Mia cara Olympe

Catcalling? È di più. È peggio

È di più. Non è ‘soltanto’ un’offesa, un insulto, un’aggressione come in molte (e anche molti, finalmente!) hanno scritto in questi giorni. Parliamo del catcalling, quell’insieme di molestie di cui praticamente ogni donna sa di essere, in strada, potenziale bersaglio. E che spesso è ancora liquidato con l’alzata di spalla di chi minimizza o, invece, si preoccupa, poverino, di vedere limitata una  presunta libertà di corteggiamento…
Per carità, il dibattito non è certo nuovo: da anni se ne parla, in Francia ci hanno fatto una legge apposita, la rete è ormai piena di video di donne che mostrano cosa ti accade in una qualunque giornata ‘normale’ per strada, a te ‘normalissima’ ragazza o donna che la percorre per le proprie occupazioni quotidiane. Ad ogni latitudine, non crediate sia la geografia il problema.
A riaprire la conversazione, che per una volta ha mobilitato anche commentatori, è stata Aurora Ramazzotti in una storia su Instagram: ‘Se sei una persona che lo fa, sappi che fai schifo”, ha detto, e, non bastasse ciò che le accade per strada,  in rete, accanto al dibattito, è scorsa la solita marea di commenti sessisti e offensivi. Per la serie, anche il catcalling te lo devi ‘meritare’.

Da queste parti un ricordo e un commento. Il ricordo è quello di una giovane figlia che se ne andava alla scoperta della sua città su una bicicletta rossa e scompariva interi pomeriggi tornando deliziata da quartieri sconosciuti, cavalcavia di periferia e scorci urbani ed era bello vederla libera e allegra. Un giorno tornò a casa incazzata e disgustata: ferma a un incrocio arrivò a colpirla un commento volgare di uno che descrisse come viscido e impunito al tempo stesso. Che la guardava in faccia a pochi metri., mentre l’apostrofava. E la sua rabbia di ragazza era così evidente anche perché  capiva che quell’omuncolo era riuscita a impaurirla: nonostante la giornata di sole, la bicicletta rossa su cui pedalare veloce, le case e la gente intorno. Nonostante lei si sentisse forte e coraggiosa.
Ecco perché il catcalling è di più: è un avvertimento –  inconsapevole?  Il risultato non cambia – è un mandarti a dire che, alla fine e nonostante tutto, le strade non sono il tuo posto, che ne sei una precaria inquilina, che lo spazio pubblico è dei maschi, come per secoli è stato in esclusiva, e ciascuno lo usa, ancora, come meglio crede. (Non tutti certo, non mi fate ripetere cose per me ovvie, ma che mi sono costate qualche amicizia).
È una questione di potere o meglio dell’esercizio di un  micropotere: quello che fa sentire le donne per strada in una sorta di libertà vigile e vigilata, di giorno e, soprattutto, di notte. È quello, l’esercizio di potere, che vorrebbe farci, talvolta ci riesce, più caute e ansiose,  dunque meno libere. Però più incazzate, ed è un bene, Aurora, mia figlia e le altre.

 

 

 

 

  • Assunta Sarlo

    Calabromilanese, femminista, da decenni giornalista, scrivo e faccio giornali (finché ci sono). In curriculum Ansa, il manifesto, Diario, il mensile E, Prima Comunicazione, Io Donna e il magazine culturale cultweek.com. Un paio di libri: ‘Dove batte il cuore delle donne? Voto e partecipazione politica in Italia’ con Francesca Zajczyk, e ‘Ciao amore ciao. Storie di ragazzi con la valigia e di genitori a distanza’. Di questioni di genere mi occupo per lavoro e per attivismo. Sono grata e affezionata a molte donne, Olympe de Gouges cui è dedicato questo blog è una di loro.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di giovedì 30/03/2023

    La rassegna stampa di Popolare Network non si limita ad una carrellata sulle prime pagine dei principali quotidiani italiani: entra…

    Rassegna Stampa - 31/03/2023

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di giovedì 30/03/2023 delle 19:49

    Metroregione è il notiziario regionale di Radio Popolare. Racconta le notizie che arrivano dal territorio della Lombardia, con particolare attenzione…

    Rassegna Stampa - 31/03/2023

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Serve & Volley di venerdì 31/03/2023

    Musica e parole per chiudere in bellezza il palinsesto dei giovedì! Con Marco Sambinello e Niccolò Guffanti.

