrici’  della pandemia e dice in sostanza che le crisi si sono sommate alle crisi e le debolezze alle debolezze, se è vero che ‘tra il  2008 ed il 2020 flette l’occupazione in tutte le regioni del Mezzogiorno con picchi elevati in Calabria (-10,4%) e Sicilia (-8.9%)’. Non  abbiamo avuto cuore di raccontarlo  alla piccola A.: c’è un tempo per gli stereotipi e uno per le metafore.

 

  • Assunta Sarlo

    Calabromilanese, femminista, da decenni giornalista, scrivo e faccio giornali (finché ci sono). In curriculum Ansa, il manifesto, Diario, il mensile E, Prima Comunicazione, Io Donna e il magazine culturale cultweek.com. Un paio di libri: ‘Dove batte il cuore delle donne? Voto e partecipazione politica in Italia’ con Francesca Zajczyk, e ‘Ciao amore ciao. Storie di ragazzi con la valigia e di genitori a distanza’. Di questioni di genere mi occupo per lavoro e per attivismo. Sono grata e affezionata a molte donne, Olympe de Gouges cui è dedicato questo blog è una di loro.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

  • PlayStop

    GR giovedì 22/02 12:30

    Le notizie. I protagonisti. Le opinioni. Le analisi. Tutto questo nelle 16 edizioni quotidiane del Gr. Un appuntamento con la redazione che vi accompagna per tutta la giornata. Annunciati dalla “storica” sigla, i nostri conduttori vi racconteranno tutto quello che fa notizia, insieme alla redazione, ai corrispondenti, agli ospiti. La finestra di Radio Popolare che si apre sul mondo, a cominciare dalle 6.30 del mattino. Da non perdere per essere sempre informati.

    Giornale Radio - 22-02-2024

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 22/02/2024

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra in profondità, scova notizie curiose, evidenzia punti di vista differenti e scopre strane analogie tra giornali che dovrebbero pensarla diversamente.

    Rassegna stampa - 22-02-2024

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 22/02/2024 delle 7:16

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione ai fatti che riguardano la politica locale, le lotte sindacali e le questioni che riguardano i nuovi cittadini. Da Milano agli altri capoluoghi di provincia lombardi, senza dimenticare i comuni più piccoli, da dove possono arrivare storie esemplificative dei cambiamenti della nostra società.

    Metroregione - 22-02-2024

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Cult di giovedì 22/02/2024

    Oggi a Cult: Maria Alterno, cofondatrice del progetto artistico Madalena Reversa, parla di "Salomè" in scena al FOG Festival di Triennale Teatro; Michele Mellara commenta il suo esordio letterario "Sociopatici in cerca d'affetto" (Bollati Boringhieri); il giornalista Ugo Poletti introduce "Elegia per la pace" alla Camera dei Deputati con l'Orchestra di Odessa; Eliana Rotella firma "88 Frequenze", regia di Giulia Sangiorgio, in scena al Pacta di Milano; la ribrica di lirica di Giovanni Chiodi...

    Cult - 22-02-2024

  • PlayStop

    La "guerra" alle ONG del mare, un bilancio un anno dopo Cutro.

    L'intervista di Loreza Ghidini a Duccio Facchini, direttore di Altreconomia

    Clip - 22-02-2024

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 22/02/2024

    Se c’è un’eredità che Silvio Berlusconi ha lasciato e che i suoi successori (dai familiari al governo Meloni) hanno fatto propria è quella di una certa idea della giustizia. Non parliamo di principi fondamentali, quanto di un’idea di amministrazione della giustizia: processi, procedure, configurazione di reati, loro perseguibilità. Quella berlusconiana è stata un’idea di giustizia che – ad esempio – ha indebolito l’indipendenza della magistratura stabilita nella Costituzione. Oppure ha puntato a ridurre la perseguibilità dei cosiddetti “crimini dei potenti”, i reati economici così come quelli contro la pubblica amministrazione. Oggi ci troviamo a metà dell’iter della cosiddetta “riforma della giustizia” che porta il nome del ministro Nordio e che si ispira alla corrente di pensiero berlusconista. La “riforma” è stata approvata dal Senato nelle settimane scorse, ora è in discussione alla Camera. Che cosa prevede? Quanto “berlusconismo” può tollerare ancora la giustizia in Italia, senza abdicare ai principi costituzionali? A Pubblica il giudice del Tribunale di Roma, Alfonso Sabella.

