Bad Input

Al governo lo smart working non piace più

Ma come? Mesi a glorificare lo smart working, dicendo che fosse uno dei pochi “effetti positivi” della pandemia, e adesso si fa marcia indietro? Pare proprio di sì. Da Brunetta a Draghi, è partita la gara a stoppare quella che in molti considerano la forma di lavoro del futuro e che ha permesso a milioni di persone di continuare a lavorare anche durante i lockdown causati dal Covid-19.

Eppure buona parte di quelle milioni di persone sarebbero state ben felici di continuare sulla strada del lavoro “agile”, anche se quello sperimentato era in realtà un “remote working” che di “smart” aveva pochino. Le potenzialità di un vero passaggio all’autonomia nella gestione del luogo di lavoro, però, le hanno viste tutti. Flessibilità negli orari, più tempo libero grazie all’abbandono dei trasferimenti, un modo diverso di vivere la città.

Allora, qual è il problema di Draghi e Brunetta? Il solito: dalle parti del governo si sono accorti che lo smart working fa bene alle persone ma non fa bene al PIL. Perché chi lavora da casa non deve consumare benzina per raggiungere il posto di lavoro, non ha bisogno di pranzare al bar e magari comincia a fare la spesa nei negozi di quartiere al posto di passare 12 ore in un centro commerciale nel weekend.

Maggiore qualità della vita, ma un calo di PIL. E non importa che il fenomeno sia dovuto a un diverso rapporto con il territorio (la famosa città a 15 minuti?) o al fatto che molti si rendano conto all’improvviso che non serve avere un mezzo di trasporto privato per vivere bene.

L’unico parametro di riferimento preso in considerazione è il PIL. Quello che trasforma inquinamento, alienazione e disagio in un valore quantificabile sulle prime pagine dei giornali per raccontare di una “Italia che riparte”.

Tutto questo mentre Milano si appresta a ospitare le manifestazioni di Fridays for Future, dove verrà urlata la (ennesima) ultima chiamata per un cambio di rotta sempre più necessario.

  • Marco Schiaffino

    Dopo una (breve) esperienza come avvocato, nel lontano 2000 mi sono trovato quasi per caso a scrivere di Internet e nuove tecnologie, quando il Web e il digitale erano una specie di hobby per smanettoni e appassionati di fantascienza. Mentre continuavo a scrivere per la mia banda di nerd, mi dannavo per trovare il modo di passare a quello che pensavo fosse un giornalismo “più serio”. Qualche volta ce l’ho anche fatta. Poi è successa una cosa strana: quello di cui mi occupavo da anni, ha cominciato a interessare tutti. Ho smesso di dannarmi.

ALTRO DAL BLOGVedi tutti
ARTICOLI CORRELATITutti gli articoli

Adesso in diretta

Ultimo giornale Radio

Ultima Rassegna stampa

  • PlayStop

    Rassegna stampa di sab 16/10/21

    La rassegna stampa di Radio Popolare

    Rassegna Stampa - 16/10/2021

Ultimo Metroregione

  • PlayStop

    Metroregione di ven 15/10/21 delle 19:48

    Metroregione di ven 15/10/21 delle 19:48

    Rassegna Stampa - 16/10/2021

Ultimi Podcasts

  • PlayStop

    Good times di sab 16/10/21

    Il live dei Butcher Brown al Biko di Milano; Festival delle Colline Torinesi; si possono portare i più piccoli ai…

    Good Times - 16/10/2021

  • PlayStop

    Piovono radio di sab 16/10/21

    Piovono radio di sab 16/10/21

    Piovono radio - 16/10/2021

  • PlayStop

    Itaca di sab 16/10/21

    Itaca di sab 16/10/21

    Itaca - 16/10/2021

  • PlayStop

    Itaca Rassegna di sab 16/10/21

    Itaca Rassegna di sab 16/10/21

    Itaca – Rassegna Stampa - 16/10/2021

  • PlayStop

    Mash-Up di sab 16/10/21

    Mash-Up di sab 16/10/21

    Mash-Up - 16/10/2021

  • PlayStop

    Doppia Acca di ven 15/10/21

    Doppia Acca di ven 15/10/21

    Doppia Acca - 16/10/2021

  • PlayStop

    News Della Notte di ven 15/10/21

    News Della Notte di ven 15/10/21

    News della notte - 16/10/2021

  • PlayStop

    psicoradio di ven 15/10/21

    psicoradio di ven 15/10/21

    Psicoradio - 16/10/2021

  • PlayStop

    Quel che resta del giorno di ven 15/10/21

    Quel che resta del giorno di ven 15/10/21

    Quel che resta del giorno - 16/10/2021

  • PlayStop

    Esteri di ven 15/10/21

    1-Germania. Un semaforo sotto l’albero di natale...Raggiunto l’accordo politico tra Spd, verdi e liberali. L’uscita dal carbone entro il 2030…

    Esteri - 16/10/2021

  • PlayStop

    The Game di ven 15/10/21

    //Sicurezza sul lavoro, il governo vara nuove norme per decreto. Più facile sanzionare le imprese e sospenderne l’attività. La competenza…

    The Game - 16/10/2021

  • PlayStop

    Muoviti muoviti di ven 15/10/21

    Quante volte vi hanno controllato il Green Pass oggi? Scatta la classifica dei più monitorati. Poi l'ultimo volo Alitalia della…

    Muoviti muoviti - 16/10/2021

  • PlayStop

    Di tutto un boh di ven 15/10/21

    Di tutto un boh di ven 15/10/21

    Di tutto un boh - 16/10/2021

  • PlayStop

    Considera l'armadillo ven 15/10/21

    Considera l'armadillo ven 15/10/21

    Considera l’armadillo - 16/10/2021

  • PlayStop

    Jack di ven 15/10/21

    Jack di ven 15/10/21

    Jack - 16/10/2021

  • PlayStop

    Audizioni per aspiranti starz

    quando affrontiamo grossi rischi finanziari, esploriamo il mercato immobiliare calmierato per studenti e ricordiamo a tutti che avere un tetto…

    Poveri ma belli - 16/10/2021

  • PlayStop

    Seconda pagina di ven 15/10/21 delle 12:50

    Seconda pagina di ven 15/10/21 delle 12:50

    Seconda pagina - 16/10/2021

  • PlayStop

    Cult di ven 15/10/21

    ira rubini, cult, giovanni chiodi lirica, salone del libro di torino 21, roberto festa, alexandra lapierre, belle green, tiziana ricci,…

    Cult - 16/10/2021

Adesso in diretta