    Serve&Volley - 31/03/2023

  • PlayStop

    Labirinti Musicali di giovedì 30/03/2023

    Finita la quasi quarantennale militanza domenicale della “classica apertura”, la redazione musicale classica di Radio Popolare ha ideato un programma…

    Labirinti Musicali - 31/03/2023

  • PlayStop

    News della notte di giovedì 30/03/2023

    L’ultimo approfondimento dei temi d’attualità in chiusura di giornata

    News della notte - 31/03/2023

  • PlayStop

    Musiche dal mondo di giovedì 30/03/2023

    Musiche dal mondo è una trasmissione nel solco della lunga consuetudine di Radio Popolare con la world music – da…

    Musiche dal mondo - 31/03/2023

  • PlayStop

    Live Pop di giovedì 30/03/2023

    Dal 15 settembre, ogni giovedì alle 21, l’auditorium Demetrio Stratos di Radio Popolare torna ad ospitare concerti, presentazioni di libri,…

    Live Pop - 31/03/2023

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di giovedì 30/03/2023

    I fatti più importanti della giornata sottoposti al dibattito degli ascoltatori e delle ascoltatrici.

    Quel che resta del giorno - 31/03/2023

  • PlayStop

    Esteri di giovedì 30/03/2023

    1- Rientra in Brasile l'ex presidente Jair Bolsonaro dopo 89 giorni passati negli Stati uniti nei prossimi giorni il leader…

    Esteri - 31/03/2023

  • PlayStop

    Muoviti Muoviti di giovedì 30/03/2023

    (129 - 320) Dove scopriamo che i commercialisti hanno qualche problema con l’intelligenza artificiale. Probabilmente non riusciremo a rispettare gli…

    Muoviti muoviti - 31/03/2023

  • PlayStop

    Di tutto un boh di giovedì 30/03/2023

    l’Italia è una repubblica fondata sul sentito dire. Tra cliché e cose spiegate male, è un attimo perdersi un pezzo…

    Di tutto un boh - 31/03/2023

  • PlayStop

    Madeleines di giovedì 30/03/2023

    Un ricordo può arrivare inaspettato, portandosi dietro la nostalgia di un mondo. Basta un accordo, una canzone, un suono. In…

    Madeleines - 31/03/2023

  • PlayStop

    Jack di giovedì 30/03/2023

    Ospiti in studio "Le Capre a Sonagli" con il nuovo singolo Funeral Rave Party e l'invito al loro live all'Arci…

    Jack - 31/03/2023

  • PlayStop

    Considera l’armadillo di giovedì 30/03/2023

    Con Monica Pais, Veterinaria e scrittrice parliamo dei rottami della Clinica Veterinaria Duemari di Oristano, di Effetto Palla, di cani,…

    Considera l’armadillo - 31/03/2023

  • PlayStop

    Poveri ma belli di giovedì 30/03/2023

    Un percorso attraverso la stratificazione sociale italiana, un viaggio nell’ascensore sociale del Belpaese, spesso rotto da anni e in attesa…

    Poveri ma belli - 31/03/2023

  • PlayStop

    Cult di giovedì 30/03/2023

    Oggi a Cult: Patrizia Carrano firma "Tutto su Anna. La spettacolare vita della Magnani" (ed. Vallecchi); Felice Accame parla del…

    Cult - 31/03/2023

  • PlayStop

    Pubblica di giovedì 30/03/2023

    Pubblica, mezz’ora al giorno di incontri sull’attualità e le idee con Raffaele Liguori

    Pubblica - 31/03/2023

  • PlayStop

    Tutto scorre di giovedì 30/03/2023

    Sguardi, opinioni, vite, dialoghi ai microfoni di Radio Popolare.

    Tutto scorre - 31/03/2023

  • PlayStop

    Note dell’autore di giovedì 30/03/2023

    Un appuntamento quasi quotidiano, sintetico e significativo con un autore, al microfono delle voci di Radio Popolare. Note dell’autore è…

    Note dell’autore - 31/03/2023

  • PlayStop

    Prisma di giovedì 30/03/2023

    TRA CONDONO FISCALE PENALE E NUOVO CODICE DEGLI APPALTI. I REGALI DEL GOVERNO ALL'ILLEGALITA' Raffaele Cantone, ex presidente dell'autorità anticorruzione,…

    Prisma - 31/03/2023

  • PlayStop

    Il demone del tardi di giovedì 30/03/2023

    a cura di Gianmarco Bachi

    Il demone del tardi - 31/03/2023

Adesso in diretta