    Pubblica - 22-02-2024

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 22/02/2024

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 22-02-2024

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 22/02/2024

    TERZO MANDATO PER I PRESIDENTI DI REGIONE, LA MAGGIORANZA SI SPACCA con Daniela Preziosi giornalista di Domani - INCHIESTA SUI LAVORI PER IL PONTE DI MESSINA parla Angelo Bonelli portavoce dei Verdi, che ha presentato l’esposto in Procura - GUERRA A GAZA, AGGIORNAMENTI, ANALISI E COMMENTI con Chiara Cruciati responsabile esteri del manifesto, Andrea Iacomini portavoce italiano Unicef e Eric Salerno giornalista e scrittore - LA GUERRA ALLE ONG DEL MARE, UN BILANCIO UN ANNO DOPO CUTRO un'inchiesta di Altreconomia raccontata dal direttore Duccio Facchini. In studio Lorenza Ghidini, in redazione Massimo Alberti

    Prisma - 22-02-2024

  • PlayStop

    DAVID TRUEBA - CARI BAMBINI

    DAVID TRUEBA - CARI BAMBINI - presentato da Ira Rubini

    Note dell’autore - 22-02-2024

  • PlayStop

    Rassegna stampa internazionale di giovedì 22/02/2024

    Notizie, opinioni, punti di vista tratti da un'ampia gamma di fonti - stampa cartacea, social media, Rete, radio e televisioni - per informarvi sui principali avvenimenti internazionali e su tutto quanto resta fuori dagli spazi informativi più consueti. Particolare attenzione ai temi delle libertà e dei diritti.

    Esteri – La rassegna stampa internazionale - 22-02-2024

  • PlayStop

    Non vedo l'ora di giovedì 22/02/2024

    Non Vedo l'Ora, ma nonostante questo iniziamo con calma! Poi appena riprendiamo conoscenza, dopo un caffè, due chiacchiere e della buona musica, vi racconto le cose per cui NON VEDO L'ORA di stare ogni giorno con voi!!

    Non vedo l’ora - 22-02-2024

  • PlayStop

    0091 - Puntata 31 - 22/02/2024

    Puntata dedicata al nordest dell’India. Tracklist: Ya Ali - Zubeen Garg; Dumplings for the sad - Temsu Clover; Taothaminari Singnang Oina Khutsamnaduna - Noong-Paan; Heirangkhoi - Siyom; Evil Favours - Lo! Peninsula; Luv U Ma - Jelo; Set Me Free - Soulmate; Reasons - Reble x Dappest x Manly x Plato, Prod. by D'Mon; No Doma Lo - Taba Chake; Teisa Uphilwi - Koloma

    0091 - 21-02-2024

  • PlayStop

    Jazz Ahead di mercoledì 21/02/2024

    Jazz Ahead 239 1. Sixty Four Seasons, C'mon Tigre, Habitat, Intersuoni, 2023 2. Carry Me, Muito Kaballa, Like a River, Batov Records, 2023 3. Arie di Pioggia, Evita Polidoro, Nerovivo, Tuk Records, 2024 4. Razzle-Dazzle, Rosa Brunello, Razzle Dazzle, Domanda Records, 2024 5. Respiro, McCorman, A Page Is Turned | A Mountain Collapses | A Guy Leaves, Kohlhaas, 2023 6. Celestial Coordinates, Tommaso Cappellato, Expolare, Explorare, 2023 7. J. Alfred, Doortri, PFAS OFF, Zoar Records, 2023 8. Morire con la sabbia tra le dita, Matteo Paggi WORDS, WORDS, Aut Records, 2024 9. Ephemeral, LKSA, Ephemeral, Record Y, 2024 10. Swerve, James Brandon Lewis Quartet, Swerve, Intakt Recrods, 2024

    Jazz Ahead - 21-02-2024

Adesso in diretta